DAILY MAGAZINE

Primo Piano

Uncategorized

Oggi il nuovo DPCM che partirà domani 26 ottobre: chiusura dei locali alle 18:00. Ecco la bozza .

Al termine della riunione tra il premier Giuseppe Conte, i capi delegazione e il ministro Francesco Boccia, il Governo non cambia linea su una delle misure del prossimo dpcm più contestate dalle regioni. È la misura che obbliga la chiusura di ristoranti, bar, gelaterie e pasticcerie alle ore 18 nei giorni feriali, è possibile però che il Governo consenta ai ristoranti di restare aperti la domenica a pranzo.

I contenuti della bozza – “A decorrere dal 26 ottobre 2020, le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono sospese la domenica e i giorni festivi; negli altri giorni sono consentite dalle ore 5.00 fino alle 18.00”. E’ quanto prevede una bozza del Dpcm in via di definizione,  a cui sta lavorando in queste ore il governo. Nella bozza si prevede che dopo le 18 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico mentre è consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitaria. E’ consentita fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. 

Ecco alcune delle nuove misure a cui sta lavorando il governo. Le nuove misure anti-Covid entreranno in vigore dal 26 ottobre e dureranno fino al prossimo 24 novembre, prevede la bozza. Il possibile stop a ristoranti e bar dopo le 18 decorrerà, invece, da lunedì 26 ottobre.

Raccomandato non spostarsi dal proprio Comune

Secondo quanto prevede il testo, in via di definizione, “è fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune”. 

Stop a teatri, cinema, casinò  

“Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo e casinò. Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto”, sempre secondo quanto prevede la prima bozza del Dpcm

Scuola, primo ciclo resta in presenza  

L’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione – materna, elementari e medie – e per i servizi educativi per l’infanzia continuerà a svolgersi in presenza. Le scuole superiori adotteranno una Dad pari al 75% delle attività e dunque un 25% in presenza su tutto il territorio nazionale, uniformando le ordinanze regionali.

Possibile chiusura delle piazze dalle 21

“Delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta la chiusura al pubblico, dopo le ore 21,00, fatta salva la possibilità di accesso, e deflusso, agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private”. E’ quanto prevede la prima bozza del Dpcm a cui sta lavorando il governo. La bozza con le nuove misure anti-Covid, si precisa dal governo, è in via di definizione e potrebbe subire ulteriore cambiamenti. 

Secondo quanto si apprende, ci sarebbe anche uno stop all’attività di palestre, piscine e sale giochi

Coronavirus, controlli: pattuglia della polizia municipale ferma il questore di Ascoli in bicicletta

in Breaking news by

Nella provincia di Ascoli Piceno il dispositivo operativo predisposto dalla Questura sull’osservanza delle misure anticontagio da coronavirus è talmente stringente che ci incappano anche coloro che lo hanno progettato. Ieri pomeriggio, poco prima delle 15, una pattuglia della polizia municipale ha fermato in piazza Arringo un uomo in bicicletta, con cappellino e mascherina. Ha esibito i documenti dichiarando il motivo del suo spostamento: era appena uscito dall’ufficio per rientrare a casa e mangiare un panino. Era il questore Paolo Pomponio, insediatosi di recente. Prima di andare via si è complimentato con la pattuglia. La rete dei controlli, che impegna numerosi equipaggi della polizia di Stato, carabinieri, polizie municipali, quella provinciale e guardia di finanza, è stata estesa anche sulla costa, dove il pattugliamento è assicurato da un natante delle Fiamme Gialle.

Carceri, termoscanner a Poggioreale: predisposti dispositivi di protezione individuale

in Breaking news by

A breve verrà installato un termoscanner nel carcere di Poggioreale con il quale sarà rilevata la temperatura di coloro che si recano nella casa circondariale napoletana. Lo rende noto l’Osapp. Nell’ambito delle misure emanate per contrastare la diffusione del coronavirus inoltre, sono stati già predisposti i dispenser di gel disinfettante, in tutti i posti di servizio per personale e detenuti, c’è stata una prima distribuzione dei dispositivi protezione individuale (un’altra è prevista a breve). Infine è stato soppresso il servizio bar ed è tenuto sotto controllo il rispetto delle distanze minime individuali. “Confidiamo anche nel buon senso dei familiari dei ristretti, nonché in tutti coloro che potrebbero essere vettori del virus”, dice il vice segretario regionale dell’Osapp Luigi Castaldo che auspica “maggiore celerità negli investimenti per la tutela della sicurezza e della salute e maggiore gratitudine per il delicato e rischioso compito etico-sociale della Polizia Penitenziaria”.

Cremona, aperto ospedale da campo: primo paziente ricoverato in terapia intensiva

in Breaking news by

Con il primo paziente ricoverato in terapia intensiva da ieri pomeriggio è operativo il primo ospedale da campo in Italia. Si tratta di quello allestito in tempi da record, 36 ore, davanti al nosocomio di Cremona e donato da Samaritan’s Pursue, una organizzazione umanitaria cristiana evangelica statunitense, che con i suoi medici e le sue attrezzature si è messa a disposizione per dare una mano e salvare vite in una delle zone più colpite dal Coronavirus. La struttura, composta da 15 tende per ospitare 60 letti per pazienti positivi ma non gravi e altri 8 in rianimazione, un laboratorio analisi e una sala per le radiografie, una farmacia e tutti i servizi necessari, nel giro di pochi giorni funzionerà a pieno regime ed è una vera e propria ‘manna dal cielo’ per l’ospedale con cui condividerà i protocolli assistenziali e le cartelle cliniche.

Bergamo, altri mezzi militari per bare. Il sindaco Gori: “Speriamo si veda la lucina in fondo al tunnel”

in Breaking news by

Altri mezzi militari hanno raggiunto questa mattina il cimitero monumentale di Bergamo per portare via le decine di feretri che giacciono nella camera mortuaria e nella chiesa, perché il forno crematorio non riesce a far fronte a questo periodo di emergenza da coronavirus. Soltanto ieri si sono registrati 88 morti nella Bergamasca. “La lucina in fondo al tunnel speriamo che cominci a vedersi, per ora non si vede – ha commentato il sindaco Giorgio Gori -. Speriamo che cominci a vedersi qualche effetto di questa cosa che io ancora non vedo francamente”.

Coronavirus, De Luca: “Rischio è che conteremo morti”. Intanto è di 749 casi positivi, 17 vittime e 30 guariti il bilancio aggiornato in Campania

in Breaking news by

C’è stato un aumento dei contagi in Campania per diverse ragioni: “per il ritorno dei cittadini dal nord ma anche per l’inciviltà, irresponsabilità e bestialità di componenti rilevanti della nostra società”. Lo ha detto in diretta Facebook il governatore della Campania, Vincenzo De Luca. Da qui l’appello ai cittadini: “Se continua questo andazzo, conteremo i morti e rischiamo di non avere posti per ospitare i vostri padri e le vostre madri”. Il governatore ha poi ribadito: “Io sono per chiudere tutto e militarizzare l’Italia”. Intanto è di 749 casi positivi (su 3.845 tamponi effettuati), 17 vittime e 30 guariti il bilancio dell’emergenza coronavirus in Campania, secondo i dati – aggiornati alle 15 di oggi – appena diffusi dall’Unità di crisi della Regione. Il maggior numero di casi si registra in provincia di Napoli (416), seguono Salerno con 115 e Avellino, che con 97 casi, in rapporto alla sua popolazione, risulta al momento la più colpita. Seguono le province di Caserta, 96 casi, e Benevento, otto casi. Tre pazienti risultano totalmente guariti e 27 sono divenuti asintomatici per risoluzione della sintomatologia clinica.

