DAILY MAGAZINE

Primo Piano

N-Style Guarda tutto

Contrasto del fenomeno dei roghi di rifiuti, nuovi controlli in tutta la Campania

in Campania/News by
rifiuti

 

Operazione di controllo straordinario del territorio dei comuni di Napoli, Afragola, Nola, Carinaro, Castel Volturno, Marcianise e Mondragone. In campo 38 equipaggi, per un totale di 92 unità appartenenti al Raggruppamento “Campania” dell’Esercito Italiano, Comandi delle Polizie locali di Napoli, Castel Volturno e Mondragone, nonché dei Comandi provincialial Commissariato di P.S. di Nola, al Reparto Territoriale dei Carabinieri di Nola, Casalnuovo e Aversa, alla Compagnia della Guardia di Finanza di Aversa e  Casalnuovo, al Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Napoli, alla Polizia Metropolitana e alla Polizia Provinciale di Caserta e ai   dei Vigili del Fuoco di Napoli e Caserta. Sono state controllate 8 attività imprenditoriali e commerciali operanti nel settore del recupero e stoccaggio dei rifiuti, dell’edilizia e della riparazione e manutenzione di veicoli di cui 2 sequestrate. Sette sono stati gli autoveicoli controllati, 2 dei quali sanzionati per trasporto illecito di rifiuti non pericolosi ed un terzo sequestrato. Sono state controllate 48 persone di cui  1 denunciata all’autorità giudiziaria e rinvenuti 7 nuovi siti di sversamento di rifiuti soldi urbani, di eternit e di materiale edile. Nel complesso sono state contestate sanzioni amministrative per circa 21.000 euro. In particolare, una ditta dedita al recupero e allo stoccaggio di rifiuti è stata sequestrata per inosservanza delle autorizzazioni in materia di trattamento dei rifiuti; 11 addetti alla lavorazione sono stati controllati e sottoposti ad ulteriori verifiche in materia di tutela del lavoro; il titolare è stato denunciato. Presso un’azienda di recupero di materiale tessile, sanzionata per mancata tenuta dei registri di carico e scarico, sono stati individuati 20 dipendenti, 7 dei quali – fermati dai militari dopo un tentativo di fuga – sono risultati irregolari; l’azienda è stata sottoposta a provvedimento di chiusura. Una ditta che commerciava materiale di recupero, non in regola con i registri di carico e scarico, è stata sanzionata per violazione della normativa sulla prevenzione incendio e sicurezza del lavoro. I risultati, seppur ancora parziali in quanto l’attività di controllo è ancora in corso, sono il frutto della nuova modalità operativa di contrasto, promossa dall’Incaricato per il contrasto al fenomeno dei roghi nella regione Campania, Gerlando Iorio e approvata dai Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica di Napoli e Caserta, basata su azioni coordinate, alle quali concorrono l’ Esercito, le Forze dell’Ordine e le Polizie Locali, anche per il controllo delle aree della Terra dei Fuochi dove hanno sede siti di stoccaggio e trattamento dei rifiuti.

Mozzarella Dop, nuova visita del comandante dei Carabinieri per la tutela agroalimentare

in Campania/News by
mozzarella-bufala-dop

Il comandante dei Carabinieri per la Tutela Agroalimentare, colonnello Luigi Cortellessa, è stato in visita al Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, insieme agli ufficiali del Reparto di Salerno e a collaboratori del suo Comando. L’incontro è stato l’occasione per un confronto a tutto campo in tema di vigilanza, incentrato sulle iniziative attuate e sulle criticità del comparto. “Nel quadro di protezione del sistema nazionale, il nostro obiettivo è tutelare da ogni tentativo di frode, garantire l’originalità del Made in Italy e delle produzioni di eccellenza come la mozzarella di bufala campana – sottolinea il comandante Cortellessa – La mia visita va in questa direzione. Ho voluto ascoltare direttamente dal Consorzio le problematiche che affrontano su questo versante per individuare le soluzioni più efficienti”. Proprio nell’ottica della prevenzione, in particolare nel periodo estivo, il Consorzio ha lanciato il mese scorso l’operazione “E…State senza pensieri” aumentando i controlli sulla mozzarella di bufala campana Dop nelle principali località turistiche italiane. Nel primo semestre del 2018 i controlli della Sezione Ispettiva del Consorzio sonoaumentati di circa il 30% rispetto allo stesso periodo del 2017.

Napoli, carcere per la sorella del boss Zagaria

in Campania/News by
dda dia

Passa dai domiciliari al carcere Beatrice Zagaria, 62 anni, sorella del capoclan Michele. La Dia le ha notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere (sostitutiva di una precedente misura di sottoposizione agli arresti domiciliari) emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli. Due giorni fa infatti il Tribunale di Napoli l’ha condannata a 6 anni e 8 mesi di reclusione per associazione per delinquere di tipo mafioso: secondo i giudici la donna, per un lungo periodo, ha raccolto e distribuito ai fratelli ed alle sorelle, liberi e detenuti, ed a persone vicino al clan, parte dei proventi derivanti dalla cassa dei Casalesi.

A settembre la nuova edizione di “Napoli incontra il Mondo” con l’Holi Festival ed il Sushi Village

in Campania/News by
holi-festival

Il 14-15 e 16 settembre 2018, torna alla Mostra d’Oltremare “Napoli incontra il mondo“. Dopo il successo della prima edizione, la kermesse è pronta a stupire ed emozionare con tante novità. Oltre agli eventi di successo dell’anno scorso tornerà l’ormai consueto appuntamento con l’affascinante Festival dell’Oriente e  il coloratissimo Holi Festival. Per gli amanti del paese del Sol Levante sarà allestita un’area che ospiterà il Japan Festival che consentirà, oltre a visitare le mostre e prendere parte a cerimonie tradizionali, di assaggiare varie specialità all’interno del Sushi Village. Lo street food giapponese sarà arricchito dalla prestigiosa partecipazione di alcuni dei maestri del sushi, pronti a svelare al pubblico i segreti della loro cucina tradizionale. Inoltre, sarà offerta la possibilità di partecipare, in un’area esterna, allo Yoga Festival, per conoscere le varie tipologie della disciplina. Tra le altre novità, per un evento che vede impegnati ben 12 palchi, anche il Drums Festival, con alcuni tra i migliori percussionisti del mondo, il calore del Festival Argentino, con alcuni ballerini che si esibiranno sulle musiche sensuali del tango e poi Sport Games, un evento adrenalinico dedicato al mondo dello sport. Infine, Napoli cavalli, un’altra coinvolgente rassegna di tutte le razze equine italiane e variegati spettacoli di equitazione.

Universiadi, la risposta della Mostra d’Oltremare: “Villaggio degli atleti? Non è un’idea nostra”

in Campania/News by
universiadi-3

In una nota, la Mostra d’Oltremare mette nero su bianco alcune precisazioni in merito al dibattito che si è svolto nel corso della riunione congiunta tra la Commissione monitoraggio Universiade e la Commissione Diritto alla città del Comune di Napoli.  “Il 13 aprile 2018 – si legge nella nota – la presidente, Donatella Chiodo, e il consigliere Delegato, Giuseppe Oliviero, sono stati convocati in Regione Campania, nel corso di una riunione tecnica presso la Regione Campania dove è stata formulata richiesta di elaborazione di uno studio di pre-fattibilità per l’allocazione del villaggio degli atleti all’interno della Mostra d’Oltremare per un numero di atleti pari a 6.000 (poi diventati 7.200), da presentare poi in Cabina di Regia. Il 26 aprile 2018 – prosegue la nota – viene presentato lo studio di pre-fattibilità alla Cabina di Regia. Il 10 maggio 2018 la Cabina di Regia, alla presenza di tutti i componenti, oltre ad analizzare gli esiti della procedura di consultazione preliminare, approfondisce le ipotesi di realizzazione del Villaggio e chiede, con decisione unanime, alla Mostra d’Oltremare di predisporre gli atti per l’esecutività della proposta. La scelta di dove allocare il villaggio degli atleti per l’Universiade Napoli 2019 non è nella disponibilità della Mostra d’Oltremare: sono altri gli enti preposti a questa scelta. Relativamente al restante contenuto della missiva, la Mostra d’Oltremare si riserva di valutare ogni utile atto a difesa della propria immagine”.

Napoli, le verità di De Laurentiis sul futuro del nuovo stadio

in Campania/News/Sport by
stadio-san-paolo

Il presidente Aurelio De Laurentiis ha voluto fare chiarezza con un comunicato ufficiale, sul progetto che riguarda il prossimo stadio e il centro sportivo del Napoli. “Da molto tempo – dichiara –  esiste il vezzo di cercare di indovinare dove potrebbe essere costruito il prossimo stadio e anche il prossimo Centro Sportivo del Napoli. Questo anche senza avere riscontri in tal senso. Ciò mi spinge a ribadire alcuni concetti. Il futuro stadio non sarà necessariamente nello stesso territorio dell’attuale centro sportivo di Castel Volturno. La società ha avuto numerosi contatti con il sindaco di Melito, Antonio Amente e quando si parla dei 100 ettari necessari per il progetto, questa è la location potenzialmente individuata dove si potrebbero studiare le varie soluzioni ipotizzate. È in corso anche un dialogo con il sindaco di Castel Volturno per poter proseguire, oltre i Regi Lagni, la realizzazione di otto campi di calcio con relativi servizi. C’è infine un’idea avanzata dal Gruppo Coppola per mettere a disposizione un grande appezzamento di terreno dove si potrebbe costruire sia lo stadio che il centro sportivo. Stiamo infine studiando per queste quattro proposte, la viabilità e i tempi di percorrenza per tutti i napoletani e i campani”.

Muore dopo un intervento per ernia inguinale, si indaga a Napoli

in News/Primo Piano by
ospedal

L’associazione di consumatori Codici chiede chiarezza sulle cause del decesso di un uomo, morto nell’ospedale San Paolo di Napoli, a seguito di un’operazione per un’ernia inguinale e di cui hanno riferito organi di stampa.”La vittima della vicenda è un uomo di circa cinquant’anni che, ricoverato per un’ernia inguinale, è deceduto in seguito all’operazione presso l’Ospedale San Paolo di Napoli – si legge in una nota dell’associazione – l’uomo, che avrebbe dovuto essere sottoposto ad un veloce intervento in day hospital, è invece deceduto. I familiari hanno presentato una denuncia per ricostruire la dinamica dei fatti. Sarà necessario ora chiarire le cause che hanno portato alla morte l’uomo e stabilire le eventuali responsabilità”. “E’ urgente fare chiarezza sulla morte di un uomo di cinquant’anni, ricoverato per un’operazione del genere in una struttura sanitaria pubblica e punire eventualmente i colpevoli- dice il segretario nazionale di Codici Ivano Giacomelli”.

La Golden Tulip Volalto 2.0 scrive la storia del Volley: Pérez a Caserta!

in Campania/News/Sport by
Perez volalto

Quando è arrivata la firma sul contratto si sono fermati gli orologi. Stava accadendo un qualcosa di storico. Una campionessa mondiale della Nazionale del Venezuela approdava in Italia. Ma non in A1. Bensì nell’unico club che sta facendo girare la testa a tutta l’Italia: la Golden Tulip Volalto Caserta 2.0. La società di Serie A2 del patron Nicola Turco ha scombussolato il mercato internazionale portando nella città della Reggia un fenomeno del volley mondiale. Volete un paragone? Beh, allora pensate a Cristiano Ronaldo alla Juve e il gioco è fatto. La nuova giocatrice della Volalto 2.0 è Maria José Pérez Gonzàlez, 30enne del Venezuela che da opposto sarà l’arma micidiale di cui potrà servirsi coach Luca Cristofani. Un colpo che fa tremare soprattutto le avversarie. Caserta mira a vincere, ma a questo punto rischia seriamente di fare il vuoto alle sue spalle. Maria José Pérez Gonzàlez è una giocatrice gira mondo: è stata in Porto Rico, Finlandia, Cipro, Francia, Indonesia e Filippine. Ma ora è giunta in uno dei campionati più competitivi del Mondo. E vuole continuare a vincere. Il presidente Nicola Turco dopo aver trattato in euro ha alzato ancora di più l’asticella andando a trattare in dollari una delle atlete più richieste del mercato. E’ una delle punte di diamante della Nazionale Venezuelana: ad appena 17 anni si è messa al collo la medaglia d’argento ai Giochi Bolivariani del 2005 e la stessa medaglia l’ha conquistata anche nel 2013. Nel mezzo il bronzo ai Campionati del Sud America. Vogliamo parlare anche di club? Ok, allora mettetevi comodi che parte l’elenco di premi. Nel 2014 ha conquistato il secondo posto nella Liga del Venezuela risultando essere la migliore del torneo (per punti, nessuna meglio di lei). L’anno dopo, nel 2015, va in Indonesia e firma per il Jakarta Electric PLN. Risultato? Ovviamente la vittoria schiacciante del campionato con l’oro al suo collo. Poi torna in Venezuela e fa giusto in tempo per conquistare un altro prestigioso riconoscimento: miglior attaccante della lega. Quindi è ancora una volta in Indonesia dove riesco a portarsi a casa un altro primo posto fantastico. E quindi l’esperienza nelle Filippine: con la F2 Logistics Cargo Movers non sbaglia una partita e si laurea campionessa anche delle Filippine ed MVP del torneo. Per lei ci sono solo applausi. Per una giocatrice stratosferica. Che adesso indosserà la maglia rosanero della Volalto 2.0. Sembra incredibile.

