DAILY MAGAZINE

Napoli, processo migranti in aula bunker a Giugno

in Campania by

Si svolgerà a Napoli il 10 giugno, nell’aula bunker del carcere di Poggioreale, il processo a carico dei trentasei imputati coinvolti nell’inchiesta, condotta dal procuratore aggiunto Giovanni Conzo.

L’udienza era stata rinviata a gennaio, ma non era stata celebrata perché la dottoressa Fallarino aveva adottato un provvedimento nel quale era stato evidenziato che “risulta assolutamente controindicata, in considerazione dell’evoluzione della situazione epidemiologica, la compresenza – per un lasso di tempo particolarmente lungo- di un numero elevato di soggetti (tra difensori, parti, componenti del collegio, personale di cancelleria e di fonoregistrazione, testimoni) per la celebrazione delle udienze.”

Dopo aver ricordato i decreti del presidente del Tribunale con cui “si raccomanda per il settore penale, al fine di evitare anche rischi di assembramento anche nell’area antistante le aule, di verificare, con un congruo anticipo, quali processi debbano essere trattati e quali rinviati e, ciò, avendo riguardo agli ordinari criteri di priorità”, aveva disposto lo slittamento del processo, “ritenuto che nella presente congiuntura prevale l’esigenza di salvaguardare la salute dei dipendenti e dell’utenza, per cui appare assolutamente controindicato ed irragionevole convocare un elevato numero di soggetti”.

Come è ampiamente noto, il dibattimento riguarda il consorzio Maleventum, le dodici strutture che ad esso facevano direttamente capo e una tredicesima riconducibile ad una cooperativa consorziata. Le accuse a vario titolo: associazione per delinquere, falso, turbata libertà degli incanti, truffa, concussione, rivelazione di segreti di ufficio.

Ultimi da...

Go to Top