DAILY MAGAZINE

Category archive

Campania - page 617

posts delle notizie della Campania

Indagine Graziano, la Procura ha deciso: accuse inventate

in Campania by
Avrebbe realizzato un falso profilo Facebook intestato al consigliere regionale del Pd Stefano Graziano, inserendo messaggi da cui emergeva la promessa di un posto di lavoro in cambio di voti fatta nei suoi confronti dal politico, che ha poi denunciato per voto di scambio. È quanto accertato dal pm della Procura di Napoli Nord Patrizia Dongiacomo, che ha chiesto l’archiviazione per Stefano Graziano e altre due persone che erano state coinvolte nella denuncia presentata da Luigi Comparone, ovvero il consigliere del Comune di Aversa Pasquale Fiorenzano e Nicola Tirozzi. Comparone rischia ora un’indagine per calunnia. La denuncia riguardava le elezioni comunali tenutesi ad Aversa nel 2019, e vinte dall’attuale sindaco Alfonso Golia. Comparone raccontò ai magistrati della Procura di Napoli Nord di aver avuto contatti, durante la campagna elettorale, con Graziano e Fiorenzano, e di aver ricevuto la promessa di superare il concorso per operatore socio-sanitario nel caso in cui avesse portato voti a Fiorenzano, candidato al consiglio comunale; Comparone tirò in ballo come “intermediario” un altro soggetto, Nicola Tirozzi, e consegnò agli inquirenti dei messaggi che erano nel profilo facebook di tal “stefano.graziano.940”; messaggi dal contenuto esplicito, in cui Comparone ribadiva lo scambio: “Buongiorno, io come ho promesso faccio il mio dovere, però si ricordi che domani mio cognato ha la prova”. Molto chiara anche la risposta: “Sta tranquillo, pensa a fare i voti, per il resto ci penso io, abbiamo chiesto anche per lui il 30”. Come scrive l’Ansa, la Procura ha delegato la Polizia Postale alle indagini sui messaggi: Facebook ha così fornito l’Ip relativo alla connessione utilizzatrice del profilo, ovvero Windtre, mentre quest’ultima ha fornito i numeri telefonici collegati all’Ip, e tra questi è emerso quello Comparone. Il cerchio si è così chiuso e il pm ha chiesto al Gip di archiviare l’indagine. Per Graziano potrebbe trattarsi della seconda archiviazione in altrettanti indagini penali, dopo quella ottenuta per il procedimento per corruzione elettorale. Anche allora uscì indenne e pulito, ricevendo anche il plauso dell’allora premier Matteo Renzi. A chiarire la sua posizione tramite un post sui social proprio Stefano Graziano: “Oggi il mio legale, l’avvocato Vittorio Giaquinto, ha ritirato la richiesta di archiviazione, firmato dal Pubblico Ministero del Tribunale di Napoli Nord Patrizia Dongiacomo, per l’inchiesta su un presunto caso di voto di scambio in occasione delle ultime elezioni comunali ad Aversa. Avevo scelto di non divulgare la notizia in attesa che il giudice per le indagini preliminari firmasse il provvedimento rendendolo definitivo. Volevo che anche arrivasse la parola fine su questa brutta vicenda, ma di fronte alla solita macchina del fango che puntualmente si è messa in moto ho cambiato idea. Non c’è stata alcuna richiesta di rinvio a giudizio ma una richiesta di archiviazione. Chi è ossessionato da me se ne faccia una ragione. L’inchiesta di Aversa era basata su un grande falso costruito ad arte per danneggiare la mia figura politica. Un falso account Facebook con la mia fotografia e il mio nome e cognome nella cui chat di Messenger si parlava di impegni non mantenuti circa un concorso nella sanità. Un falso, fatto male come abbiamo dimostrato anche con l’ausilio di Facebook che ha riscontrato gli indirizzi ip dei soggetti coinvolti. Questi mesi sono stato in silenzio perché ho sempre avuto rispetto e fiducia nella magistratura, rispetto e fiducia che ribadisco anche oggi con l’auspicio che adesso si vada a fondo di questa vicenda attorno cui ci sono tante ombre che non riguardano me e le altre persone vicine a me che erano state coinvolte ingiustamente”.

Il Napoli si stringe intorno a Gattuso, un minuto di raccoglimento prima dell’allenamento

in Sport by

Ha deciso di prendere parte all’allenamento e presenziare a Castel Volturno per poi partire alla volta della Calabria per l’ultimo saluto alla sorella Francesca. Un gesto forte, molto significativo quello dell’allenatore del Napoli Gennaro Gattuso ieri, che è stato accolto con cordoglio e commozione anche dai suoi calciatori.

Un minuto di silenzio prima della consueta sessione di allenamento in vista della gara di sabato prossimo in Coppa Italia al San Paolo contro l’Inter, la semifinale di ritorno della blasonata competizione prima gara degli azzurri post emergenza covid-19. La squadra ha così voluto esprimere la propria vicinanza e far sentire tutto l’affetto a Gattuso con un abbraccio virtuale. Il capitano Insigne e l’intero gruppo hanno osservato un minuto di raccoglimento, gesto importante e che solidifica ancora di più un legame forte che si è subito instaurato con il tecnico ex Milan.

Due medici del Cardarelli di Napoli ancora positivi al Covid-19, scatta la sanificazione

in Campania by

Come scrive Il Mattino, due medici del Cardarelli, uno di Urologia e l’altro del Trauma center, sono risultati nuovamente positivi al Covid 19 pur essendo guariti da una prima infezione avvenuta a marzo e poi guarita. La scoperta nel corso dello screening con tamponi a tappeto eseguiti su tutte le 3300 unità di personale dell’azienda collinare. I due sanitari dunque, tornati al lavoro da settimane, con tanto di certificato di doppio tampone negativo, sono ora di nuovo quarantena. I rispettivi reparti sono stati chiusi e sanificati mentre oggi dovrebbe riaprire l’Urologia. Entrambi i camici bianchi sono del tutto asintomatici e nessuno dei pazienti dei rispettivi reparti è risultato infetto.

