DAILY MAGAZINE

Primo Piano

Campania

Campania, allarme ricoveri giovani

Il dato più preoccupante di questa terza ondata è rappresentato dal numero di giovani ricoverati nelle terapie intensive degli ospedali della Campania e in particolare di Napoli. Pina Tommasielli, dell’Unità di Crisi della Regione Campania per l’emergenza Covid, invita a chiudersi in casa “e, se chiamati, andiamoci a vaccinare“.

leggi tutto…

Maresca, magistrato di grande spessore, non si può bruciare per la candidatura alla Presidenza della Regione

in Breaking news by

Dal momento che noi abbiamo sempre fatto la differenza, allorquando scriviamo di politica, vi spieghiamo perché a Catello Maresca non conviene sfidare De Luca. Magistrato di grande spessore, Maresca suscita grande simpatia nell’opinione pubblica; simpatia che gli deriva dalle grandi inchieste da lui fin qui firmate. Ma, in politica, si sa, non basta avere soltanto la simpatia. La stima è una cosa e la politica un’altra. Allo stato attuale misurarsi elettoralmente con De Luca rappresenterebbe per il magistrato un’impresa ardua. A sostegno della candidatura del governatore uscente, ad oggi, ci sono 11 liste; ce ne sono, però, altre 4/5 in sospeso e che potrebbero andare a rafforzare le 2/3 liste delle 11 più deboli. Maresca, dal canto suo, per organizzare la campagna elettorale, dovrebbe avere a che fare in Campania con Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega Nord; partiti, questi, che non sono all’altezza di Maresca, noto e valente magistrato anti-camorra. Inutile che ci nascondiamo dietro ad un dito, in politica ci sono accordi, spartizioni e altro. Ecco perché noi crediamo che Catello Maresca sia più indicato per un ruolo istituzionale nazionale. Considerando quello che ha fatto, fino ad oggi, per i cittadini della Campania sarebbe un errore bruciarsi in una competizione dall’esito incerto.

L’ex banchiere Grant, leghista, ad un anno dalla sua elezione in Europa è presente solo sui social

in Breaking news by

Eletto lo scorso anno al Parlamento Europeo, nella circoscrizione meridionale, il campano Valentino Grant, leghista, ex banchiere, al momento è presente soltanto sui social. E pensare che il suo nome era venuto fuori anche per una possibile candidatura a presidente della Regione Campania, in quota centrodestra. Non pochi i malumori, anche tra coloro che lo hanno sostenuto in campagna elettorale, dal momento che, all’indomani della sua elezione, Grant è letteralmente scomparso dal territorio di appartenenza. In cambio, però, è molto presente sui canali social.

La Prefettura di Varese mette Fontana sotto scorta, provvedimento adottato da due giorni

in News/Primo Piano by

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, da due giorni è sotto scorta. Lo riporta oggi il quotidiano La Stampa. La misura è stata decisa dalla prefettura di Varese dopo che “il clima intorno al governatore lombardo si è fatto incandescente” con due murales, a Milano, cui viene apostrofato come “assassino” e minacce sul web. A seguire Fontana, quindi, adesso c’è anche un’auto di scorta con un agente, che configura un provvedimento “di quarto livello”.

Governo, verso l’election day il 20 settembre: regionali, comunali e referendum per il taglio del numero dei parlamentari

in Breaking news by

Si va verso l’election day il 20 settembre. E’ quanto emerge, a quanto si apprende, dalla riunione a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte con i capi delegazione di maggioranza, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia. Stessa data, quindi, per le elezioni regionali ma anche per indire le comunali e il referendum sul taglio dei parlamentari. “Ma vi sembra giusto andare a votare il 20 settembre? Così si rallenta la ripresa e si danneggia il turismo, uno dei settori più colpiti dal coronavirus. Ancora una volta si fa prevalere l’interesse del Palazzo su quello dei cittadini”. Lo scrive scrive su twitter il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani.

