Esposito Nicola

Rete fognaria, truffa per l’erogazione del finanziamento da parte della Regione: indagato il sindaco di Lusciano Esposito

in Breaking news by

Oltre al Comune di Villa Literno, il cui sindaco Nicola Tamburrino è stato ristretto ai domiciliari con l’accusa di corruzione e falso, anche un altro comune dell’hinterland aversano, quello di Lusciano, finisce travolto dalla bufera giudiziaria nell’ambito della stessa indagine della Procura della Repubblica di Napoli Nord e dei carabinieri del reparto operativo di Caserta. Tra gli indagati: il sindaco Nicola Esposito, un suo ex assessore e altri dipendenti comunali. L’accusa è quella di aver posto in essere condotte illecite per ottenere dalla Regione Campania l’erogazione dei fondi europei per la realizzazione della rete fognaria. