DAILY MAGAZINE

Tag archive

speranza

Speranza: “Nuova ordinanza vieta ingresso in Italia da Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini”

in News by

leggi tutto…

VIDEO – Arriva il Supergreen Pass

in News by

Il Consiglio dei Ministri ha votato in modo unanime il nuovo provvedimento sulla carta verde

leggi tutto…

La preoccupazione del Ministro Speranza: “Il Natale dipende da noi, vaccinazioni e mascherina”

in News by

Il capo del Ministero della Salute ha commentato a “Che tempo che fa” gli aumenti dei contagi e le messe dell’esecutivo sulla pandemia 

Mentre quasi tre milioni di italiani hanno ormai iniziato la terza dose, aumentano i casi di contagi per covid. L’esecutivo di Mario Draghi resta cauto e vigile sulla questione restrizioni, dichiarando di non prevedere chiusure per il periodo natalizio. Sottolineando di avere sotto controllo i ricoveri e le terapie intensive. Il Ministro della Salute Roberto Speranza, durante la trasmissione di Rai 3 “Che tempo che fa” di Fabio Fazio, ha dichiarato: 

 “Da diverse settimane c’è una fase di peggioramento del quadro, una situazione attesa perché nella fase autunnale e invernale si sta di più al chiuso. Anche in Italia c’è una crescita del contagio, che deve portarci ad alzare il livello di attenzione, ma per il momento manteniamo le regole esistenti. L’Italia è uno dei Paesi che ha preso numerose misure precauzionali, regole di maggiore cautela e non sono previste restrizioni anche se non vi è dubbio che verificheremo l’evoluzione della curva e faremo le valutazioni necessarie – ha spiegato. Noi abbiamo fatto la scelta di accelerazione sui richiami. Non curare i non vaccinati che si ammalano? Che chi non si vaccina non aiuti se stesso né gli altri né il paese, non c’è dubbio e la stragrande maggioranza degli italiani lo ha colto. Ma la nostra Costituzione ci dà un messaggio non negoziabile e non può essere messo in discussione, mi sembra una imposizione oltre i limiti della Costituzione: chi si ammala, va curato. Dipende da noi, purtroppo l’indice del contagio non è già deciso, non è scritto in cielo, dipende da noi, sarà decisiva la campagna di vaccinazione e l’utilizzo di tutte le modalità di protezione. Se noi continuiamo a insistere sulle dosi di richiamo, sulle prime dosi possiamo limitare il più possibile le restrizioni. I dati indicano che siamo di fronte a un passaggio insidioso, la stragrande maggioranza degli italiani ha dimostrato di essere all’altezza della sfida, è stata straordinaria”

Covid, Speranza: “Uscire da pandemia con servizi sanitari forti”

in Uncategorized by

E’ questo il messaggio che il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha voluto portare alla riunione L20, l’incontro delle organizzazioni sindacali internazionali e dei sindacati dei paesi del G20, a cui hanno partecipato, tra gli altri, l’ex presidente brasiliano Luiz Inàcio Lula da Silva, il Ministro del Commercio e dell’Industria del Sudafrica, Ebrahim Patel, e il segretario generale della CGIL, Maurizio Landini.

“Nel ‘Patto di Roma’ siglato da tutti i ministri della salute del G20 – ha affermato ancora Speranza – abbiamo chiesto più risorse per difendere il diritto alla salute e l’universalità dei servizi sanitari. Ogni stanziamento di fondi in salute non va considerato un costo ma un investimento per la ripartenza economica globale. Questa l’indicazione che porteremo anche domani al G20 congiunto Salute-Finanze. Il primo ambito su cui concentrare questo impegno è quello dei vaccini che devono essere un bene pubblico globale e un diritto di tutti”.

Covid e turismo: Speranza firma l’ordinanza di proroga fino al 15 dicembre

in News by

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato l’ordinanza di proroga al 15 dicembre delle misure di ingresso in Italia da Paesi terzi. Gli ingressi da India e Brasile vengono equiparati agli altri Paesi extraeuropei.

Saranno dunque necessari l’esecuzione di un tampone entro 72 ore dalla partenza da questi Paesi, l’isolamento fiduciario di 10 giorni all’arrivo in Italia e la compilazione del modulo “PLF” o “Passenger Locator Form”, modulo di localizzazione del passeggero, compilato in formato digitale. Ecco le regole per gli ingressi in Italia dai vari Paesi.

Per quanto riguarda gli Stati in elenco D, i viaggiatori non devono sottoporsi all’isolamento fiduciario di 5 giorni a condizione che presentino entrambii seguenti documenti: certificato di avvenuta vaccinazione; tampone molecolare o antigenico effettuato entro le 72 ore prima dell’ingresso in Italia. Nel caso di ingressi da UK e Irlanda del Nord e dalle isole il tampone deve essere fatto entro le 48 ore dall’ingresso in Italia.

I viaggiatori provenienti da Giappone, Canada e Stati Uniti possono entrare in Italia senza necessità di sottoporsi a isolamento fiduciario di cinque giorni, previa esibizione alle autorità competenti del PLF e della certificazione di test molecolare o antigenico effettuato nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale.

Salute, D’Anna (Biologi): “Bene Speranza su aumento del fondo sanitario, ma ora stop a stagione tagli anche per specialistica ambulatoriale”

in News by

“Il fondo sanitario nazionale è passato da 114 miliardi di euro agli attuali 122 miliardi con una crescita che non si era mai vista prima. E di questo va dato atto al ministro della Salute Roberto Speranza”. Lo dichiara, in una nota, il sen. Vincenzo D’Anna, presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi ricordando come “con il documento programmatico di bilancio viene ribadito l’impegno ad accrescere ancor di più quel fondo di ulteriori 2 miliardi nel 2022, di 4 nel 2023 e di 6 nel 2024 quando si arriverà a 128 miliardi”. Insomma, per il rappresentante dei Biologi: “è il riconoscimento che il Servizio Sanitario Nazionale, per dirla con le parole del ministro Speranza, è la pietra più preziosa che abbiamo e rappresenta la vera mattonella per la ripartenza del Paese”.

L’augurio, conclude D’Anna, è che “realmente sia stata imboccata la strada giusta per dichiarare definitivamente conclusa la stagione dei tagli. A patto però che questi finiscano per tutti, anche per le prestazioni specialistiche ambulatoriali così da impedire che i grandi gruppi speculativi rastrellino il mercato diventandone padroni“.

Speranza: “Vaccinati oltre 80%, numeri significativi per prime dosi'”

in News by

“Siamo in una fase diversa rispetto alla precedente. Siamo ancora dentro la pandemia” di Covid-19, “ma in una fase diversa, seppur con atteggiamenti ancora di prudenza e cautela”. E “questa fase è diversa grazie ai vaccini: abbiamo superato l’80% delle persone vaccinabili che hanno completato il ciclo vaccinale e l’85% che ha fatto la prima dose. Abbiamo numeri significativi anche per le prime dosi. C’è un percorso positivo che ci permette di avere uno scudo, e passo dopo passo di entrare in una nuova fase che ci consentirà di mettere energie sul rilancio, la riforma e gli investimenti nel Servizio sanitario nazionale”.

Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento all’apertura del convegno ‘La psiche al centro della vita’, promosso dal Consiglio nazionale dell’Ordine degli psicologi (Cnop) a Roma per la Giornata nazionale della psicologia 2021.

Speranza frena sull’ obbligo dei vaccini: modifiche al Green pass e terza dose

in News by

Il ministro della Salute, Roberto Speranza frena sull’obbligo vaccinale, già necessario per sanitari e operatori Rsa. “Abbiamo un margine per valutare e vedere”, dice in tv e prende tempo anche sulla terza dose agli over-60″.

“Già somministrate quasi 300mila terze dosi – afferma – e le categorie indicate sono molte. E’ possibile che si arrivi agli over 60, ma vedremo”. Anche il Green pass per ora rimane com’è, in attesa dell’obbligo che scatterà il 15 ottobre nella Pubblica Amministrazione.

“La terza dose è un pezzo importante della strategia che abbiamo messo in campo: si parte subito, già abbiamo quasi 300mila terze dosi somministrate. Le categorie indicate sono molte e alcuni non hanno ancora i 6 mesi trascorsi dal ciclo primario, quindi non saranno tutti vaccinati subito. Verificheremo ancora i dati in arrivo per capire se dobbiamo andare sotto i 60 anni per le terze dosi, io penso che questo sia possibile ma vedremo”.

Covid, Speranza: “Altro passo avanti ma lotta a virus è ancora partita aperta”

in News by

“Adesso tutta l’Italia è in zona bianca, abbiamo fatto un altro passo in avanti” ma “nessuno nel mondo dice che ne siamo fuori, la lotta al virus è ancora una partita aperta e delicata” – lo afferma il ministro della Salute Roberto Speranza.

Parlando della ripresa economica, spiega: “La crescita del 6% la fai se metti il Paese in sicurezza dalla pandemia. Stiamo entrando nella quarta settimana dalla riapertura delle scuole, possiamo parlare di tenuta, ma per un bilancio degli effetti è presto”.  Sulle vaccinazioni il ministro sottolinea: “Siamo tra i primi Paesi nel mondo, davanti a Germania, Francia e Gran Bretagna” e si appella ai medici di famiglia: “Tocca a loro convincere gli incerti. Ogni giorno, vaccino dopo vaccino, avremo uno scudo un po’ più forte per proteggerci dal virus e potremo continuare il nostro percorso di riaperture graduali”.

1 2 3 7
Go to Top