Napoli, Polizia scopre una sala giochi clandestina: dopo una denuncia in forma anonima

in Breaking news by

In preda ad una crisi isterica ha chiamato in forma anonima la Polizia per segnalare che nella zona del Borgo di Sant’Antonio Abate di Napoli c’era una sala giochi illegale frequentata dal marito giocatore d’azzardo che stava mandando sul lastrico la sua famiglia. Ed proprio lì che gli agenti del commissariato Vicaria-Mercato, con uno stratagemma adottato durante un servizio “anti aggregazione” hanno scoperto il locale, una specie di garage, in cui si riunivano, verosimilmente ludopatici anche in violazione delle disposizioni emesse dal Governo per contenere l’epidemia di Covid-19. Un uomo, di 46 anni, con precedenti per reati connessi al gioco d’azzardo, che secondo la Polizia gestiva la sala giochi illegale, è stato denunciato per esercizio di gioco d’azzardo e possesso di una decina di videopoker. La Polizia ha anche contestato la violazione del decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri emesso lo scorso 9 marzo per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Locale e slot sono state sequestrate.

Coronavirus, Governo decide oggi stretta: nuovi limiti a sport all’aperto, negozi e spostamenti

in Breaking news by

Dovrebbe arrivare in giornata una nuova stretta alle misure per il contrasto del Coronavirus. La decisione del premier Giuseppe Conte è attesa ad ore: le norme preciserebbero l’ultimo Dpcm dunque, secondo fonti di governo, potrebbero essere inserite non in un nuovo Decreto del presidente ma in un provvedimento correttivo più snello. Tra le misure al vaglio ci sarebbe lo stop all’attività fisica all’aperto,lo stop ai supermercati nei centri commerciali nel weekend, lo stop agli spostamenti nelle seconde case.

Coronavirus, Fontana: “Ne ho parlato stamattina con Mattarella, la presenza dei soldati ha un grande effetto dissuasivo”

in Breaking news by

“Io credo di si” che l’esercito in Lombardia sia necessario, “la presenza di militari ha un grande effetto dissuasivo uno magari prima di scendere in strada se vede passare una pattuglia dell’esercito ha qualche ripensamento”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, parlando del rispetto dei divieti per limitare il contagio da Coronavirus. “Ne parlavo stamattina con il presidente della Repubblica, ho chiesto proprio che anche lui si impegni a fare in modo che vengano applicati in maniera più rigorosa i protocolli”.

Coronavirus, l’Aifa lancia l’allarme: “Carenza di farmaci negli ospedali, via a misure straordinarie”. Attenzione, intanto, alle truffe sul web

in Breaking news by

L’improvviso incremento della domanda per i farmaci utilizzati nelle terapie ospedaliere dei pazienti ricoverati a causa dell’epidemia ha generato delle carenze”. A dirlo, in una nota pubblicata sul portale, è l’agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) che sottolinea di essere a lavoro con le aziende, mediante il supporto costante di Farmindustria e Assogenerici, per mettere a punto “soluzioni eccezionali ed emergenziali”. L’agenzia, si legge sul sito dell’Aifa, “segue il problema raccordandosi costantemente con le Regioni e le Province autonome, cui tutte le strutture territoriali sono invitate a rapportarsi per la valutazione e l’inoltro ad Aifa di segnali, dando priorità ai casi urgenti di irreperibilità per i quali siano già stati espletati tutti i passaggi previsti con gli aggiudicatari delle gare regionali”. I messaggi che riguardano le carenze possono essere inviati alla mail unica di riferimento, farmacicarenti@aifa.gov.it. Intanto l’Aifa lancia anche l’allarme: “Attenzione ai farmaci sul web non autorizzati”. “In relazione alla presenza di offerte web per farmaci non autorizzati o falsificati, – si legge sul sito dell’agenzia – si segnala che l’acquisto di medicinali con prescrizione attraverso internet non è consentito dalla normativa italiana, ma è soprattutto estremamente pericoloso per la salute”.

Coronavirus, produceva mascherine in casa: denunciato dai carabinieri 48enne di Acerra

in Breaking news by

Produceva mascherine in casa e per venderle aveva anche messo degli annunci pubblicitari on line. Denunciato dai carabinieri ad Acerra (Napoli) un uomo di 48 anni. I militari hanno perquisito la sua abitazione trovando 22 mascherine nonché materiale per la produzione di nuove protezioni come elastici, supporti in gomma e colla. E’ stato tutto sequestrato e sono in corso accertamenti per appurarne la provenienza.

