DAILY MAGAZINE

Primo Piano

Dramma sfiorato in un centro della Valle Telesina

in Campania by

Avrebbe fatto fuoco contro sé stesso, ora è in prognosi riservata al Rummo: secondo la ricostruzione dei carabinieri, un 19enne si sarebbe sparato alla testa, a quanto pare, dopo aver litigato con i genitori.

Immediatamente soccorso, il giovane è stato trasportato a Benevento, in ospedale, dove le sue condizioni sono state definite gravi.

Bollettino del 23 ottobre: 3.908 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

in News by

Sono  3.908 i nuovi contagi da coronavirus in Italia su 491.574 tamponi effettuati, con tasso di positività al 0,8%. I decessi registrati sono 39 . i ricoveri ordinari aumentano di 12 unità (ora in totale 2.455), le terapie intensive diminuiscono di 5 unità (ora in totale 338)

Covid Campania: 448 positivi nelle ultime 24 ore

in Campania by

Continua a crescere il tasso di incidenza per il Covid in Campania: si passa dall’1,84 di ieri all’1,92% di oggi. Secondo i dati dell’Unità di crisi della Regione sono 448 i positivi su 23.236 test. I morti sono 5. Cala l’occupazione dei posti letto: vi sono 20 ricoverati in terapia intensiva (meno 1) e 176 in degenza (meno 10).

Terracina: violenza ed estorsione nei confronti di una 20enne

in News by

Un tentato suicidio ha consentito agli inquirenti di aprire le indagini del locale commissariato e arrestare di due ventenni, anche loro di nazionalità indiana, accusati di violenza sessuale, tentata estorsione e detenzione di materiale pedopornografico. I due indagati sono stati rintracciati e bloccati uno in Veneto e l’altro a Fondi, in provincia di Latina.

Secondo le ricostruzioni degli inquirenti nel mese di maggio 2020, i due arrestati avrebbero abusato sessualmente della giovane loro coetanea. La vittima, temendo di venire ripudiata dal fidanzato, non denunciò la violenza subita. I presunti autori degli abusi iniziarono però a fare alla ragazza richieste estorsive, minacciandola di essere pronti a divulgare dei video che avevano fatto della violenza se non avesse accettato le loro richieste.

Nocera Inferiore, ai domiciliari una coppia “seriale”

in Campania by

Arrestata coppia accusata di aver messo a segno una serie di furti: un 38enne e la compagna 31enne, entrambi residenti nella cittadina dell’agro, ed ora ai domiciliari, sono accusati di furti con strappo e rapine.

I poliziotti hanno ricostruito le modalità con cui la coppia si sarebbe resa protagonista di vari reati: pare che già nell’agosto scorso, nella centralissima Piazza Amendola di Nocera, avevano trascinato un anziano con difficoltà deambulatorie nel tentativo di portargli via una catenina d’oro. La vittima era caduta rovinosamente a terra, riportando anche la frattura di una mano. Dalle indagini e grazie anche all’analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza, gli agenti sono riusciti a risalire alla coppia.

Covid, per Costa “E’ ragionevole l’estensione terza dose entro 2021”

in News by

Non spetta alla politica decidere a chi e quando somministrare la terza dose di vaccino anti-Covid, attendiamo le indicazioni scientifiche. Ad oggi abbiamo indicazioni che ci dicono di procedere con gli over-60 ma dopo credo che sia ragionevole pensare che già entro fine anno si procederà all’estensione della platea e si arriverà probabilmente a dare la terza a tutta la platea dei vaccinabili”. Lo dichiara il sottosegretario alla Salute Andrea Costa.

“Quando raggiungeremo il 90% dei vaccinati – ha inoltre rilevato Costa – ci sarà la condizione per una gestione migliore e si potranno rivedere le misure restrittive, tra cui anche l’applicazione del green pass”.

“Credo – ha spiegato – che i dati che dobbiamo osservare con attenzione non sono tanto i contagi ma i ricoveri, e i numeri ci dicono che siamo in una fase di decrescita, poi è normale che con l’aumento dei tamponi per il green pass ci sia stato un aumento dei contagiati rilevati, si tratta di un rapporto puramente numerico”.

No Green pass scendono in piazza Roma. Lo slogan: “Non molliamo mai”

in News by

I manifestanti hanno raggiunto piazza Ugo La Malfa a Circo Massimo dove sono previsti gli interventi, tra gli altri, di Enrico Montesano e della deputata Sara Cunial, ex 5 Stelle ora Gruppo Misto, nota per le sue posizioni no vax. “Trieste è in ogni piazza” e “zona libera” sono alcuni degli striscioni.

