Il Distretto Turistico della Costiera Amalfitana alza la voce: “Urge un tavolo tecnico per la sicurezza dei nostri cittadini”

in Campania by

“Quanto successo oggi ad Amalfi, il crollo nei pressi della Marinella, non è un evento imprevedibile. La Costa D’Amalfi ha una sua fragilità geologica e la strada statale amalfitana ha bisogno di una cura e di manutenzione che vadano l’oltre l’emergenza. Come Distretto Turistico Costa D’Amalfi chiediamo che venga immediatamente convocato un tavolo tecnico che operi con decisione e immediatezza e che programmi per il futuro delle popolazioni residenti e dell’economia di questi luoghi”. Lo ha affermato a caldo, Andrea Ferraioli, Presidente del Distretto Turistico della Costiera Amalfitana, intervenendo su quanto accaduto poche ore fa ad Amalfi.

“Bisogna impegnarsi concretamente nella tutela e nel riassetto idrogeologico, superando i campanilismi e le logiche politiche e lavorando insieme per il futuro di questi luoghi con una manutenzione costante e una pianificazione concreta. Sollecitiamo la Regione Campania ad aggiornare il piano per il riassetto idrogeologico dell’area amalfitana d’intesa con la conferenza dei sindaci e con la definizione delle priorità degli interventi ad evitare che le risorse finanziarie disponibili vengano assegnate senza tenere conto delle reali emergenze. Per le stesse ragioni si rende necessario definire – senza ulteriori indugi – il piano di riassetto della viabilità in Costa D’Amalfi soprattutto per creare un sistema che affranchi la 163 dalla funzione di asse viario unico del territorio – ha proseguito Ferraioli –  con tutti i disagi che questo comporta anche alla luce dei fondi che stanno per arrivare dalla Comunità Europea. E’ indispensabile lavorare ad un piano socio-economico che individui le criticità e programmi soluzioni condivise. Come Distretto Turistico Costa d’Amalfi mettiamo a disposizione le nostre competenze e il lavoro fatto in questi anni sui temi della sostenibilità nel caso fosse ritenuto utile. Questa è una destinazione turistica che esprime un PIL di rilievo ma che non ha ricevuto in passato l’attenzione necessaria”.