ESCLUSIVA Campania: Grande successo per il congresso “Giornate pediatriche casertane” con il Prof. Nunziata

in Campania by

Grandissimo successo per il congresso “Giornate pediatriche casertane” tenutosi oggi venerdì 30 ottobre presso l’Aula Convegni Sossietta Scialla del Belvedere di San Leucio a Caserta. A presiedere i lavori il Prof. Felice Nunziata, con colleghi del calibro nazionale ed internazionale. La giornata è stata divisa in quattro sessioni: la prima di allergo-immunologia presieduta dal Prof. Bruno Nobili; la seconda di infettivologia presieduta dal Prof. Silverio Perrotta; la terza di emergenza-urgenza che ha visto presidente il Prof. Antonio Correra e la quarta ed ultima di alimentazione, presieduta dal Prof. Antonio Campa. Parallela, nella Sala Principini, anche una sessione di infermieristica, con la Prof. Marilena Papa come presidente.

Ai microfoni di Notix.it in esclusiva, ha parlato il Prof. Felice Nunziata che ci spiega la mission del congresso: “Abbiamo avuto un riscontro notevolissimo al nostro congresso che si è tenuto oggi a Caserta, iniziando dalle basi delle conoscenze già note ed ampliandole con gli insegnamenti che il lungo momento covid ci ha dato in materia. E’ importantissimo dare la giusta importanza a ciò che avviene nella sfera medica del bambino. Ad esempio, abbiamo dato grande rilevanza alle malattie disconosciute, alle febbri più rare e all’evoluzione della sindrome infiammatoria post covid. Sfatiamo ad esempio il mito del minor contagio del coronavirus tra i più piccoli: c’è, è palpabile, anzi, sono molto contagiati ma spesso, per fortuna, con sintomi più lievi in un primo momento”.

LE SESSIONI. “Nelle nostre sessioni, abbiamo analizzato l’allergo-immunologia e l’infettivologia moderna, abbiamo dato spazio all’infermieristica con una sessione parallela, parlando anche di alimentazione e svezzamento, oggi più noto come “alimentazione complementare” o alle problematiche più comuni anche tra i più piccoli come il diabete. Un occhio al passato, al presente ma anche al futuro, approfondendo la tematica delle diagnosi genetiche, molto interessante”.

RIPRODUZIONE RISERVATA