I manifestanti intonano cori “la gente come noi non molla mai” e alcuni sventolano bandiere tricolore. Nella stessa area di Circo Massimo nel pomeriggio è stato preavvisato anche un sit-in di “Liberi cittadini”.

Pomigliano d’Arco, tragedia per un dipendente dello stabilimento Leonardo

in Campania by

Trovato senza vita un 58enne, dipendente dello stabilimento Leonardo di Pomigliano d’Arco, in provincia di Napoli, negli uffici in cui lavorava. A trovare il cadavere alcuni addetti all’apertura mattutina ieri. Attesa per l’autopsia al fine di accertare le cause della morte, che potrebbe risalire a diverse ore prima del ritrovamento.

L’ipotesi più accreditata al momento è quella del suicidio. In azienda sono intervenute anche le forze dell’ordine.

Monitoraggio Iss: “Più contagi tra sanitari, 371 contro 306 della scorsa settimana”

in News by

Crescono i casi di Covid 19 tra gli operatori sanitari che passano dai 306 della scorsa settimana a 371 dell’ultima rilevazione, con 65 contagi in più e una proporzione del 3,6% sulla popolazione generale (era il 2,9% nella rilevazione precedente).

Lo rileva il Report esteso sull’epidemia Covid 19 pubblicato dall’Istituto Superiore di sanità (Iss) e aggiornato al 20 ottobre, a completamento del monitoraggio settimanale.  

A Giugliano nasce l’osservatorio per i beni confiscati

in Campania by

Si tratta di un vero e proprio osservatorio sui beni confiscati composto da associazioni e rappresentanti di tutti gli schieramenti del consiglio comunale. All’iniziativa dell’amministrazione Pirozzi presentata nei locali dell’ex parco Rea affidati alla cooperativa Mondo in Cammino di Giovanni Leonardi, erano presenti con la fascia tricolore giuglianese anche il consigliere comunale delegato ai beni confiscati Francesco Cacciapuoti e i rappresentanti della Regione Campania, l’assessore alla legalità Mario Morcone e la presidente della sesta commissione permanente Carmela Fiola, detta Bruna.

Al tavolo moderato dall’avvocato Francesco Faiello insieme agli esponenti della politica si sono alternati anche Antonio D’Amore di Libera, Giovanni Tagliaferri di Confcooperative, Riccardo Volpe di Nessuno Escluso, Paolo Masia della CGIL Napoli e il “padrone di casa” Leonardi, che prima della conferenza ha mostrato le sale e il funzionamento della struttura da lui diretta, alla presenza di diversi operatori e ospiti.

Caporalato, il messaggio di Papa Francesco alla FAI-CISL: “Vicinanza e incoraggiamento nella lotta allo sfruttamento”

in News by

 “La vostra iniziativa assume un alto valore simbolico e culturale nella lotta contro lo sfruttamento delle persone a causa del caporalato e nel sostegno alle attività di integrazione sociale degli operai agricoli”.

Con queste parole Papa Francesco, attraverso il sostituto Segretario di Stato Arcivescovo Edgar Peña Parra, ha inviato un messaggio di vicinanza al Segretario Generale della Fai-Cisl Onofrio Rota, esprimendo apprezzamento per la cerimonia svolta alcuni giorni fa nel cimitero di Bari in memoria di Hope, ragazza nigeriana morta in un rogo nel ghetto di Borgo Mezzanone, nel foggiano.

“Sua Santità desidera manifestarle vicinanza – prosegue la lettera – e incoraggiare la Federazione a proseguire l’impegno a favore di coloro che sono costretti a vivere e operare ai margini, ridotti spesso a schiavi invisibili di una società che con troppa facilità li dimentica, avvolgendoli in un silenzio complice e assordante. È importante sensibilizzare l’opinione pubblica e continuare ad avviare progetti che promuovano la dignità dei lavoratori e del lavoro, combattendo ogni forma di sfruttamento e di abuso”.

“Siamo molto emozionati e ringraziamo Papa Francesco per il suo riconoscimento e la sua vicinanza”, ha commentato Rota sui social: “Questo messaggio ci spinge ad impegnarci ancora più fortemente nel contrasto allo sfruttamento e all’illegalità, per garantire diritti e dignità a tutti i lavoratori e le lavoratrici che giungono nel nostro Paese nella speranza di una vita migliore”.

Violenze e risse tra giovanissimi: la denuncia di Borrelli

in Campania by

È accaduto a Napoli in via Santa Maria di Costantinopoli la mattina del 21 ottobre all‘esterno di un bar. In un filmato inviato da un cittadino al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli si vede come un ragazzino riverso al suolo venga attaccato da due coetanei e una volta riuscito a rialzarsi viene tempestato di pugni al volto e alla testa.

“Abbiamo inviato il filmato le forze dell’ordine affinché si individuino i responsabili che dovranno essere puniti in maniera esemplare intervenendo anche sulle loro famiglie. Il fatto è che questo genere di episodi si verifica sempre più spesso in ogni quartiere, in ogni città, ciò evidenzia che non stratta di una questione ‘ambientale’ ma di un problema culturale e sociale. I giovani sono desensibilizzati alla violenza, questo anche a causa di un accesso no-limits a contenuti digitali di ogni tipo, anche estremamente violenti e degradanti, e anche alla possibilità di produrli e condividerli essi stessi grazie ai social. Quindi oggi sembra che il linguaggio della violenza sia l’unico modo, o uno dei pochi, attraverso il quale i giovani riescono ad esprimersi. Bisogna intervenire con una radicale rieducazione e non c’è ulteriore tempo da perdere.” –ha commentato così Borrelli.

Riaperta a Napoli la Galleria Quattro Giornate

in Campania by

Al termine del sopralluogo del sindaco Gaetano Manfredi e dell’assessore alle Infrastrutture Edoardo Cosenza, la Galleria Quattro Giornate, che collega Mergellina con Fuorigrotta, è stata riaperta alla circolazione veicolare. Ricordiamo che la sua chiusura, avvenuta per infiltrazioni d’acqua nella volta, aveva comportato negli scorsi giorni gravi ripercussioni per il traffico cittadino, già messo a dura prova dalle problematiche della Galleria Vittoria, il cui ripristino non è ancora all’orizzonte.

Il neosindaco Manfredi aveva posto la riapertura della Galleria Quattro giornate tra le sue priorità:  “Dobbiamo ripristinare la viabilità nella Galleria Quattro Giornate nel più breve tempo possibile. Poi, dobbiamo occuparci della vicenda dei vigili urbani col il contratto scaduto: meritano risposte rapide”.

Bacoli, minaccia di dar fuoco al sindaco Josi Gerardo Della Ragione

in Campania by

Un uomo munito di una bottiglia piena di benzina, si è gettato verso i banchi del Consiglio, gettando liquido infiammabile ovunque. E, con un accendino alla mano, stava per appiccare il fuoco. Una tragedia evitata soltanto grazie all’intervento di agenti della Polizia Municipale e dei militari dell’Arma dei Carabinieri.

Le minacce subite dal sindaco Josi Gerardo Della Ragione, sono state raccontate con un post su Facebook dal primo cittadino: “È evidente che l’azione di ripristino della legalità, che stiamo portando avanti con ogni sforzo, qui a Bacoli, sta generando tensioni sociali in un sistema incancrenito di illeciti, illegalità e clientele che ha affossato per decenni la nostra terra. Non possiamo tollerarlo. E, soprattutto, non ci piegheremo. Siamo certi che la Bacoli che vuole cambiare è costituito dalla stragrande maggioranza dei nostri concittadini. Ed a loro daremo sempre conto. Senza paura. Mai. Resterò sempre a disposizione di chi vuole confrontarsi, di chi vuole fare proposte, ed anche di chi ha da lamentare disagi. Sempre. Anche da posizioni politiche opposte. Ma non tollererò mai violenze, minacce, insulti. Mai mi piegherò all’intimidazione di chi non ha capito che è finito un tempo”.

L’uomo, 57enne, dipendente del Centro Ittico Campano come guardia giurata è stato denunciato per interruzione di pubblico servizio l’ex guardia giurata che è stata visitata da personale del 118. Sequestrata cautelarmente la pistola di cui l’uomo era legalmente in possesso

Napoli, controlli alle bici elettriche: sequestri e multe per 123mila euro

in Campania by

Sono ormai note le tecniche per l’alterazione delle bici a pedalata assistita, sia per potenza che per struttura, permette al “centauro moderno” di girare la manopola dell’acceleratore come per i tradizionali scooter, senza dover pedalare. Ovviamente le “modifiche” obbligano a rispettare le stesse disposizioni del codice della strada, applicate a qualsiasi motociclista.

Il Comando Provinciale dei Carabinieri di Napoli, in sinergia con il Comando Generale che ha avviato l’esecuzione di servizi mirati in tutta Italia, attuando una serie di controlli volti a verificare che dietro all’apparente telaio di una bici elettrica non si nasconda un vero e proprio scooter.

 Le operazioni sono state effettuate nel centro cittadino di Napoli, a piazza Trieste e Trento e a piazza Bovio ma anche al vomero a piazza degli artisti.

I dispositivi di controllo messi in atto dai Carabinieri motociclisti del Radiomobile partenopeo, pronti all’occorrenza ad inseguire chi non avesse voluto sottoporsi al controllo, sono stati svolti con la presenza fissa di una delle piattaforme tecniche della Motorizzazione Civile che ha accertato sul posto le reali condizioni dei velocipedi elettrici senza margini di errore.

Computer e rulli meccanici che simulano la marcia in strada e rilevano la velocità massima. I militari dell’Arma hanno contestato ai centauri 2.0 le sanzioni previste dal codice della strada: la guida senza patente, la guida senza casco, la mancanza della copertura assicurativa e la mancanza della targa.

Un’oasi per la frazione di Sarno: un corridoio ecologico nella piana della sorgente Rio Santa Marina

in Campania by


Inaugurato in località Lavorate, il corridoio ecologico lungo la sorgente Santa Marina, una delle sorgenti del fiume Sarno. L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla partnership tra l’Ente Parco Regionale del Fiume Sarno, Legambiente, Fondazione con il Sud, l’Associazione ” Partecipiamo, viviamo, curiamo il Sarno” e l’Associazione Accademia Kronos Salerno.


Un percorso naturalistico lungo oltre 800 metri che, dopo una accurata riqualificazione, è stato allestito con aule all’aperto per scolaresche, piazzole per la raccolta differenziata, tre postazioni per birdwatching, panchine ed un percorso pedonale fruibile ai diversamente abili che attraversa la natura e consente al cittadino, grazie alla consultazione di bacheche informative, di conoscenza della flora e della fauna che popolano il tratto del Rio Santa Marina.


Un percorso naturalistico , quindi, che comprende anche un’area didattica e una postazione di birdwatching. Il birdwatching non è solamente un passatempo per i più piccoli, ma un vero e proprio svago anche per gli adulti. L’obiettivo principale perseguito dall’Ente Parco Fiume Sarno, guidato dal Presidente Antonio Crescenzo, è stato quello di restituire una vasta area alla cittadinanza al fine di consentirne a tutti l’accesso e la possibilità di ammirarne la naturale bellezza, considerata l’assenza, in tale tratto di fiume, dell’azione antropica dell’uomo. In futuro, lo stesso Ente Parco ha annunciato di voler stipulare nuovi protocolli di intesa con associazioni e comitati ambientalisti per migliorare i servizi dell’area e rendere l’area maggiormente fruibile dai cittadini.

Cantieri sulla Statale amalfitana: lavori in corso per risanare dissesto idrogeologico

in Campania by

Quattro i cantieri di competenza dell’Anas, tutt’ora attivi lungo la Statale amalfitana, la carrabile che da Vietri sul Mare conduce fino a Positano. Oltre, naturalmente, ai cantieri mobili, che avanzano di volta in volta, per consentire le attività di ordinaria manutenzione. Trentasei chilometri di strada panoramica e curve che, oltre a regalare una vista mozzafiato sulle bellezze della Divina, sono anche piuttosto impegnativi per automobilisti e centauri.

I lavori in corso sono dovuti principalmente al dissesto idrogeologico e al conseguente pericolo di caduta massi. Una spada di Damocle che pende costantemente sulla Costiera e che, sommata agli incendi che, puntualmente, ogni anno mandano in fumo centinaia di ettari di macchia mediterranea, si trasforma in una bomba ad orologeria, se non vengono presi provvedimenti. Proprio per questo motivo si effettuano le operazioni di bonifica delle pareti di roccia, di disgaggio dei massi instabili e del posizionamento delle reti paramassi.

No Green pass a Trieste: via a incontro con ministro Patuanelli

in News by

“Togliere il Green Pass e il vaccino obbligatorio, questo proporremo. Non sarà una trattativa tra il popolo e il governo”. Lo ha detto Stefano Puzzer, portavoce del Coordinamento 15 ottobre, il neonato movimento contro il Green pass, prima dell’incontro con il ministro delle Politiche agricole, il triestino Stefano Patuanelli.

  La riunione è cominciata e sono in corso gli interventi.  “Spero venga redatto un verbale che consegneremo in piazza Unità a tutti”, ha aggiunto Puzzer, presente con gli altri quattro rappresentanti del Coordinamento. 

