thailandia-bambini-grotta

Thailandia, i ragazzi intrappolati comunicano con le famiglie e intanto i soccorritori cercano alternative

in News/Primo Piano by

Due settimane dall’inizio dell’incubo i 12 ragazzi thailandesi intrappolati nella grotta Tham Luang scrivono ai genitori per rassicurarli. “Non vi preoccupate… siamo tutti forti”. E anche l’allenatore dei ragazzi, il 25enne Ekkapol Chantawong, ha inviato una lettera alle famiglie dei ragazzi, porgendo le sue «scuse sincere» per l’incidente. Nel frattempo, le squadre dei soccorritori sono riuscite a installare un condotto per l’aria, dopo l’allarme suscitato dal calo del livello di ossigeno all’interno della caverna, sceso dall’abituale 21% al 15%. Un ingegnere thailandese che lavora per l’imprenditore statunitense Elon MusK è attivo con i soccorritori impegnati a perlustrare l’esterno della grotta. L’ingegnere thailandese sarà raggiunto in serata da tre colleghi stranieri che lavorano per Tesla, Space X e Boring Company, tre delle aziende di spicco di Musk. Ieri l’imprenditore aveva annunciato su Twitter l’intenzione di partecipare alle ricerche, ipotizzando l’inserimento nella grotta di un tubo di nylon che consentirebbe a ragazzi e soccorritori di camminare senza bisogno di immergersi.