DAILY MAGAZINE

Category archive

News - page 429

Notizie di politica, cronaca, attualità.

Coronavirus, raggiunta l’intesa tra sindacati e imprese. Intano sono 14.955 i malati, mentre il numero dei contagiati sale a quota 17.660

in News/Primo Piano by

Raggiunta l’intesa tra sindacati e imprese: dopo un lungo confronto andato avanti nella notte, anche in videoconferenza con il governo, è stato firmato il “protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”. Stop alle scadenze fiscali di lunedì per tutti, già assicurato. E calo delle bollette allo studio, per alleviare famiglie e imprese. In arrivo anche ammortizzatori sociali, congedi speciali, sostegno alla liquidità delle imprese e nuove misure per aiutare il servizio sanitario in affanno per l’epidemia da Coronavirus. Il governo tenta di stringere e lavora a una sorta di ‘super-decreto’ che potrebbe accogliere anche i tanti suggerimenti presentati dai ministeri, che vanno dai rinvii degli appuntamenti elettorali a quelli delle scadenze dei documenti o della revisione auto. Ancora si sta valutando, però, se condensare in un unico provvedimento tutti gli interventi o se spacchettarli in due tempi, con un primo decreto da portare in Consiglio dei ministri entro il weekend, probabilmente stasera, e un secondo da varare a inizio della prossima settimana che guardi oltre l’emergenza, per arginare il rischio tracollo del Pil. Sono 14.955 i malati di coronavirus in Italia, mentre il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 17.660. Il dato è stato fornito ieri dal commissario per l’emergenza Angelo Borrelli in conferenza stampa alla Protezione Civile. Dai dati della Protezione Civile emerge che sono 7.732 i malati in Lombardia, 2.011 in Emilia Romagna, 1.453 in Veneto, 794 in Piemonte, 698 nelle Marche, 455 in Toscana, 242 nel Lazio, 213 in Campania, 304 in Liguria, 236 in Friuli Venezia Giulia, 126 in Sicilia, 121 in Puglia, 157 in Trentino, 83 in Abruzzo, 73 in Umbria, 17 in Molise, 43 in Sardegna, 27 in Valle d’Aosta, 37 in Calabria, 123 in Alto Adige, 10 in Basilicata.

Coronavirus, De Luca: “Fuori senza motivo? In quarantena”. Si cammina solo per urgenze, ordinanza in Campania

in Breaking news by

Costringeremo tutte le persone individuate a circolare senza motivo a fare la quarantena di 15 giorni. Se ti trovo a passeggiare sul lungomare o stravaccato sulla panchina, in condizioni non emergenziali ti obbligo a 15 giorni di quarantena, e se la eludi sei passibile di sanzioni penali anche gravi”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in una diretta social sul covid19. “Oggi è vietato passeggiare, ma le misure nazionali non vengono ancora messe in atto dalle forze di polizia e dalla municipale. Da Roma, anche dal ministero dell’interno, sono arrivate comunicazioni sbagliate. E’ un’idiozia: non si può camminare per strada senza una ragione motivata. Ho firmato un’ordinanza che ribadisce che è vietato camminare per strada senza motivo di urgenza o sanitario o di approvvigionamento alimentare, sanitario, e per i proprietari dei cani. Il 90% dei cittadini ha capito che la situazione è seria ma il 10% di irresponsabili va fermato”.

Volley, 5mln a rischio perdita. Oggi vi raccontiamo una fiaba. Scommesse mascherate! Ti giochi vincente tutto il campionato, la coppa Italia e le coppe europee: se vinci, ti porti a casa 5mln

in Breaking news by

Facciamo un esempio: punti 100mila euro con le assicurazioni che vinci tutte le competizioni (campionato, Coppa Italia, Coppe Europee e tutto). Se riesci a centrare tutti i risultati, porti a casa 5 milioni di euro. Ma adesso vogliamo raccontarvi una fiaba: c’è un’atleta, che milita in una squadra che non citiamo, che vuole rientrare nel suo Paese di origine, ovvero l’America, ma la società le impone il pagamento di un dazio di 30mila euro in cambio del nulla osta. Il finale della fiaba è che gli interessi tra il capo del vapore e quelli della società sono gli stessi; fate 2 più 2 e vedrete che tutto coinciderà. Ora si spiega il perchè di tutta questa insistenza di andare avanti. L’ordine, categorico, è quello di andare avanti e, allo stesso tempo, mettere nell’angolo chi capisce. Ma la fiaba finisce che il vino nella botte è diventato aceto.

Coronavirus, Protezione Civile: “Superati i mille morti, 213 i guariti in più, 12.839 i malati”

in News/Primo Piano by

Con le città che lentamente si fermano, gli operai che chiedono garanzie nelle fabbriche e il mondo che giorno dopo giorno si chiude sempre di più seguendo l’esempio del nostro paese, il coronavirus fa segnare un nuovo record in Italia: con i 189 morti nelle ultime 24 ore l’Italia supera le mille vittime. Ora sono 1.016 – tre volte i morti del terremoto del centro Italia o dell’Aquila, tanto per dare un’ordine di grandezza – ed è l’ennesima soglia, psicologica soprattutto, che viene abbattuta da un’emergenza la cui fine, a sentire gli scienziati, è ancora molto lontana. Certo, il dato dei guariti – 213 in un solo giorno, il più alto dall’inizio dell’esplosione del contagio – è sicuramente un’indicazione positiva che ha a che fare con le misure di contenimento prese dalle autorità, ma i numeri sembrano tutt’altro che rallentare: ai 10.590 malati di mercoledì se ne sono aggiunti altri 2.249, per un totale di 12.839, tra cui anche 50 medici di Bergamo e un altro calciatore, Manolo Gabbiadini. E i ricoverati in terapia intensiva – che restano il 10% circa del totale – sono arrivati a 1.153. Significa che ormai i contagiati da coronavirus occupano il 20% del totale dei posti a disposizione in tutta Italia nelle terapie intensive. Il governo ha già detto che aumenteranno del 50% – e quelli in terapia sub intensiva del 100% – ma serve tempo. 

Rivolta nelle carceri, Maresca: “L’unica cosa che lo Stato non deve fare è mostrare debolezze e tentennamenti”

in Breaking news by

Dopo la rivolta nelle carceri dei giorni scorsi, il magistrato anti-camorra, sostituto procuratore generale di Napoli, dice la sua al riguardo: “Non si è trattato di mere proteste ma di veri e propri attentati all’ordine democratico dello Stato. Il drammatico bilancio di morti, feriti e di devastazioni ne è testimonianza fin troppo evidente. In questi casi – aggiunge il magistrato – non c’é spazio per il permissivismo, per quell’atteggiamento di deplorevole tolleranza che nasconde una pesante e grave debolezza”. Secondo Maresca, infatti, l’unica cosa che lo Stato non deve fare è mostrare debolezze e tentennamenti. “Non solo niente patti, niente accordi, – avverte Maresca – ma neanche nessun passo indietro”. Un discorso diverso vale, invece, secondo il magistrato anticamorra, per i detenuti più deboli e più cagionevoli. “Ce ne sono – dice – e meritano tutela in una situazione di emergenza”.

Coronavirus, De Luca: “Esercito contro assembramenti”. Lettera a Conte, a ministri Interno e Difesa ed a capo Protezione Civile

in Breaking news by

Un “impegno straordinario delle Forze dell’Ordine e la presenza dell’Esercito, quali misure ormai indispensabili in funzione della dissuasione degli assembramenti, della mobilità ingiustificata, di forme illegittime di ambulantato sul territorio”. E’ quanto chiede il governatore campano Vincenzo De Luca in una lettera al premier, ai ministri di Interno e Difesa ed al capo della Protezione civile nazionale. “Nonostante i numerosi provvedimenti adottati per finalità di prevenzione e contenimento del rischio di contagio da COVID-19, in diverse parti del territorio regionale – osserva De Luca – continuano a registrarsi ancora assembramenti dei cittadini e trasgressioni alle prescrizioni che sono state imposte in sede nazionale e regionale. Le misure adottate, a tutta evidenza, non possono rivelarsi efficaci se non vengono garantiti capillari controlli e se non si irrogano le necessarie sanzioni nei confronti di comportamenti gravemente irresponsabili”.

Coronavirus, Ricciardi (Oms): “E’ bene che ci cominciamo ad abituare ad una guerra lunga”

in Breaking news by

E’ bene che ci cominciamo ad abituare ad una guerra lunga. La Sars, che era meno contagiosa, finì verso maggio-giugno. Questa è molto più contagiosa della Sars e io ho l’impressione che, se ci va bene e lavoriamo tutti insieme, dovremo arrivare all’estate”. Tanto bisognerà attendere prima di tornare a avere una vita ‘normale’, secondo Walter Ricciardi, membro dell’esecutivo dell’Oms e consulente del ministero della Salute. In ogni caso secondo l’Oms “la pandemia è controllabile”.