Senato, la Giunta per le Immunità dice “no” al processo a Salvini: Italia Viva non partecipa al voto

in Breaking news by

Con 13 voti a favore della relazione del presidente, Maurizio Gasparri (FI), 7 contrari e 3 senatori che non hanno partecipato al voto, la Giunta per le Immunità del Senato ha respinto la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti dell’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini sul caso Open Arms. Tra i 13 voti favorevoli alla relazione si contano, oltre ai 5 della Lega, i 4 di Fi, uno di Fdi e uno delle Autonomie, anche quello del senatore ex M5s Mario Michele Giarrusso e quello della senatrice M5S Alessandra Riccardi. “La Giunta del Senato ha votato stabilendo che Salvini ha fatto il suo dovere, ha agito per interesse pubblico e non privato”. Commenta così il leader della Lega Matteo Salvini in diretta facebook. “No allo sbarco dei 161 immigrati dalla Ong spagnola Open Arms, la Giunta del Senato ha appena votato (13 a 7) che ho fatto solo il mio dovere, nell’interesse del popolo italiano. Grazie a loro, e grazie a Voi. Adesso la parola passa all’aula del Senato, vediamo se Pd e 5Stelle insisteranno per il processo”, aggiunge Salvini. “Iv ha deciso di non partecipare al voto sulla vicenda Open Arms: ci rimettiamo dunque all’aula. Non c’è stata a nostro parere un’istruttoria seria, così come avevamo richiesto sia in questo caso che nella precedente vicenda Gregoretti. La motivazione principale per cui Italia Viva decide di non partecipare al voto risiede però nel fatto che, dal complesso della documentazione prodotta, non sembrerebbe emergere l’esclusiva riferibilità all’ex Ministro dell’Interno dei fatti contestati”, aveva detto il capogruppo di Italia Viva in Giunta Francesco Bonifazi. “Era necessario – aveva sostenuto Bonifazi – ricevere indicazioni sui rischi reali di terrorismo e sullo stato di salute riguardo alle imbarcazioni bloccate in mare dall’ex ministro dell’Interno, che non sono arrivate. La motivazione principale per cui Italia Viva decide di non partecipare al voto risiede però nel fatto che, dal complesso della documentazione prodotta, non sembrerebbe emergere l’esclusiva riferibilità all’ex Ministro dell’Interno dei fatti contestati. Diversamente, pare che le determinazioni assunte da quest’ultimo abbiano sempre incontrato, direttamente o indirettamente, l’avallo governativo. Numerosi sono dunque i dubbi che ancora oggi residuano in riferimento al caso Open Arms. Sarebbe stato opportuno che tali incertezze venissero chiarite mediante un’attività istruttoria ulteriore. Dunque, allo stato dell’arte, Italia Viva, coerentemente con le posizioni tenute nelle precedenti votazioni, ed in mancanza degli elementi istruttori richiesti, decide di non partecipare al voto”. “Dopo aver salvato masochisticamente il ministro della giustizia”, è stata “coraggiosa e corretta la decisione di Italia Viva di Renzi di non partecipare al voto sull’autorizzazione al processo di Matteo Salvini consentendo di fatto la certezza sul diniego ad un processo manifestamente ingiusto”. Lo afferma la deputata di Forza Italia, Michaela Biancofiore.

Fase 2, De Micheli: “A metà settimana valutazione sulla riapertura dei confini regionali”

in Breaking news by

Bisogna aspettare i dati, noi abbiamo deciso un metodo con le Regioni, che ci sembra quello più corretto anche nei confronti delle persone, che è il metodo della assoluta e totale trasparenza. Le Regioni ci forniscono giorno per giorno i dati sui contagi e tutti i dati sanitari e il Ministero della salute fa la valutazione dei dati. Quindi a metà di questa settimana si farà una valutazione sulla riapertura dei confini regionali”. Lo ha detto la ministra delle Infrastrutture e Trasporti Paola De Micheli a Agorà su Rai3. Parlando invece di Autostrade per l’Italia, la ministra ha affermato che “ad oggi al ministero delle Infrastrutture non è arrivata nessuna comunicazione formale che Autostrade per l’Italia non voglia fare gli investimenti. Formalmente nessuno ha scritto che non si realizzeranno”.