Il Napoli svela la nuova maglia azzurra a tema “animalier”

in Campania/News/Sport by
maglianapoli

La data era ormai virale, così come un video che girava sui social del Napoli: il 18 luglio era la data per la presentazione web della prima maglia azzurra, con un tema particolare, quello della pantera. La realtà però ha superato ogni immaginazione: una vera e propria pantera tono su tono su tutta la casacca 2018/2019 della squadra di Ancelotti, che ha anticipato i successivi temi animalier, come quello del serpente per i profili della casacca dei portieri. Grandi sorprese anche per la seconda e la terza, che richiamerà sempre le caratteristiche fameliche del noto animale con dei colori nuovi.

“Rete Siti Unesco”, 14 siti del Mezzogiorno tra le migliori bellezze italiane

in Campania/News by
reggiacaserta

Multimedialità, nuove tecnologie, comunicazione, promozione di percorsi personalizzati e un festival itinerante da luglio a settembre 2019: costituiscono il cuore del progetto “Rete Siti Unesco”, elaborato dall’Associazione Province Unesco Sud Italia e che coinvolge 14 siti del Mezzogiorno patrimonio dell’Umanità. Il progetto, che prevede un investimento complessivo di 1.080.000 euro, è stato cofinanziato dal ministero per i Beni culturali e promosso dall’Unione province italiane (Upi). Il progetto sarà sviluppato su più segmenti con l’obiettivo di attivare una rete per promuovere attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie, l’offerta delle risorse paesaggistiche, culturali, enogastronomiche dei territori. I siti Unesco scelti sono i Sassi e il Parco delle Chiese Rupestri di Matera, la Costiera Amalfitana, il Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano con i siti archeologici di Paestum, Velia e la Certosa di Padula, il Complesso monumentale di Santa Sofia, la Reggia di Caserta con il Parco, l’acquedotto Vanvitelli e il Complesso di San Leucio, Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale, Siracusa e le necropoli rupestri di Pantalica, le Città tardo barocche del Val di Noto, la villa romana del Casale di Piazza Armerina, l’Area archeologica su Nuraxi di Barumini, i trulli di Alberobello, Castel del Monte, il santuario Garganico di San Michele a Monte Sant’Angelo e la Foresta Umbra.

Napoli: sottopagato e con turni estenuanti, Guardia Giurata si toglie la vita con l’arma d’ordinanza

in Campania/News by
guardia giurata

Una guardia giurata è stata soccorsa e trasportata di urgenza all’ospedale San Paolo dove è morta. L’ uomo, di 52 anni, napoletano, è stato ritrovato dai soccorritori del 118 sul pavimento dell’atrio nella palazzina dove abitava in via Leopardi con due ferite d’arma da fuoco sull’addome. Dalle prime ricostruzioni di quanto accaduto sembra il vigilantes, intorno alle 7 di questa mattina, si sarebbe sparato con la sua pistola d’ordinanza per poi precipitare nella tromba delle scale. Le gravissime lesioni interne riportate hanno compromesso irrimediabilmente le sue condizioni cliniche provocandone la morte nonostante i tentativi dei sanitari di salvargli la vita.  Da qui, l’appello delle associazioni: “Le tante morti tra le guardie in servizio ed i suicidi con l’arma di servizio molte volte sono riconducibili a condizioni di lavoro estenuanti e sottopagate – ha dichiarato Giuseppe Alviti presidente dell’associazione Nazionale Guardie Particolari Giurate –  stipendi non retribuiti o elargiti in acconti, turni anche a 16 ore e 7 giorni su 7, ritardi nei pagamenti, prese di servizio lontane chilometri. Esprimiamo solidarietà alla famiglia del collega-conclude Alviti – a questo punto, Questura e Prefettura, dovrebbero intervenire anche ritirando le licenze agli istituti se è il caso”.

Ancora caos a Napoli, sassi contro un’altra ambulanza: l’appello delle associazioni

in Campania/News by
ambulanza

Sassi contro un’ambulanza in un quartiere della periferia di Napoli: a denunciarlo, sulla sua pagina Facebook, è l’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate”. Questa, secondo gli attivisti, è la cinquantesima aggressione che si verifica dall’inizio dell’anno. L’ambulanza della postazione Miano, si legge nel post, era stata allertata dalla centrale operativa per “sospetta lesione ossea arto inferiore” intorno alle ore 22.00 di ieri. “Mentre il mezzo si dirige in via Arenaccia viene colpito più volte da sassi che fortunatamente hanno lesionato solo il portellone laterale ed il parabrezza. Ovviamente l’autista ferma immediatamente l’ambulanza, l’equipaggio avvisa la Centrale Operativa”. “L’Associazione è basita per il gesto di estrema ferocia – si sottolinea – Ci auguriamo che sia stata una ‘bambinata’ perché se lo avessero fatto degli adulti vuol dire che c’è un odio nei nostri confronti immotivato. Siamo stanchi di assistere a queste scene di “guerriglia urbana”.

Napoli, al Pascale il secondo robot Da Vinci per gli interventi

in Campania/News by
davinci

Installato al Pascale il secondo robot ‘Da Vinci’, la piattaforma più evoluta, nonché il sistema più avanzato per la chirurgia robotica mininvasiva che rafforza il ruolo dell’Istituto dei tumori di Napoli come centro di eccellenza a livello nazionale in questo settore. L’acquisizione di questo nuovo macchinario rientra nel progetto di innovazione tecnologica ed ulteriore crescita della qualità della offerta assistenziale chirurgica del Pascale già avviata nel 2012 con l’acquisizione del primo robot. “Da allora migliaia sono stati i pazienti, provenienti da tutta Italia, curati e guariti in varie discipline; ma ancora tanti, troppi, sono i pazienti campani – si legge in una nota dell’istituto – che per ottenere un trattamento mininvasivo scelgono di andarsi a curare lontano dai propri cari per ridurre i tempi di attesa. L’acquisto del secondo dispositivo operativo rende l’Istituto Pascale l’unico nosocomio in Campania ed in tutto il Sud Italia (assieme con Ospedale Generale Regionale F. Miulli di Acquaviva delle Fonti) a poter disporre di due sistemi robotici per la chirurgia minivasiva ed è un importante passo verso l’adeguamento ed omogeneizzazione dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) nel territorio regionale rispetto a quello nazionale garantendo, di fatto, il Diritto alla Salute del cittadino a casa propria”. Ad appena due settimane dell’installazione del nuovo robot, gli interventi eseguiti per le patologie oncologiche in Urologia, Chirurgia Generale, Otorinolaringoiatria e Ginecologia sono andati ben oltre le più ottimistiche previsioni con un incremento dei trattamenti del 18%. “Questo trend – dice il direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi – è contemporaneamente conseguenza e motore del continuo sviluppo ed innovazione dei piani diagnostici terapeutico-assistenziali adottati dall’Istituto Nazionale dei Tumori e sicuramente consentirà una ulteriore crescita della offerta assistenziale ai cittadini”.

