Salerno, problema lidi cittadini: “Più decoro: mai più strutture vecchie e fatiscenti”

in Campania by

“Riammodernamento delle strutture balneari per ridare decoro alla città”. Il consigliere comunale Gennaro Avella è membro della III CommissioneConsiliare Permanente Annona e Turismo. Dopo aver spinto l’Amministrazione Comunale all’adozione del regolamento anti-staccionate sulle spiagge, torna su un problema mai risolto.

Afferma: “Alcuni stabilimenti cittadini sono visibilmente fuori norma. Strutture spesso fatiscenti, cementate e non amovibili, sopraelevate al punto da creare un vero muro alla visione del mare. Un modello vecchio, francamente non più tollerabile. Va assolutamente superato nella concezione di adeguamento – urbanistico e di decoro – della città che stiamo provando a realizzare. Nella complessiva visione di valorizzazione e sviluppo del comparto produttivo legato alla risorsa-mare – con adeguamento al Puad della Regione Campania – il Comune di Salerno dovrà allora decidere di guidare il processo di riammodernamento delle strutture balneari”. 

Più nello specifico: “Il nostro impegno è nel realizzare un rinnovato, riequilibrato e più proficuo rapporto tra gli interessi di natura pubblica e privata, in uno con i prossimi lavori di ripascimento del litorale per il tratto Pastena-Torrione. È nostra convinzione che l’implementazione delle superfici degli arenili non potrà non trovare adeguato e corrispondente livello di riqualificazione e riammodernamento delle opere a terra, già dalla stagione 2023”.

Ho rinnovato allora la richiesta alla III Commissione consiliare di audire gli assessori competenti (turismo ed urbanistica) ed i rappresentanti degli operatori economici di categoria per verificare lo stato di attuazione del vigente Puad Regione Campania”.