Napoletani scomparsi in Messico, al via il processo per conoscere la verità

in News by

A tre anni dalla scomparsa dei tre napoletani avvenuta in Messico, si apre il processo a carico di quattro poliziotti accusati di averli venduto ai narcos. La prima udienza si terrà il 22 febbraio per conoscere la verità su Raffaele Russo, Antonio Russo e Vincenzo Cimmino scomparsi dal 31 gennaio 2018.

Da quanto è emerso dalle prime indagini, gli agenti accusati avrebbero ammesso di aver ceduto i tre napoletani, dopo averli arrestati, a una banda criminale messicana, accettando un compenso pari a 43 euro. Pare che uno degli agenti imputati nel frattempo sia morto in carcere. Intanto Francesco Russo, parente dei tre scomparsi, avrebbe ringraziato l’ambasciata italiana in Messico per i contatti continui, lanciando anche una stoccata alla Farnesina e al Ministro di Maio che non avrebbe risposto invece, alle richieste di aiuto.