Napoli, tutta la verità di capitan Hamsik tra passato, presente e futuro

in Campania/News/Sport by
hamsik

Il capitano del Napoli Marek Hamsik ha rilasciato una lunga intervista in cui ha parlato dei rumors di mercato che l’hanno visto protagonista, della delusione per il finale di stagione dello scorso campionato e delle aspettative sul nuovo Napoli di Carlo Ancelotti. “Cosa mi aveva spinto a pensare alla Cina? Non era la prima volta che nasceva questa possibilità, avrei sistemato la famiglia definitivamente. Mi ero dato come data il 9 luglio, se entro la data del ritiro non fosse successo nulla avrei lasciato perdere. Anche dopo l’Europeo di due anni fa c’erano state richieste. Sarri? Mi ha mandato un messaggio al primo giorno del ritiro come capitano del Napoli, chiedendomi di diffonderlo alla squadra. Ci faceva gli auguri per il futuro. Confermo, quelle tre panchine mi hanno fatto male lo scorso anno. Più che vincerlo la Juve, il campionato lo abbiamo perso noi ma in quel week-end si sono miscelate due situazioni che ci hanno demoralizzato. Abbiamo avvertito il mondo caderci addosso. Regista con Ancelotti? È una cosa che mi intriga ed incuriosisce. Mi ci calo con interesse ed ottimismo. Può allungarmi la carriera? Non ho pensato a questo. Quando Ancelotti mi ha detto che avrebbe voluto provarci, mi ha dato altri stimoli”.

Liquami nei depuratori campani, domani due tavoli in commissione Terra dei Fuochi

in Campania/News by
depuratori

Domani presso la Sala riunioni del Consiglio regionale della Campania al Centro direzionale isola F8, 6° piano, la III Commissione speciale ‘Terra dei Fuochi, bonifiche ed ecomafie’ presieduta dal consigliere regionale Gianpiero Zinzi si riunirà in due distinti incontri per fare il punto su due tematiche particolarmente sentite. Alle ore 14 è fissata l’audizione per discutere dello “Stato di grave inquinamento dei Canali La Pigna e Trenta Palmi, in tenimento di Sessa Aurunca e Cellole”. Si tratta di un aggiornamento della situazione già affrontata nel corso di una precedente audizione svoltasi il 3 luglio scorso. Alle ore 16 si farà, invece, il punto sul “Sistema Idrico Integrato del litorale domizio: stato dell’arte sulla depurazione e sullo smaltimento dei fanghi”.

Il Ministro Costa ad Ottaviano per il nuovo sistema di videosorveglianza del Parco Vesuvio

in Campania/News by
ottaviano-parco-vesuvio

Il ministro dell’ambiente, Sergio Costa è a Ottaviano per presentare il nuovo sistema di videosorveglianza del Parco Vesuvio. A un anno dal disastroso incendio che devastò circa venti chilometri di territorio arriva il primo importante strumento per contrastare gli attacchi di piromani ma anche per monitorare i continui abusi perpetrati dagli scarichi abusivi di materiali di ogni genere. «Una giornata importante per il parco Vesuvio» hanno sottolineato il ministro Costa e il presidente del parco, Agostino Casillo. Trentacinque nuove telecamere installate nell’area protetta del Parco Nazionale del Vesuvio serviranno a scovare chi deposita rifiuti, ma anche chi potrebbe dar fuoco al bosco del parco o qualsiasi tipo di reato nell’area protetta. Il ministro, prima di raggiungere la sala conferenze del castello, si è intrattenuto con alcuni cittadini che gli hanno chiesto quali azioni intraprendere per poter procedere con la bonifica delle aree private dagli alberi inceneriti dal vasto incendio che lo scorso anno mandò in fumo molti ettari dell’area protetta.

Napoli: ispezione a sorpresa all’Ospedale Monaldi per i trapianti pediatrici

in Campania/News by
Monaldi

Una task force del Ministero della Sanità ha effettuato delle ispezioni nell’ospedale Monaldi di Napoli nell’ambito di accertamenti su presunte criticità connesse ai trapianti pediatrici. Presenti anche i carabinieri del Nas. La task force è accompagnata dai vertici degli Ospedali dei Colli, il commissario straordinario Antonio Giordano e il sub commissario con funzioni sanitarie Maria Vittoria Montemurro, e da rappresentanti della Regione Campania.

1 2 3 33
Go to Top