Camorra, maxi-operazione dei carabinieri tra Napoli e Torre Annunziata: 35 arresti

in Breaking news by

Vasta operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli contro la criminalità organizzata e il traffico di stupefacenti. Sono 37 le misure in corso di esecuzione (35 arresti e due obblighi di dimora). Dall’alba i militari del comando provinciale di Napoli stanno eseguendo due provvedimenti emessi dai gip dei Tribunali di Napoli e Torre Annunziata. Il primo, eseguito a Marano sotto il coordinamento della DDA di Napoli, ha portato all’arresto di 16 persone contigue al Clan “Polverino”, gravemente indiziate dei delitti di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e all’intestazione fittizia di beni, aggravati dal metodo mafioso. A Torre Annunziata, invece, sotto il coordinamento della Procura oplontina, sono 19 le persone arrestate e 2 colpite dalla misura dell’obbligo di dimora per i reati di detenzione di stupefacenti a fini di spaccio, sostituzione di persona, estorsione, porto abusivo di armi e falsità ideologica commessa dal privato.

Decreto Rilancio, Gualtieri in audizione: “Punto di partenza per grande piano ripresa”

in Breaking news by

Pensiamo che il metodo del dialogo sia essenziale e contiamo sull’apporto del parlamento anche per poter ulteriormente migliorare questo decreto”. Così il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in audizione sul decreto Rilancio. Il nuovo decreto anti-Covid contiene “l’impostazione per il rilancio dell’economia che il governo svilupperà con grande piano ripresa fatto di riforme e investimenti. Ci sono alcuni primi elementi importanti che vanno oltre i mesi dell’emergenza, penso alla eliminazione delle clausole di salvaguardia” e si interviene “su alcuni fattori” per “una ripartenza che sia al passo con le sfide e favorisca la transizione a modelli di sviluppo sostenibile, resilienti e innovativi”. Il decreto Rilancio “stanzia ulteriori risorse e contiene misure importanti per affrontare la cosiddetta fase 2 con l’obiettivo duplice di affrontare la crisi senza precedenti innescata dalla pandemia, con la prosecuzione e il rafforzamento degli interventi già predisposti e fornire stimoli e mettere in campo interventi necessari alla ripresa del Paese”. Si tratta, ha ribadito si un provvedimento “che per ampiezza e risorse mobilitate è senza precedenti e d’altronde non poteva che essere così vista la portata della crisi che ha investito il paese e vista la scelta molto chiara del governo di rispondere e reagire a questa crisi con interventi di bilancio e di stimolo economico consistenti e adeguati”.

Scontro su guardie civiche, il Viminale: “Non informati su volontari”. Critiche sulla proposta di Boccia da maggioranza e opposizione

in News/Primo Piano by

La proposta di Francesco Boccia ai presidenti di Regione il 29 aprile non aveva fatto tanto rumore, ma allora gli italiani stavano a casa e non si era tornati alla movida che turba i sonni di molti nella Fase 2. Adesso invece il bando per reclutare 60 mila assistenti civici diventa il caso di giornata, criticato da maggioranza e opposizione. Il ministro Pd degli Affari regionali, appoggiato dal presidente dell’Associazione Comuni (Anci) Antonio Decaro, pensa ai volontari per aiutare chi non ce la fa da solo, come nella fase dell’emergenza più dura, ma anche per far rispettare il distanziamento sociale, l’uso delle mascherine e il divieto di assembramento. Ipotesi queste ultime di cui al Viminale nulla sapevano tanto che dal ministero fanno sapere di non essere stati informati preventivamente. Un corto circuito che spinge il premier Giuseppe Conte a convocare un vertice con Boccia e le ministre Luciana Lamorgese (Interni) e Nunzia Catalfo (Lavoro). “I Ministri interessati al progetto proseguiranno nelle prossime ore nel mettere a punto i dettagli di questa iniziativa – dicono al termine fonti di Palazzo Chigi -, che mira, per il tramite della Protezione civile, a soddisfare la richiesta di Anci di potersi avvalere, per tutta la durata dell’emergenza sanitaria, di soggetti chiamati ad espletare, gratuitamente, prestazioni di volontariato”.

Ostia, agguato al cognato di Roberto Spada: finiscono in manette esecutori e mandante

in Breaking news by

I carabinieri hanno identificato i presunti esecutori e mandante del ferimento a colpi d’arma da fuoco del cognato di Roberto Spada, avvenuto lo scorso 20 aprile a Ostia. I militari del nucleo investigativo di Ostia stanno notificando un’ordinanza che dispone nei confronti di tre persone la custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Roma su richiesta della DDA, con l’accusa di tentato omicidio. Il fatto di sangue – rendono noto i carabinieri – si colloca nelle dinamiche di “riposizionamento” dei gruppi malavitosi sullo “scacchiere criminale” di Ostia. La vittima dell’agguato, romano, 51 anni, aveva raccontato di essere stato colpito da un proiettile mentre camminava in via Forni. Dopo aver sentito all’improvviso un dolore alla gamba, aveva abbassato lo sguardo e visto il sangue, decidendo di salire in macchina e recarsi verso l’ospedale. Non aveva aggiunto dettagli su chi l’aveva ferito ne’ quanti fossero e, soprattutto, su un possibile movente che potesse aver spinto qualcuno a premere il grilletto di giorno in un periodo in cui le strade della Capitale erano particolarmente sorvegliate, per verificare il rispetto delle disposizioni per il contenimento del coronavirus.

Castellammare di Stabia, 17enne accoltellato: muore in ospedale. Ferito anche un 30enne, indaga la Polizia

in Breaking news by

La Polizia sta indagando sulla morte di 17enne e sul ferimento di un 30enne giunti la scorsa notte nell’ospedale di Castellammare di Stabia. Entrambi sono arrivati nel pronto soccorso con ferite da punta e taglio, il minorenne al torace e all’inguine. Per lui non c’è stato nulla da fare. E’ morto poco dopo l’arrivo in ospedale. Il trentenne, invece, è stato subito sottoposto a intervento. Secondo gli investigatori non sarebbe in pericolo di vita. Sul quanto accaduto sono in corso indagini da parte della Polizia.

In 2mila comuni test sierologici al via, saranno su base volontaria. Partono le telefonate della Croce Rossa, al lavoro 21 centri regionali

in Breaking news by

Hanno preso il via, questa mattina, le telefonate della Croce Rossa italiana ai cittadini individuati nel campione di 150.000 soggetti ai quali verrà effettuato il test sierologico per mappare la diffusione del nuovo coronavirus sul territorio nazionale. Al lavoro, si apprende dalla Cri, ci sono oltre 700 operatori volontari, che hanno ricevuto una formazione nella scorse settimane. I call center operativi sono 21, uno in ogni Regione, ai quali si aggiunge un Centro nazionale di supporto. La Lombardia registrerà il più alto numero di cittadini contattati, pari a oltre 30mila. Seguono il Veneto (13mila); Emilia Romagna (12mila); Campania, Lazio e Sicilia (oltre 11mila); Piemonte (10mila) e a seguire le altre Regioni, fino alla Valle d’Aosta dove saranno contattati oltre 4mila cittadini. Il campione, elaborato con l’Istat, viene individuato sulla base del genere e suddiviso in 6 classi d’età, per Regione ed attività lavorativa. Gli operatori Cri saranno impegnati nelle fasi di prelievo a domicilio e negli ambulatori, ma nelle Regioni Lazio, E.R., Piemonte, Molise e provincia autonoma di Bolzano si occuperanno solo del prelievo a domicilio. I cittadini facenti parte del campione selezionato verranno contattati dalla Croce Rossa italiana sul proprio telefono cellulare. Dopo essere stati contattati per il test sierologico, per eventuali informazioni aggiuntive i cittadini potranno rivolgersi al numero 06-5510 messo a disposizione dalla Cri. Capire quante persone in Italia hanno sviluppato gli anticorpi al Coronavirus, anche in assenza di sintomi, stimare dimensioni e estensione dell’infezione nella popolazione e descriverne la frequenza in relazione ad alcuni fattori quali sesso, età, regione di appartenenza, attività economica. Questo al fine di indirizzare politiche a livello nazionale o regionale e per modulare le misure di contenimento del contagio. Parte oggi la vasta indagine epidemiologica su scala nazionale attraverso test sierologici su un campione di 150mila persone distribuite in duemila comuni italiani. L’indagine è firmata ministero della Salute e Istat, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana che con i suoi volontari arriverà alle persone scelte per la campionatura. L’adesione è volontaria e i test sono gratuiti. A chiarirlo a più riprese il Governo, anche attraverso il premier Giuseppe Conte, durante l’informativa alla Camera lo scorso 21 maggio, e la stessa Istat. Nessun obbligo da parte dei cittadini di rispondere alla chiamata. Ma per sensibilizzare la partecipazione su tutte le reti Rai andrà in onda uno spot dedicato all’indagine e locandine saranno affisse nelle farmacie e nelle parafarmacie, grazie alla collaborazione offerta da Federfarma e dalla Federazione dell’Ordine dei Farmacisti Italiani (Fofi). Sarà la Lombardia la regione con il campione maggiore pari a 20mila individui. La scelta tiene conto, infatti, oltre che della demografia, anche delle stime sulla pervasività del virus a livello territoriale. Altre grandi Regioni si collocheranno poco sotto i 10mila selezionati, meno di 4mila in quelle più piccole o meno toccate dall’epidemia. I test verranno effettuati “con esclusiva finalità di ricerca scientifica”, aveva chiarito il premier Conte nell’informativa alla in Aula alla Camera. “Occorrerà – aveva aggiunto – uno sforzo che si basa sul lavoro di volontari sul territorio” e ci sarà “una struttura nazionale di coordinamento”. In una nota diffusa alla vigilia del via ai test da ministero della Salute, Istat e Cri, si sottolinea che “la riservatezza dei partecipanti sarà mantenuta per tutta la durata dell’ indagine”. A tutti i soggetti che partecipano sarà assegnato un numero d’identificazione anonimo per l’acquisizione dell’esito del test. Il legame di questo numero d’identificazione con i singoli individui sarà gestito dal gruppo di lavoro dell’ indagine e sarà divulgato solo agli enti autorizzati, viene spiegato. “Gli esiti dell’indagine, diffusi in forma anonima e aggregata – spiega ancora la nota – potranno essere utilizzati anche per altri studi scientifici e per l’analisi comparata con altri Paesi europei”. Le persone selezionate saranno contattate al telefono dai centri regionali della Croce Rossa Italiana per fissare, in uno dei laboratori selezionati, un appuntamento per il prelievo del sangue. Potrà essere eseguito anche a domicilio se il soggetto è fragile o vulnerabile. Al momento del contatto verrà anche chiesto di rispondere a uno specifico questionario predisposto da Istat, in accordo con il Comitato tecnico scientifico. La Regione comunicherà l’esito dell’esame a ciascun partecipante residente nel territorio. In caso di diagnosi positiva, l’interessato verrà messo in temporaneo isolamento domiciliare e contattato dal proprio Servizio sanitario regionale o Asl per fare un tampone naso-faringeo che verifichi l’eventuale stato di contagiosità.