Coronavirus, Fico: “La sanità è stata depredata negli anni, dobbiamo valorizzarla con una spesa pubblica adeguata”

in Breaking news by

Io sono per la sanità pubblica. La sanità pubblica è stata depredata negli anni, dobbiamo ripartire dalla sanità pubblica, valorizzarla con una spesa pubblica adeguata. Abbiamo pochi posti in terapia intensiva a causa dei tagli e dobbiamo aumentarla”. Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico a Radio 24.

Coronavirus, altri medici morti in Lombardia: sono in tutto 13 le vittime accertate tra i camici bianchi

in Breaking news by

Altri cinque medici sono deceduti a causa del nuovo coronavirus in Lombardia, portando a 13 vittime il tragico bilancio tra i camici bianchi, secondo quanto riferisce la Fnomceo. Le ultime vittime sono Luigi Ablondi, ex direttore generale dell’Ospedale di Crema; Giuseppe Finzi, medico ospedaliero di Cremona, e Antonino Buttafuoco, medico di base di Bergamo. Altri due medici sono morti a Como: Giuseppe Lanati, pneumologo, e Luigi Frusciante, medico di famiglia. Erano entrambi in pensione ma operativi. La lista dei decessi tra i medici è in purtroppo continuo aggiornamento.

Coronavirus, in arrivo in Campania contingenti dell’Esercito: 100 unità per questa prima fase

in Breaking news by

Alcuni contingenti dell’Esercito sono in arrivo in Campania per affiancare le Forze dell’Ordine nei controlli sul territorio necessari per il rispetto dei divieti sanciti dalle ordinanze nazionali e regionali. Complessivamente saranno impegnate 100 unità per questa prima fase. Poi si procederà a una programmazione più organica. Lo ha comunicato questa mattina al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, secondo quanto riferito dalla Regione. Per definire nei dettagli l’organizzazione della missione, si riunisce oggi il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica con i prefetti della Campania interessati.

Coronavirus, morto parroco di Caggiano: era all’incontro di neocatecumenali svoltosi nel Cilento

in Breaking news by

Nuova vittima in Campania per Coronavirus: si tratta del parroco di Caggiano (Salerno), don Alessandro Brignone. Aveva 45 anni. Il cuore del parroco ha cessato di battere questa mattina intorno alle ore 6 nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Polla (Salerno) dove era ricoverato da martedì sera. Il sacerdote, originario di Salerno, si era infettato partecipando ad un incontro di neocatecumanali svoltosi a fine febbraio in una struttura alberghiera di Atena Lucana (Salerno). Dallo stesso incontro é partito il focolaio del Covid -19 nel Vallo di Diano che ha portato alla messa in quarantena di quattro comuni: Atena Lucana, Caggiano, Polla e Sala Consilina.

Dopo un litigio per futili motivi, uccide la madre con 5 coltellate: 23enne arrestato nel brindisino

in Breaking news by

La scorsa notte un 23enne ha ammazzato la propria madre a San Vito dei Normanni colpendola al torace per cinque volte con un coltello a serramanico. Il giovane, Asciano Andrea, è stato arrestato dai carabinieri. I militari l’hanno bloccato vicino al portone d’ingresso del palazzo in cui si trova la casa dove viveva con sua madre, la 51enne Rossella Cavaliere, e sua sorella di 29 anni. A quanto si apprende, l’omicidio sarebbe avvenuto dopo un litigio per futili motivi.

Coronavirus, Bergamo: il dolore sul web per le immagini delle bare trasportate dai camion militari

in Breaking news by

Hanno causato impressione e dolore sul web le immagini dei camion militari che da Bergamo portano le salme di malati di coronavirus in altre province per essere cremate in quanto nei cimiteri bergamaschi non c’è più posto. “Questa dei camion dell’esercito che portano via i cadaveri da Bergamo è una delle foto più tristi della storia del nostro paese. Siamo italiani ed è in momenti come questi che tiriamo fuori il meglio di noi. Ne usciremo e lo faremo anche per loro. Tutti insieme”, scrive Orazio su Twitter. Scrive un altro: “Bergamo Mia questa notte non ho più parole , non ho più forza , non ho più nemmeno un ‘andrà tutto bene’. Questa notte ho solo lacrime , ho solo dolore. Bergamo mia ti ho dato troppe volte per scontata. E stanotte pure l’anima urla di dolore”. “È una foto di guerra. L’esercito che porta via le bare in esubero al cimitero monumentale di Bergamo”, commenta un altro utente.

Coronavirus, Papa prega per i carcerati: “Per loro in questo momento incertezza e pensiero alle famiglie”

in Breaking news by

Il Papa continua a pregare per l’emergenza coronavirus. Oggi il pensiero, prima di cominciare la messa a Santa Marta, è stato per “i carcerati che soffrono tanto questo momento di incertezza e di dolore”. Non sanno “che cosa accadrà dentro il carcere” e pensano “alle loro famiglie, come stanno, se qualcuno è ammalato, se manca qualcosa”. Il pontefice ha invitato dunque a pregare “per i fratelli e le sorelle che sono in carcere”.

Coronavirus, anche le suore dei conventi si adoperano per realizzare mascherine: accade nella diocesi di Avellino

in Breaking news by

Anche le suore dei conventi si stanno adoperando per la realizzazione di mascherine. In particolare accade nella diocesi di Avellino. “Due dei monasteri della diocesi, sono attualmente impegnati nella realizzazione di mascherine: le suore Oblate di Avellino e le suore Benedettine di Mercogliano ne hanno già realizzate qualche centinaio per distribuirle a quanti ne facciano richiesta nella diocesi”: lo ha riferito a Vatican News lo stesso vescovo di Avellino, monsignor Arturo Aiello. Come Chiesa “il primo imperativo è essere presenti, vicini. Le campane suonano lo stesso, anche se segnano l’orario di celebrazione a cui non si può partecipare, ma costituiscono una sorta di segnale per i fedeli, il segnale che la Chiesa – sottolinea il vescovo – non si è ritirata sull’Aventino”.

Coronavirus, disco verde del Governo all’intervento dell’Esercito in Campania per evitare assembramenti

in Breaking news by

Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania, ha avuto colloqui telefonici con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, con il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e con il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini. De Luca ha incassato l’ok del Governo affinchè vi sia il contributo delle Forze Armate nei controlli per il rispetto delle ordinanze che hanno l’obiettivo del contenimento del contagio da Covid-19, e ciò avverrà nelle aree che di volta in volta verranno individuate e segnalate nella nostra regione. “Sarà un contributo importante, con grande misura ed equilibrio – ha dichiarato De Luca, che ieri aveva sollecitato il Governo per ottenere l’intervento dei militari – ma anche con determinazione. Non è possibile estendere il servizio all’intero territorio italiano, ma vi sono aree in cui è necessario dare un segnale di fermezza e anche di repressione rispetto a comportamenti irresponsabili”.

Emergenza coronavirus, in una settimana 43mila denunciati: la maggior parte fuori casa senza motivo. I dati del Viminale

in Breaking news by

E’ di un milione di persone controllate e 43mila denunciate il bilancio della prima settimana di controlli realizzati dalle forze del’ordine in seguito ai provvedimenti per il contenimento della diffusione del Coronavirus. E’ quanto emerge dai dati del Viminale. La grande maggioranza delle denunce riguarda cittadini che hanno infranto l’articolo 650 del Codice penale, non avendo rispettato un provvedimento dell’autorità: sono stati, ossia, trovati in giro senza motivazioni valide. Martedì sono state controllate 187.455 persone: 8.089 sono state denunciate in base all’articolo 650, altre 204 per falsa attestazione a pubblico ufficiale. Nella stessa giornata sono stati controllati 111.512 esercizi commerciali: 154 titolari sono stati denunciati e per 33 esercizi è stata sospesa l’attività. I controlli sono stati avviati lo scorso 11 marzo. Il primo giorno i denunciati furono poco più di 2mila. Il secondo giorno si è assistito al raddoppio delle denunce ed il terzo queste ultime hanno toccato quota 7mila. Il dato di ieri è il più alto, ad indicare una maggiore capillarità e severità nei controlli, ma anche che continuano ad essere tante le persone in giro nonostante i divieti. E dal nord al sud si registrano diversi casi.

1 46 47 48 49 50 54
Go to Top