Grumo Nevano, litigio sui social sfocia in tentato omicidio: accoltellato 19enne

in Campania by

Un litigio sui social sfociato in tentato omicidio: è successo a Grumo Nevano, in provincia di Napoli, dove i Carabinieri hanno arrestato un 15enne che ha accoltellato un 19enne ferendolo gravemente. La vittima è ora ricoverata nell’ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore. Non è in pericolo di vita sebbene la ferita procurata dal fendente è profonda ben 7 centimetri. Tutto è iniziato per motivi futili: come scrive l’Ansa, il 15enne è stato subito fermato dai militari poco dopo il fatto. Nella sua abitazione è stato trovato uno straccio con tracce di sangue.

Professore di Ischia nominato Cavaliere della Repubblica, videolezioni dall’Ospedale Rizzoli

in Campania by

Tra i Cavalieri del lavoro nominati dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella c’è anche il professore ischitano Ambrogio Iacono che pur, affetto da coronavirus, ha continuato a insegnare ai suoi alunni in teledidattica dal letto dell’ospedale Rizzoli, dove è stato ricoverato per alcune settimane. “Non pensavo a tutta questa eco – ha dichiarato Iacono – Sono particolarmente onorato da questa nomina che considero un riconoscimento a tutti quelli che in questa emergenza hanno avuto gesti di solidarietà e di impegno verso il prossimo e la dedico alla memoria dei miei nonni, un esempio per me di serietà e impegno quotidiano”.

Come scrive l’Ansa, il suo caso fu elogiato pubblicamente dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “Tanti cittadini stanno offrendo prove di grande impegno. Tra questi c’e’ il professor Ambrogio Iacono – disse il premier – Colpito dal Covid-19, continua a fare lezione a distanza ai suoi studenti dal letto dell’ospedale. Grazie Professore: i suoi studenti saranno fieri di lei”.

Coronavirus, sale ancora il numero dei guariti in Campania

in Campania by

Alle alle ore 23.59 di ieri erano 4.821 gli ancora positivi al Coronavirus in Campania, su un totale di 208.854 tamponi. Lo rende noto l’Unità di Crisi Regionale per la realizzazione di misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Il totale dei deceduti ammonta a 415 persone mentre i guariti sono 3.537 (di cui 3.474 totalmente guariti e 63 clinicamente guariti. Questo il riparto per provincia: Provincia di Napoli: 2.621 (di cui 1.001 Napoli Città e 1.620 Napoli provincia); Provincia di Salerno: 687; Provincia di Avellino: 547; Provincia di Caserta: 462; Provincia di Benevento: 209. Altri in fase di verifica Asl: 295.

Spaccio di droga tra Napoli e Caserta, scacco al clan: otto nuovi arresti

in Campania by

Gestivano lo spaccio di droga a Caserta per conto del clan camorristico Belforte ed erano così influenti da decidere l’itinerario di una processione religiosa per far passare la Madonna sotto la casa di famiglia. È l’accusa contestata a sette persone arrestate questa mattina dai Carabinieri del Nucleo investigativo di Caserta, su ordine del Gip di Napoli, per i reati di associazione di tipo mafioso e traffico di sostanze stupefacenti.

Come scrive l’Ansa, gli indagati fanno parte o gravitano attorno la famiglia Della Ventura, nota in città per i traffici illeciti e guidata da un esponente di spicco del clan Belforte di Marcianise e detenuto da anni. Le ordinanze in carcere sono state notificate alla moglie e al genero. La donna è stata già arrestata in passato e ritenuta un elemento di primo piano del clan.

Nuovo protocollo Coronavirus per lo spostamento tra Regioni, controlli intensificati anche in arrivo sulle isole campane

in Campania by

Tutti i viaggiatori in arrivo alle stazioni ferroviarie della Campania con treni che effettuano collegamenti interregionali, o all’aeroporto, dovranno sottoporsi da oggi alla rilevazione della temperatura corporea e, in caso di temperatura pari o superiore a 37,5 gradi, a test rapido Covid-19 ed eventuale tampone. E’ una delle prescrizioni contenute nell’ordinanza 54 firmata ieri dal presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, e valida fino al 15 giugno.

Come scrive l’Ansa, tutte le persone provenienti dalle altre regioni o dall’estero hanno l’obbligo, in caso di comparsa di sintomi, di avvertire immediatamente la ASL competente e il proprio medico. Per i servizi di trasporto pubblico locale di linea terrestri e per quelli non di linea è confermata la riattivazione nella misura del 100 per cento dei servizi programmati in ordinario; riattivazione completa anche per i servizi marittimi.

Lutto in casa Napoli, è scomparsa la sorella di Rino Gattuso

in Sport by

Lutto in casa Napoli. Nella mattinata di ieri è scomparsa Francesca, la sorella dell’allenatore azzurro Rino Gattuso. La donna aveva 37 anni e lo scorso febbraio si seppe che era stata ricoverata d’urgenza perché Gattuso la raggiunse subito in Lombardia. Il tecnico del Napoli già ieri è partito per Gallarate dove vive la famiglia della sorella che è deceduta nell’ospedale di Busto Arsizio.

Grande il cordoglio non solo del club all’ombra del Vesuvio ma di tutte le massime squadre italiane, con messaggi di sostegno in particolar modo da parte di Inter e Milan.

Go to Top