Ministero della Giustizia, Bonafede sceglie Piccirillo come capo di Gabinetto

in Breaking news by

Alfonso Bonafede ha chiesto al Csm il collocamento fuori ruolo del sostituto procuratore generale presso la Corte di Cassazione, Raffaele Piccirillo, per destinarlo al ruolo di capo di Gabinetto del ministero della Giustizia. Raffaele Piccirillo entra in magistratura nel 1994 e prende servizio al tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Dal 2008 al 2013 è giudice delle indagini preliminari a Napoli, dove si occupa anche di formazione dei magistrati ordinari del distretto di Corte d’Appello di Napoli, area penale. Poi l’incarico alla Corte di Cassazione come magistrato addetto all’ufficio del Massimario. Dal settembre 2014 al giugno 2018 è stato Direttore generale della giustizia penale al ministero della Giustizia e poi Capo del Dipartimento per gli affari di giustizia. Ha inoltre ricoperto il ruolo di responsabile per la prevenzione della corruzione e della trasparenza, curando, tra l’altro, l’elaborazione del codice di comportamento dei dipendenti e del Piano triennale anticorruzione 2018-2020, e per oltre un anno ha retto la Direzione generale dell’Ufficio centrale degli Archivi notarili.

Coronavirus, Boccia: “Se avanti così non riapriamo mobilità fra Regioni”

in Breaking news by

Non siamo sorpresi per quel è accaduto in questo fine settimana. Ma se è comprensibile e umano, dopo due mesi, uscire di casa, non dobbiamo dimenticare che siamo ancora dentro il Covid 19 e dunque chi alimenta una movida sta tradendo i sacrifici fatti da di milioni di italiani”. Lo dice, in un’intervista alla Stampa, il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia. “A fine settimana – spiega – il Consiglio dei ministri farà le sue valutazioni in base al numero dei contagi. E per lo ‘sblocco’ della mobilità tra Regioni, faremo le nostre valutazioni: non è detto, ma potrebbe diventare inevitabile prendere tutto il tempo che serve”. “La maggioranza dei cittadini – osserva Boccia – rispetta le regole ed è indignata per i comportamenti di poche persone. Sinora abbiamo usato il metodo del bastone e della carota: sembra aver funzionato”. E gli assistenti civici, aggiunge, saranno “migliaia di persone in strada per ricordare a tutti le regole della nostra convivenza”.

