Napoli, weekend di controlli in zona rossa: fioccano le sanzioni ed i sequestri

in News by

Nel week end che ha segnato il passaggio della Campania a zona rossa, la Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito 763 controlli, su persone ed esercizi commerciali e notificato 26 sanzioni tra violazioni anticovid, denunce all’autorità giudiziaria e segnalazioni al Prefetto.

Sanzionate due caffetterie a Soccavo, che non esponevano il cartello indicante il numero massimo dei clienti ammessi, e 5 persone ijn ari quartieri in giro senza alcuna giustificazione. Due persone in auto, invece, sono state sanzionate perché sprovviste di mascherina. A un commerciante cinese sono state sequestrate oltre diecimila mascherine, 1200 occhiali protettivi, 920 visiere, 135 termoscanner, 2454 accessori di ortopedia e 804 colle stick; tutti privi del marchio CE di conformità e delle indicazioni in lingua italiana.

Sanzionato al Porto di Napoli, il titolare di un pub e un dipendente in “nero” di un bar che non indossavano la mascherina. A Boscoreale sono state sanzionati un 61enne di Sant’Anastasia, che si trovava senza giustificato motivo in un Comune diverso da quello di residenza/domicilio, e un giovane in possesso di marijuana per uso personale. A Torre del Greco sanzionato il gestore di una pizzeria che ha consentito alcuni clienti di consumare in gruppo nelle pertinenze del locale, fuori dall’orario consentito. Tra Pozzuoli e Quarto sono stati sanzionati i gestori di due bar per l’omessa istituzione del registro sul quale annotare la temperatura corporea dei dipendenti.

A Meta di Sorrento è stato sanzionato il titolare di un negozio per inosservanza dell’orario obbligatorio di chiusura e una persona poiché sorpresa in strada senza un valido motivo.
    Circa 90 “Baschi Verdi” hanno presidiato, insieme all’Esercito e alle altre Forze di Polizia i punti più “sensibili” della città.
    Infine, sequestrati in una una caffetteria di Piscinola quasi 2 kg. di tabacchi lavorati nazionali messi in vendita senza patentino; 4 kg di sigarette di contrabbando tra Mugnano Melito di Napoli (due persone denunciate) e sequestrati tra Pompei e Boscoreale, alcuni grammi di marijuana trovati addosso a due cittadini italiani che sono stati segnalati al Prefetto.