Cesaro

Voto di scambio alle Regionali 2015, via libera della Giunta per le Autorizzazioni all’utilizzo delle intercettazioni sul senatore Luigi Cesaro (FI)

in Breaking news by

Disco verde della Giunta per le Autorizzazioni del Senato all’utilizzo di alcuni intercettazioni nell’ambito del processo che vede imputato, tra gli altri, il senatore di Forza Italia Luigi Cesaro; processo che si sta svolgendo dinanzi al Tribunale di Napoli Nord. La decisione della Giunta è arrivata a maggioranza e ha stabilito che vengano utilizzate solamente le intercettazioni del 16, 20, 22, 23 marzo 2015, 1 aprile 2015 e 5 maggio 2015; negato, inveve, l’utilizzo delle intercettazioni del 10 e 14 aprile 2015. La relazione è stata presentata dal senatore Giuseppe Cucca (Pd); a seguire gli interventi dei colleghi Modena, Grasso, Crucioli, Rossomando, Stefani e Balboni. Adesso toccherà all’aula stabilire se debba essere concessa l’autorizzazione definitiva. L’accusa principale per Luigi Cesaro è quella di voto di scambio e riguarda fatti compresi nell’arco temporale tra il maggio e il giugno 2015, ovvero il periodo in cui si sono tenute le elezioni regionali in Campania; elezioni che hanno visto candidato il figlio di Cesaro, Armando, oggi capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale. L’inchiesta conta complessivamente 29 indagati. Oltre a Luigi Cesaro ed al figlio Armando, ci sono tra gli altri la consigliera regionale Flora Beneduce (Forza Italia), l’ex assessore provinciale Antonio Di Guida, l’ex sindaco di Marano Angelo Liccardo e numerosi dipendenti del Comune di Marano, tra impiegati e agenti della Polizia Municipale.