Coronavirus, Fontana: “Zero morti in Lombardia è un dato da prendere con le pinze”. Diminuiscono, comunque, i contagi

in Breaking news by

La cosa che mi rasserena è il numero dei nuovi contagiati che sta diminuendo. Quello dei decessi zero è un dato che andrà preso con le pinze, nel senso che purtroppo la domenica è un giorno durante il quale la comunicazione non è sempre precisa e perfetta, a volte arrivano in ritardo. E’ sicuramente molto positivo come dato, però non illudiamoci che sia finita”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. I dati “sono assolutamente ufficiali”, ha confermato il governatore. I dati “sono assolutamente ufficiali – ha ribadito – ieri sicuramente zero decessi ed è una cosa positiva, è un trend che sta continuando. Però non illudiamoci che adesso sia finito il numero di morti”. “E’ possibile, io me lo auguro, non voglio distribuire troppo entusiasmo perché negli ultimi giorni abbiamo assistito a movida e assembramenti che sono un po’ preoccupanti. Non vorrei che questi ulteriori dati creassero eccessivo entusiasmo”, ha concluso.

Taurianova, reddito di cittadinanza a moglie boss: scoperta dei carabinieri. Tra i furbetti anche lavoratori in nero

in Breaking news by

Il marito, boss della ‘ndrangheta, è in carcere ristretto da sei anni in regime di 41 bis con una condanna definitiva per associazione mafiosa da scontare ma lei percepiva il reddito di cittadinanza. Accade a Taurianova, nel Reggino, dove i carabinieri, coordinati dalla Procura di Palmi diretta dal Procuratore Ottavio Sferlazza, hanno scoperto 18 “furbetti” che usufruivano del sussidio pur non avendone diritto. L’erogazione, che ha provocato un danno erariale di 50 mila euro è stata subito interrotta dall’Inps. La consorte del boss aveva dimenticato di segnalare che nel suo nucleo famigliare era presente il marito ma nelle maglie dei militari della Compagnia di Taurianova sono finiti anche cittadini che lavoravano in nero, pur intascando il reddito,in bar, ristoranti o in cantieri, ma anche un gestore di una officina meccanica abusiva, con diverse auto in attesa e un parrucchiere che intascava il beneficio pur lavorando regolarmente anche se aveva formalmente chiuso l’attività 4 anni fa.

Concorso Scuola, accordo raggiunto nel Governo. Azzolina: “Eliminati i quiz, saranno sostituiti da uno scritto”

in News/Primo Piano by

Vogliamo ridurre il precariato, per dare più stabilità alla scuola, e vogliamo farlo attraverso una modalità di assunzione che garantisca il merito. La proposta presentata dal Presidente del Consiglio va in questa direzione, confermando il concorso come percorso di reclutamento per i docenti”. E’ quanto scrive su facebook la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina dopo l’accordo raggiunto la notte scorsa. “È stata anche accolta la richiesta di modificare la modalità della prova, eliminando i quiz a crocette previsti nel decreto sulla scuola votato a dicembre in Parlamento. Saranno sostituiti da uno scritto, in modo da garantire una selezione ancora più meritocratica. Nel frattempo, in attesa di espletare la prova, ci saranno le supplenze dalle graduatorie provinciali che saranno aggiornate con le nuove modalità. Ringrazio la maggioranza: abbiamo raggiunto un importante obiettivo”.