Coronavirus, oncologo del Pascale: “Farmaco ok”. Migliorato malato dopo assunzione tocilizumab

in Breaking news by

Subito un protocollo nazionale per estendere l’impiego di tocilizumab, farmaco anti-artrite, nei pazienti contagiati da coronavirus ed in condizioni critiche”. Lo chiede l’oncologo Paolo Ascierto, dell’Istituto Tumori “Fondazione Pascale” di Napoli. “Il farmaco ha dimostrato di essere efficace contro la polmonite da Covid-19 – afferma Ascierto – a Napoli sono stati trattati i primi 2 pazienti in Italia, in 24 ore la terapia ha evidenziato ottimi risultati e nelle prossime ore sarà estubato uno dei due pazienti, perché le sue condizioni sono migliorate. Ieri, iniziato il trattamento ad altre 2 persone ed oggi ne tratteremo altre due”.

Coronavirus, Governo stanzia 25 miliardi. Gualtieri: “Il Pil scenderà”. Informativa del ministro dell’Economia sullo scostamento di bilancio

in Breaking news by

Abbiamo stanziato una somma straordinaria, 25 miliardi, da non utilizzare subito ma sicuramente da poter utilizzare per far fronte a tutte le difficoltà di quest’emergenza”. Lo dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa al termine del Cdm. Il decreto sulle misure economiche per l’emergenza coronavirus sarà varato domani e sarà da 12 miliardi. Lo ha annunciato in conferenza il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. “Tecnicamente è un’autorizzazione del Parlamento a stanziare fino a 20 miliardi in termini di indebitamento, 25 mld in termini di stanziamento. Il livello di deficit dipende da quanto effettivamente sarà impiegato. La prima misura – aggiunge Gualtieri – impiegherà la metà di queste risorse, l’utilizzo dell’altra metà dipenderà anche da eventuali risorse europee. E’ ancora presto dire il livello di deficit che verrà raggiunto”. “Gli indicatori finora disponibili dell’attività economica dopo la caduta di dicembre” segnano “un rimbalzo positivo a gennaio, per tornare a una moderata contrazione verso la fine mese di febbraio”. E’ ipotizzabile “una caduta del prodotto per almeno un paio di mesi a prescindere dagli interventi che saranno messi in campo” ha detto Gualtieri, poi, in audizione davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato sulla richiesta di finanziare in deficit le misure anti-Coronavirus

Coronavirus, da oggi in vigore il nuovo Dpcm: chiusi negozi, bar e ristoranti. Garantiti i servizi essenziali. Conte: “Per avere un riscontro effettivo di queste misure, dovremo attendere un paio di settimane”

in News/Primo Piano by

Il nuovo Dpcm, in vigore da oggi e fino al 25 marzo, prevede la chiusura di ulteriori attività e servizi non essenziali. Stop anche a bar, pub e ristoranti; consentita la consegna a domicilio. Restano attivi tra gli altri idraulici, meccanici, benzinai, tabaccai ed edicole. “Rimaniamo distanti oggi, per abbracciarci con più calore domani”, ha detto il premier Conte annunciando il Dpcm. Per avere un riscontro effettivo di queste misure, dovremo attendere un paio di settimane” ha spiegato il premier, elencando le nuove disposizioni: “Chiudono parrucchieri, centri estetici e servizi di mensa. Restano garantiti i servizi pubblici essenziali tra cui i trasporti e i servizi di pubblica utilità. Per le attività produttive va incentivato il più possibile il lavoro agile, incentivate le ferie e i permessi”. Le fabbriche resteranno aperte ma “con misure di sicurezza” ha aggiunto il premier. Saranno garantite, nel rispetto della normativa igienico-sanitaria, le attività del settore agricolo, zootecnico, di trasformazione agroalimentare comprese le filiere che offrono beni e servizi rispetto a queste attività. “Se i numeri dovessero continuare a crescere, cosa nient’affatto improbabile, non significa che dovremo affrettarci a varare nuove misure. Non dovremo fare una corsa cieca verso il baratro. Dovremo essere lucidi, responsabili” ha sottolineato Conte. Che ha poi tenuto a puntualizzare: “Non è necessario fare nessuna corsa per acquistare il cibo: i negozi di alimentari restano aperti”. Intanto, è Domenico Arcuri il nuovo commissario delegato per l’emergenza coronavirus: dovrà rafforzare la risposta delle strutture ospedaliere, avrà ampi poteri di deroga, lavorerà per rafforzare soprattutto la produzione, la distribuzione di attrezzature per terapia intensiva e sub intensiva. Avrà anche il potere di creare e impiantare nuovi stabilimenti per la produzione di queste attrezzature e sopperire alle carenze sin qui riscontrate. Arcuri si coordinerà con il dottor Borrelli “che sta facendo un incredibile lavoro” ha aggiunto Conte. Idraulici, meccanici e pompe di benzina resteranno aperti, per effetto del nuovo Dpcm, come anche gli artigiani resteranno aperti. Sono tutti infatti considerati servizi essenziali.

1 427 428 429 430 431 440
Go to Top