Campania, Terra dei Fuochi: nuovi controlli in provincia, tre persone identificate

in Campania by

Importanti risultati conseguiti dalle pattuglie dell’Esercito Italiano impiegate per l’Operazione “Terra dei Fuochi” nell’Action Day (operazione di controllo straordinario interforze contro lo smaltimento illecito e i roghi di rifiuti industriali, artigianali e commerciali). I militari dell’Esercito Italiano, unitamente alle Forze dell’Ordine, hanno effettuato nuovi controlli per il contrasto agli illeciti ambientali nelle province di Caserta e Napoli. Il 30 giugno, nei comuni di Gragnano, Sant’Antonio Abate, Santa Maria la Carità e Castellammare di Stabia (NA) sono state controllate 4 attività commerciali, di cui 3 poste sotto sequestro a cui sono state comminate complessivamente oltre 220 mila euro di sanzioni amministrative, 3 persone identificate tutte successivamente denunciate, ed è stata posta sotto sequestro un’area di 430 Mq in provincia di Napoli e 40 Mc di rifiuti.

Sono, 17 gli equipaggi impiegati per un totale di 44 uomini messi in campo congiuntamente dall’Esercito Italiano, Polizia di Stato, Carabinieri, Polizia Metropolitana, Guardia di Finanza, e polizia provinciale e locale delle località interessate oltre che ASL, ARPAC e ICQRF Italia Meridionale. A supporto delle attività operative sul terreno sono stati impiegati un equipaggio dell’Esercito utilizzante un drone (aeromobile a pilotaggio remoto) che a premessa e durante le operazioni hanno consentito il controllo aereo e la ricerca informativa sui siti sottoposti a verifica, con sorvoli aerei volti ad individuare aree destinate a sversamenti illeciti e possibili attività riconducibili.

Prosegue, in tal modo, lo sforzo di repressione e prevenzione dell’abbandono illecito di rifiuti, secondo la pianificazione stabilita nel piano coordinamento della Prefettura di Napoli con la Prefettura di Caserta, la Questura di Napoli , la Questura di Caserta, e con le Forze di Polizia Provinciale e Metropolitana, le Polizie Municipali dei Comuni di Caserta, Casagiove, San Nicola la Strada, Gragnano, Sant’Antonio Abate, Santa Maria la Carità e Castellammare di Stabia , in base alla programmazione proposta dall’Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania.