DAILY MAGAZINE

Author

Notix - page 2

Notix has 585 articles published.

Matrimoni combinati per permessi soggiorno, 56 indagati: operazione della GdF di Livorno

in Primo Piano by

L’obiettivo era ottenere il permesso di soggiorno. Da qui i matrimoni combinati tra italiani e cittadini extracomunitari, sudamericani e nordafricani. Sono 24 le nozze, celebrate da ignari pubblici ufficiali al Comune di Livorno e una a Rosignano Marittimo, al centro di un’indagine della Guardia di Finanza e della Procura livornese: indagate 56 persone. Tra queste un dominicano 55enne è stato arrestato mentre ad altre 4 persone notificato l’obbligo di dimora e di presentazione alla pg. Ogni matrimonio sarebbe stato pagato tra i 6.000 e gli 8.000 euro. La somma versata dagli extracomunitari per il sì, spiega la Gdf di Livorno, sarebbe stata ripartita tra il ‘coniuge’ o la sposa italiani – 15 gli uomini e 9 le donne livornesi che avrebbero consentito a prestarsi per le nozze combinate -, il 55enne dominicano ‘agente matrimoniale’ e le altre persone che, in più occasioni, avrebbero collaborato all’organizzazione delle cerimonie nuziali. Tra gli stranieri che con le nozze hanno ottenuto il permesso di soggiorno, 16 sono originari della Repubblica Dominicana, 2 del Perù e altrettanti della Nigeria, 1 rispettivamente di Cuba, Marocco, Tunisia e Senegal. Le misure che hanno portato all’arresto del dominicano e agli obblighi di dimora e di presentazione alla pg, notificate a 4 livornesi tra cui una donna, sono state eseguite nelle scorse 48 ore dalla guardia di finanza: l’operazione ha impegnato 100 i militari che hanno effettuate anche 55 perquisizioni tra le province di Livorno, Siena, La Spezia, Torino e Padova.

Ferimento Noemi, killer condannato a 18 anni: 14 per il fratello. Confermata aggravante mafiosa

in Breaking news by

Il gup di Napoli Vincenzo Caputo (24esima sezione penale), al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, ha condannato a 18 anni di reclusione Armando Del Re e a 14 anni suo fratello Antonio, ritenuti responsabili dell’agguato a colpi di pistola esplosi tra la folla, avvenuto il 3 maggio 2019 in piazza Nazionale, a Napoli, nel quale venne anche gravemente ferita Noemi, una bimba che all’epoca dei fatti aveva 4 anni, e la nonna. Vero obiettivo del raid era Salvatore Nurcaro, ritenuto un esponente di un clan loro rivale, anch’egli rimasto gravemente ferito. Al termine della requisitoria i pm antimafia Antonella Fratello e Simona Rossi avevano chiesto 20 anni di carcere per i due fratelli. Noemi rimase ricoverata in ospedale per molti giorni in pericolo di vita. Confermata dai giudici l’aggravante mafiosa in relazione al tentato omicidio, stralciata invece in relazione alla ricettazione di una moto utilizzata durante le fasi dell’agguato. Ad assistere alla lettura della sentenza c’era anche il procuratore di Napoli Giovanni Melillo.

Arresti e false sponsorizzazioni per Promo Volley Urbino e Pallavolo Cesena, chi doveva vigilare?

in Breaking news by

Il quesito che viene da porsi è più che legittimo: chi doveva vigilare su tutto questo e non l’ha fatto? Chi non ha fatto il suo lavoro, e dunque è venuto meno alla sua funzione di controllore, è ancora più colpevole di chi ha messo in piedi questo sistema sul quale è chiamata ad esprimersi l’autorità giudiziaria competente. Un’indagine, questa, che andrebbe allargata a chi comanda nel mondo della pallavolo, ai cosiddetti padroni del valore. Il consiglio che ci sentiamo di dare è quello di stare sul pezzo

Milano, ospedale Covid Fiera: GdF acquisisce carte per inchiesta

in Breaking news by

Il nucleo di polizia Economico Finanziaria della Gdf di Milano sta effettuando acquisizioni di carte del Fondo Fondazione Fiera Milano per la Lotta al Coronavirus in via Manin dove ha sede la Fondazione di Comunità di Milano Città, Sud Est, Sud Ovest e Adda Martesana nell’ambito dell’indagine della Procura sulla realizzazione dell’ospedale anti-Covid nei padiglioni della stessa Fiera. L’inchiesta, al momento conoscitiva è coordinata dal pm Cristiana Roveda e dall’aggiunto Maurizio Romanelli, è partita da un esposto di Adl Cobas.

Coronavirus, De Luca: “Chiusura per negozi che non usano mascherine”

in Breaking news by

È pronta una nuova ordinanza per la chiusura dei negozi dove non solo gli addetti, ma anche i clienti, non usano le mascherine di protezione”. Lo ha detto ai giornalisti il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. “Non sono preoccupato, sono preoccupatissimo – ha aggiunto De Luca – a settembre, con la ripresa delle scuole, si rischia la ripresa del contagio e a quel punto si dovrà chiudere tutto”.

Incontro a Teano tra Caldoro e De Luca. Vicienzo ce fa’ n’uocchio niro a Stefanuccio

in Breaking news by

(Si intende che è uno sfottò) ‘O presidente arriva a Teano, Caldoro già ‘o steve aspettanno cu’ ‘na mazza ‘nmmano. Vicienzo scenne, arape a funtana e l’acqua, e beve. Stefano nun se accorge ca’ steveno quatte trans ‘ncoppo ‘o marciapiede, ca’ appena ‘o vedono, accummenciane a alluccà: “Stefanino…Stefanino…Stefanino…”, Caldoro s gir, mentre arrivav vicino a Vicienzo, Stefanuccio aiza ‘a mazza e contemporaneamente dic ai suoi amici trans: “Ue’ ue’ aspttatm…’o tiempo ‘e me fa’ a Vicienz”. Comme Vicienz sent cheste, ce da’ ‘nu pacchero e ce fa’ l’uocchio nir e si fa mal a man

(Questo pezzo è per far ridere tutti e abbassare sempre i toni nel rispetto dei cittadini)

Consiglio dei Ministri, via libera allo scostamento di bilancio di 25 miliardi

in Primo Piano by

Via libera, a quanto si apprende, del Consiglio dei ministri al nuovo scostamento di bilancio pari a 25 miliardi. L’extra deficit sarà votato in parlamento il prossimo 29 luglio. Una lunga riunione di maggioranza, di oltre due ore, ha anticipato il Cdm. Proprio la cifra del nuovo deficit è stata al centro dell’incontro al quale, oltre al premier Giuseppe Conte e ai capi delegazione di maggioranza, hanno preso parte i ministri Roberto Gualtieri, Stefano Patuanelli e Nunzia Catalfo e i responsabili economici dei partiti alleati di governo. E il Mes? Il grande nodo dell’estate, secondo alcune fonti di maggioranza, ha appena sfiorato il tavolo della riunione. Ma, probabilmente anche per il pressing del M5S, alla fine si è deciso di rinviare la discussione.

Caldoro minaccia De Luca, il Governatore gli manda un regalo?

in Breaking news by

Caldoro e tutti i suoi non riescono a comporre le liste di centrodestra. Sono tutti scappati, e passati nelle liste di De Luca e chi non si candida non vuole niente a che fare con Caldoro. A questo punto per vergogna Caldoro non chiama De Luca per chiedergli di fare anche le liste di minoranza, allora che fa , gli manda messaggi  velati, scambio di voti, ladro di idee, cafone a lui e anche ai salernitani. Conoscendo il pensiero Deluchiano, Caldoro gli fa pena in quanto e’ un poveruomo che cerca lo scontro, e il Governatore sicuramente ha detto ai suoi; mandategli una cinquantina di candidati, non lo rispondete così gli facciamo fare le liste e andate a casa sua e gli portate un bel regalo da parte mia, un pacco con dentro un asino politico come lui? Ah saperlo ….

Il PD mette il nome di De Luca nel simbolo e frega tutti

in Breaking news by

Sono davvero svegli quelli del Partito Democratico. Chi ha avuto l’idea di mettere il nome di De Luca nel simbolo è stato intelligentissimo! E vi spieghiamo il perché: la stragrande maggioranza dei campani vuole votare De Luca e con questa operazione il PD prenderà un numero maggiore, considerevole, di consensi. Anche quelli che avevano difficoltà a votare il PD, non ci penseranno su due volte, perché chi vota PD vota direttamente De Luca

Bisogna prendere atto di una realtà produttiva qual è la Marican. Anche noi ci siamo ricreduti. Un fiore all’occhiello che qualifica tutta Terra di Lavoro

in News by

Bisogna avere coraggio e dire sempre la verità anche quando si prendono posizioni giornalisticamente sbagliate. Non conosciamo personalmente il management della Marican ma passando dalle parti di Gricignano ci è sembrato di attraversare un cantone della Svizzera. Verde manutenuto, rotonde ben curate, aziende presenti di primissimo piano. Che dire: quelli della Marican sono stati capaci e va preso atto. Ci siamo fermati in un bar del luogo, e ci hanno riferito che hanno portato circa 6mila posti di lavoro in questa provincia. E ancora: hanno portato aziende nazionali e internazionali in un’area che faceva letteralmente pena mentre, oggi quella fetta di territorio è stata riqualificata dalla sana imprenditoria. I dati sono questi, e il successo porta gelosia e cattiveria. Bisogna guardare questo gruppo con onestà giornalistica, sono una realtà e le realtà che portano lavoro vanno sostenute energicamente. Noi continueremo a guardare e scrivere con molta attenzione sulla Marican, dal momento che quello che abbiamo visto girando per Gricignano ci ha stupiti tantissimo.

1 2 3 4 59
Go to Top