DAILY MAGAZINE

Tag archive

trieste

Trieste, 11.mo Rail Safe Day del 2021 della Polizia Ferroviaria

in News by

Controllati ieri in regione 484 persone e 43 veicoli

leggi tutto…

Monza, evade da domiciliari e aggredisce capotreno, arrestato

in News by

È risultato colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere ed è stato portato al penitenziario di Monza. 

leggi tutto…

Trieste, palpeggiava studentessa sull’autobus, arrestato

in News by

Si tratta di un 33enne, ricercato perché deve scontare una pena di un anno e cinque mesi di reclusione per violenza sessuale aggravata ai danni di una minorenne

leggi tutto…

Trieste, tre sanzioni per inosservanze connesse con il green pass

in News by

leggi tutto…

VIDEO – Trieste, recuperata la barca affondata a Duino

in News by

leggi tutto…

Green pass: aumentano i contagi tra manifestanti non vaccinati a Trieste

in Uncategorized by

Tra le persone infette, una soltanto risulta ricoverata in ospedale, mentre ci sono otto lavoratori portuali (sette a Trieste e uno a Monfalcone, Gorizia) e una decina di casi secondari. Già ieri il prof. Barbone aveva parlato del “focolaio più importante in regione”, individuato “dopo un processo di contact tracing abbastanza complesso da parte del dipartimento di Prevenzione di Trieste e Gorizia”.

In questo senso aveva invitato le persone a partecipare e condividere le informazioni. Si attendono dati più aggiornati sulla diffusione di questo focolaio, che dovrebbero arrivare nel pomeriggio, comprendendo anche i casi di Udine e Pordenone. D’altronde, lo stesso epidemiologo ha paventato l’ipotesi che questi dati possano essere “sono solo la punta dell’iceberg”.

No Green pass a Trieste: via a incontro con ministro Patuanelli

in News by

“Togliere il Green Pass e il vaccino obbligatorio, questo proporremo. Non sarà una trattativa tra il popolo e il governo”. Lo ha detto Stefano Puzzer, portavoce del Coordinamento 15 ottobre, il neonato movimento contro il Green pass, prima dell’incontro con il ministro delle Politiche agricole, il triestino Stefano Patuanelli.

  La riunione è cominciata e sono in corso gli interventi.  “Spero venga redatto un verbale che consegneremo in piazza Unità a tutti”, ha aggiunto Puzzer, presente con gli altri quattro rappresentanti del Coordinamento. 

Ennesimo presidio a Trieste: in centinaia contro il Green Pass

in News by

Prosegue in piazza Unità d’Italia il presidio dei no green pass cominciato dopo lo sgombero del porto di Trieste. Sono poco più di un centinaio le persone presenti, alcune delle quali hanno trascorso qui la notte munite di sacco a pelo.

Le forze dell’ordine vigilano su quella che la Prefettura ha definito una manifestazione “non autorizzata”.
 

No Green pass, a Trieste prosegue la protesta

in News by

Stop apparente per i no Green pass di Trieste: ieri sera parte dei manifestanti presenti in piazza Unità si è trasferita nel Porto vecchio per continuare il presidio, in accordo con le autorità. Altri invece sono rimasti nella piazza, dove hanno passato la notte. Sabato è prevista a Trieste la presenza del ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, il quale, come è stato riferito dalla protesta, dovrebbe incontrare una delegazione di manifestanti.

L’obiettivo, come più volte ripetuto, è chiedere al Governo l’abolizione del Green pass. Nel frattempo, ha annunciato la piazza, si continuerà a protestare. Ieri pomeriggio un gruppo di manifestanti aveva tentato di proseguire il presidio davanti al varco 4 del Porto, sgomberato al mattino dalle forze dell’ordine. Ne erano seguiti degli scontri con le forze dell’ordine continuati fino a sera. Più volte anche da piazza Unità si erano levate alcune richieste di presidiare nuovamente lo scalo, punto della città che rimane sotto osservazione anche in attesa di capire le intenzioni dei manifestanti.

Sgomberato Porto di Trieste: l’epilogo della protesta nello scalo

in News by

I manifestanti si trovano ora nel parcheggio in fondo alla zona presidiata da venerdì scorso.  Una trentina di portuali e circa trecento attivisti che hanno trascorso la notte al molo si sono seduti per terra e hanno cantato “gente come noi non molla mai” e urlato “vergogna” prima che gli agenti azionassero gli idranti.

È l’epilogo della protesta nello scalo, stremato da giorni in cui le attività sono rallentate e l’immagine internazionale, prima in piena salute, si è appannata agli occhi del mondo. La prefettura e l’Autorità Portuale ritengono non più tollerabile l’occupazione del varco 4 anche se il sindacato CLPT garantisce che resisterà fino al 20 ottobre e il coordinamento no vax cittadino va oltre, annunciando di voler restare “a oltranza”. 

Go to Top