DAILY MAGAZINE

Tag archive

boss

Napoli, trovati 30 cellulari nel reparto dei boss del carcere di Secondigliano

in Campania by

Ritrovati nel carcere napoletano di Secondigliano “S3”, dove sono presenti elementi di spicco della criminalità organizzata, ben trenta cellulari, tra cui molti smartphone. La polizia penitenziaria ha sequestrato i telefoni durante una specifica operazione finalizzata a contrastare l’introduzione di telefoni e droga negli istituti penitenziari. Oltre ai device, è stata trovata e sequestrata anche sostanza stupefacente.

leggi tutto…

Arrestato a Pordenone boss clan catanese Scalisi

in News by

La Questura di Pordenone ha arrestato in un comune della pedemontana un uomo di 58 anni originario del catanese, con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, rapina, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Secondo quanto emerso dalle indagini, i reati sono stati commessi tra il 2007 e il 2017 in Sicilia. Il 58enne deve scontare in carcere una pena di 7 anni e 9 mesi. L’uomo, ritenuto esponente di vertice del clan mafioso Scalisi di Adrano, è stato individuato in casa di familiari. E’ stato portato nel carcere di massima sicurezza di Tolmezzo.

leggi tutto…

Napoli, intercettazione incastra Gambardella: sfruttamento della prostituzione anche dal carcere

in Campania by

Secondo gli inquirenti Giuseppe Gambardella, detto Peppe “‘a Pigna”, sfruttava la prostituzione dal carcere di Secondigliano nel quale era detenuto, grazie ad uno smartphone, col quale si teneva in contatto con la compagna Carmela Napoletano, 24 anni.

leggi tutto…

Palermo, ai domiciliari prestanome boss Calvaruso

in News by

Nuova operazione dei carabinieri del Comando provinciale di Palermo nei confronti dei fratelli Giuseppe e Benedetto Amato, di 41 e 46 anni, proprietari del noto ristorante Carlo V, nel centro della città. Gli indagati sono gli stessi coinvolti nell’inchiesta di Pasqua ha portato in carcere il boss del “mandamento” di Pagliarelli Giuseppe Calvaruso, appena tornato dal Brasile per trascorrere le feste con la famiglia, e alcuni suoi fiancheggiatori. L’accusa è di trasferimento fraudolento di valori aggravato dal metodo e dalle modalità mafiose, oltre che ritenuti prestanomi del boss Giuseppe Calvaruso, socio occulto dell’attività commerciale.

leggi tutto…

Bari, concesse al boss del 41 bis videochiamate con famiglia

in News by

Al boss barese Domenico Strisciuglio, soprannominato “Mimmo la Luna”, concessa la possibilità di fare videochiamare i propri cari una volta al mese. Dopo il lettore cd per ascoltare musica in cella, il 48enne, capo dell’omonimo clan mafioso del quartiere Libertà di Bari, è detenuto dal 1999 al regime del 41 bis dove sconta condanne per reati di mafia e omicidi.

leggi tutto…

Go to Top