Pd: Campania, Boccia: “Commissariamento ultima opzione”

in Campania by

‘Non perdero’ tempo con correntismo’
”Siamo arrivati al commissariamento dopo aver valutato tutte le opzioni. Ringrazio Stefano Graziano che si era messo a servizio per tentare
un’operazione di riappacificazione mantenendo gli organi
invariati. Non e’ andata cosi e alcuni componenti hanno deciso di
dimettersi, ci sono state opzioni ostruzionistiche che non hanno
consentito al partito un confronto adeguato”. Lo ha detto
Francesco BOCCIA, neo commissario del Pd campano in occasione
della conferenza stampa di insediamento. ”Abbiamo preso atto
che i gruppi dirigenti delle varie federazioni delle province
non erano in condizione di unire il partito come avremmo voluto ha aggiunto – ci e’ dispiaciuto, ma abbiamo apprezzato la
serieta’ di alcuni dirigenti che non si sono prestati ad alcun
conflitto sui giornali”. Rispetto al tema delle correnti
interne, BOCCIA ha affermato: ”A me interessa la capacita’ delle
persone di mettersi a disposizione del progetto collettivo. Ho
grande rispetto per lo stimolo culturale che le correnti di un
tempo davano ai partiti quando non sono luoghi di organizzazione
delle carriere dei singoli. In questo caso fanno soltanto danni
ai partiti”. E il neo commissario avverte: ”Se in Campania le
correnti solo quella roba li’, allora mi troveranno da un’altra
parte perche’ non ho alcuna intenzione di perdere tempo con i
bilancini del correntismo. Io sono a disposizione di tutti per
costruire un campo aperto a tutti e dunque consiglio a tutti i
nostri di non farsi guidare dal correntismo perche’ non serve a
nulla. Se si faranno guidare dall’idea della politica come
servizio civile, allora saremo tutti d’accordo perche’ forse
siamo in queste condizioni perche’ non ha prevalso l’attenzione
verso la responsabilita’ collettiva”.