Da oggi Vienna Cammarota è testimonial di Archeoclub d’Italia nel Mondo

in News by

“Partirò dai Lazzaretti di Venezia dove Gerolamo e Giorgia Fazzini hanno fatto e continuano a fare un grande lavoro di valorizzazione dei territori. E’ lì ai Lazzaretti di Venezia, che ricordo essere inoltre due belle isole, che venne ideata per la prima volta nella storia, la quarantena ed è in quei luoghi che è possibile vedere, fotografare, il primo Green Pass. Ma grazie al lavoro fatto c’è un intero mondo da ammirare con ecomuseo, sentieri, archeologica. Il mio cammino verso la Cina inizierà dai Lazzaretti e sarà anche un atto molto forte”. Lo ha annunciato pochi minuti fa, Vienna Cammarota, Guida Ambientale Escursionistica che il 26 Aprile partirà dall’Italia per raggiungere la Cina a piedi. Vienna Cammarota è campana, di Felitto, in provincia di Salerno ed ha 72 anni. Quando arriverà in Cina, Vienna avrà già compiuto 75 anni! L’annuncio durante il Cinquantesimo Congresso Nazionale di Archeoclub d’Italia in corso di svolgimento a Roma al Museo delle Arti Classiche, Polo Museale dell’Università “La Sapienza”.

“Dall’Oriente arrivavano merci e la seta era considerata tra le merci suscettibili di contagio ed insieme alla lana – ha affermato Gerolamo Fazzini, Presidente Archeoclub d’Italia sede di Venezia –  al cotone e alle pellicce doveva essere disinfettata e le pulci dei topi che si annidavano all’interno degli imballaggi veicolavano il batterio della peste. Ai Lazzaretti è nato il primo Green Pass che veniva mostrato a garanzia della buona salute”.

“Vienna Cammarota è un esempio per tutti: giovani e anziani. E’ un esempio per tutti coloro ai quali fa piacere viaggiare visitando i bellissimi luoghi che l’Italia offre. Noi ci stiamo aprendo ad un modello di internazionalizzazione – ha dichiarato Rosario Santanastasio, Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia – e Vienna come testimonial rappresenta un valore aggiunto e con lei faremo conoscere luoghi magari non frequentati. Con Vienna puntiamo a rafforzare la valorizzazione dei territori italiani attraverso percorsi che uniranno il patrimonio naturalistico e quello archeologico”.

E Vienna, in compagnia del Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia, Rosario Santanastasio, ha incontrato Massimo Osanna, Direttore Generale dei Musei Statali Italiani.

Morti sul lavoro per covid in Italia: la mappa delle regioni più a rischio in 21 mesi di pandemia

in News by

La geografia dell’emergenza Covid sul lavoro rimane pressoché invariata: Lombardia, Campania, Liguria, Abruzzo, Puglia e Molise sono le zone rosse del Paese, ovvero quelle con il più alto rischio di mortalità per Covid sul lavoro rispetto alla popolazione occupata, in 21 mesi di pandemia.

È questo il primo e più significativo risultato che emerge nell’ultima indagine elaborata dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre sull’emergenza sanitaria nel Paese sulla base di dati Inail.

Un’elaborazione dettagliata quella realizzata dagli esperti dell’Osservatorio mestrino che vede ancora una volta il rischio di mortalità meno elevato in Trentino-Alto Adige, Basilicata, Sardegna, Toscana, Calabria e Veneto.

Intanto spetta ancora alla Lombardia la maglia nera per il maggior numero di vittime sul lavoro per Covid con il 25,6% delle denunce (193 decessi), seguita da: Campania (98 decessi), Lazio (81 decessi), Piemonte (59), Puglia (54), Emilia Romagna (49 decessi), Sicilia (43), Veneto (33), Liguria (28 decessi), Abruzzo (26), Toscana (25), Marche (21), Friuli Venezia Giulia (10), Umbria (9), Molise, Calabria e Sardegna (8), Provincia autonoma di Trento (3), Valle d’Aosta, Basilicata e Provincia Autonoma di Bolzano (2).

E, ancora una volta, il Veneto che anche dopo 21 mesi di emergenza sanitaria risulta essere la regione con il minor rischio di mortalità tra le regioni con il più alto numero di occupati. Infatti, rispetto ad un’incidenza media nazionale pari a 33,3, il Veneto fa registrate un indice di 15,6. Ben lontano dai più preoccupanti valori di Lombardia (43,8) e Lazio (34,6). Tra gli indici più preoccupanti si rilevano quelli di Molise (75,7), Campania (60,7), Abruzzo (53,2) e Liguria (46,6) Puglia (44,2).

1 2 3 4 507
Go to Top