Abusi edilizi, blitz della GdF al Comune di Castellammare: tre arresti

in News by

Questa mattina la Guardia di Finanza di Torre Annunziata, in esecuzione di un’ordinanza cautelare applicativa degli arresti domiciliari emessa dal Gip del tribunale di Torre Annunziata, ha proceduto all’arresto di E.R., dipendente dell’ufficio tecnico del Comune di Castellammare di Stabia, e dei coniugi A.G. e T.C., ritenuti gravemente indiziati del reato di induzione indebita a dare o promettere utilità. 

L’attività d’indagine, svolta dalla compagnia della Guardia di Finanza di Castellammare di Stabia con la collaborazione degli agenti del locale comando di Polizia Municipale, avvalendosi di attività tecniche di intercettazione, ha consentito di accertare che E.R., quale geometra del Comune incaricato di eseguire sopralluoghi nei cantieri edili, si sarebbe reso responsabile di due distinti episodi delittuosi di indebita induzione, entrambi commessi nel 2019, avendo indotto gli autori degli abusi edilizi accertati a corrispondergli indebitamente somme di denaro ed altri benefici, per poter proseguire i lavori abusivi e non incorrere in una sentenza di condanna.

Contestualmente, in esecuzione del decreto di sequestro preventivo per equivalente, di denaro e di altri beni, per un ammontare complessivo di 14mila euro, pari all’importo del prezzo del reato, nei confronti dei tre soggetti destinatari della misura cautelare, la Guardia di Finanza ha proceduto al sequestro della somma di duemila euro rinvenuta sui conti correnti bancari dei coniugi nonché della somma di euro 950 in contanti e di un ciclomotore del valore di circa mille euro rinvenuti nella disponibilità del tecnico comunale.