Napoli, approvato il regolamento di polizia Urbana: dalla sicurezza degli immobili dismessi al divieto di consumo di alcolici in strada dopo le 24

in Campania by

Approvato a maggioranza in Consiglio Comunale di Napoli il Nuovo Regolamento di Polizia e Sicurezza Urbana al fine di garantire l’incolumità pubblica, sicurezza urbana, igiene e decoro urbano; vengono, in particolare, individuati i “comportamenti molesti o in grado di ledere la pubblica incolumità”, le “misure a tutela dell’igiene; disposizioni contro il maltrattamento degli animali”, le “misure a tutela della salute”, le forme di “tutela delle aree e dei beni storici, artistici, monumentali e dei luoghi di culto”. Nel regolamento vengono anche dettate norme in materia di sicurezza urbana e decoro nello svolgimento delle attività commerciali e artigianali, con riferimento allo svolgimento su suolo pubblico o ad uso pubblico dell’attività di riparazione veicoli o di altre attività artigianali e agli obblighi di pulizia da parte degli esercenti. Contrario il voto del consigliere Rosario Andreozzi (Napoli Solidale Europa Verde).

Il tema di sicurezza urbana è delicato, ha spiegato nella relazione l’assessore alla Sicurezza e Polizia Urbana De Iesu, perché si presta anche a visioni ideologiche. Le esigenze sul territorio sono mutate nell’ultimo decennio, in particolare lo stile di vita dei giovani legato all’aggregazione notturna. Il regolamento intende rispondere all’esigenza di dare un equilibrio tra la legittima esigenza dei giovani ad aggregarsi, il diritto allo sviluppo economico dei commercianti e il diritto dei residenti alla vivibilità. Il lungo lavoro con la commissione di portare miglioramenti al testo sono stati aggregati nel maxiemendamento, ha raccontato infine De Iesu.

Tra gli interventi: l’obbligo di mettere in sicurezza gli immobili dismessi, una snella procedura per sanzionare le occupazioni di suolo pubblico abusivo; il divieto di consumo di alcolici in strada dopo le 24; la possibilità di revoca della licenza commerciale in caso di reiterazione di comportamenti sanzionati, quali vendita di alcolici a minori e vendita di alcolici dopo le ore 3, oltre al mancato rispetto delle norme sull’impatto acustico. Il presidente della commissione Polizia Municipale Pasquale Esposito è intervenuto per riepilogare il lavoro di confronto e ascolto svolto dalla commissione, anche rispetto ad associazioni di categoria e comitati di residenti. Si tratta di un primo passo verso una regolamentazione del fenomeno della movida, sulla falsariga di altri analoghi regolamenti adottati da altre grandi città. Alcuni punti sono innovativi, come il divieto di “adescare” clienti per i parcheggi, ed è integrato da 36 punti contenuti in un maxi emendamento che tende a specificare meglio il testo regolamentare.