DAILY MAGAZINE

Tag archive

convegno

San Marino, convegno su “Le vittime dell’odio”

in News by

Dopo Roma, Torino e Palermo, questa mattina, presso il teatro Titano della Repubblica di San Marino si è svolto il convegno su “Le vittime dell’odio”.

leggi tutto…

Palermo, inclusione e tolleranza nel convegno Oscad

in News by

La città di Palermo ha ospitato questa mattina una tappa del percorso di incontri organizzato dall’Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori – OSCAD, organizzati per promuovere i valori della tolleranza e dell’inclusione.

leggi tutto…

Le grotte della Campania tra Preistoria, età classica e Medioevo

in Campania by

Una “carta archeologica per l’isola di Capri”, finanziato e patrocinato dai Comuni di Capri e Anacapri, sotto la direzione scientifica della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Napoli e con la collaborazione del CNR-ISPC di Roma. Il progetto si propone l’obiettivo principale di redigere una carta archeologica come base indispensabile per la conoscenza, la tutela e la valorizzazione del patrimonio archeologico dell’isola. Al fine di promuovere la conoscenza delle diverse fasi di studio e mettere a confronto in un pubblico dibattito i dati emersi, l’Associazione organizza tre convegni nell’arco dei cinque anni di progetto.

Il primo è stato dedicato alla ricerca archeologica in età borbonica attraverso la documentazione d’archivio e si è proposto di porre al centro dell’attenzione le indagini di scavo che si realizzarono a Capri, mettendole in relazione con altri siti delle province più importanti del Regno, vale a dire la Provincia di Napoli e la Provincia di Terra di Lavoro. Per il 2021 si è scelto di promuovere una seconda occasione di incontro, mediante l’organizzazione del secondo convegno intitolato “Le grotte tra Preistoria, età classica e Medioevo: Capri, la Campania, il Mediterraneo”. L’attenzione si sposta così su un altro tema di studio ben rappresentato a Capri, ma meritevole di indagine anche a livello generale e regionale: il vivere in grotta nella sua dimensione pratica, quotidiana e utilitaria oppure simbolica e ritualizzata.

Questa tematica, così come quella affrontata precedentemente, si presta facilmente a un’analisi interdisciplinare con la compartecipazione di archeologi, storici e storici dell’arte, favorendo inoltre la possibilità di condurre un’indagine in diacronia, che metta a confronto le diverse funzioni o i mutevoli significati assunti dallo spazio della grotta nelle diverse epoche storiche. Anche in questo secondo incontro di studi, l’indagine sulle antichità capresi non potrà prescindere dal confronto con altri siti campani nei diversi periodi storici. Così nel convegno si darà ampio spazio a interventi sia di carattere generale sia incentrati su particolari casi studio.

Go to Top