Confiscato il patrimonio del clan Spada, c’è anche la palestra dove fu aggredito il giornalista Rai Piervincenzi

in Breaking news by

Confiscato in via definitiva il patrimonio del clan Spada di Ostia. La Guardia di Finanza sta eseguendo un provvedimento emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Roma per la confisca dei beni mobili e immobili per un valore complessivo di 18 milioni. Tra i beni – che erano stati posti sotto sequestro ad ottobre del 2018 – anche la palestra ad Ostia dove Roberto Spada a novembre del 2017 aggredì il giornalista della Rai Daniele Piervincenzi. L’indagine condotta dagli uomini del Gico del Nucleo di polizia economico finanziaria di Roma hanno consentito di ricostruire tutto il patrimonio accumulato nel corso degli ani dai principali esponenti del clan: Carmine Spada, detto Romoletto, Ottavio Spada, Armando Spada, Roberto Spada e Claudio Galatioto. Un patrimonio accumulato, dicono gli investigatori, attraverso estorsioni, usura e traffico di droga. Gli accertamenti hanno riguardato una cinquantina di persone, tra familiari e soggetti terzi che hanno svolto la funzione di prestanome per i vertici del clan ed erano coinvolti in false compravendite di quote societarie. Nel complesso sono state confiscate 19 società, due ditte individuali e 6 associazioni sportive/culturali quasi tutte ad Ostia e operanti in svariati settori: gestione di forni, bar, sale slot, distributori di carburanti, palestre, scuole di danza, il commercio di autovetture e edilizia. Tra le società c’è anche la ‘Femus Boxe’, la società che gestiva la palestra dove è stato colpito Piervincenzi. Per quella vicenda Roberto Spada è stato condannato per lesioni aggravate dal metodo mafioso. Sono poi stati confiscati 2 immobili a Ostia e Ardea (Roma), 13 automezzi e disponibilità finanziarie su rapporti bancari e postali.

Coronavirus, si indaga su degenze in Rsa di malati non sottoposti a tampone: al via le opere di sanificazione

in News/Primo Piano by

Non solo pazienti ufficialmente Covid trasferiti dagli ospedali sulla base delle delibera regionale dell’8 marzo. Nelle Rsa, dopo lo scoppio dell’epidemia, sarebbero stati accolti anche malati, non positivi perché senza tamponi effettuati ma affetti anche da polmoniti, sulla base di “convezioni” già in atto da tempo sulle degenze nelle case di riposo di anziani provenienti da strutture sanitarie. E’ uno dei fronti, da quanto si è appreso, su cui stanno lavorando investigatori e inquirenti milanesi nelle indagini sui contagi nelle residenze assistenziali. Intanto è iniziata nella Rsa di Orzinuovi, nel bresciano, e proseguirà in quella di Orzivecchi e Barbariga, la sanificazione degli ambienti fatta da un gruppo di militari arrivati dalla Russia. Nelle tre strutture collegate in una unica fondazione sono morte 56 persone in questa emergenza legata al Covid. A completare la sanificazione sono medici ed infermieri militari russi con sette uomini dell’esercito italiano. Lo stesso contingente che ha operato nelle Rsa bergamasche. Tre gruppi misti di 25 persone che lavorano simultaneamente nelle tre case di riposo. In totale sono 75 militari. “Bene che questa iniziativa sia partita dal nostro comune che è il più colpito del territorio. La gente adesso chiede tamponi e test sierologici” ha commentato il sindaco di Orzinuovi e senatore di Fratelli di Italia Giampietro Maffoni.

Bisogna dialogare, le guerre non fanno bene a nessuno. Chi ci rimette è la Pallavolo

in Breaking news by

Facciamo chiarezza anche sulle posizioni dei Presidenti delle Leghe di Pallavolo. La legge è chiara al riguardo: i presidenti Fabris e Mosna restano in carica fino alla elezione dei nuovi Presidenti e dei nuovi cda. La Fipav giustamente ha il suo peso come federazione e l’ha fatto valere sul tavolo nei confronti delle Leghe. La diatriba nasce dal fatto che la Federazione non li ha invitati alla decisione (le Leghe possono essere presenti ma non hanno diritto di voto, ndr) relativa alla chiusura dei campionati senza assegnazione di scudetti. Premesso ciò, entrambi hanno le proprie ragioni. Ora questo scontro non fa bene a nessuno tanto meno serve a ben poco mostrare i muscoli in questa circostanza. Invitiamo tutti ad abbassare i toni e ad aprire un dialogo per il bene della Fipav, delle Leghe e di tutto il mondo della Pallavolo. Tra persone che ricoprono delicati ruoli istituzionali va aperto immediatamente un confronto. Noi ce lo auguriamo al più presto.

1 318 319 320 321 322 336
Go to Top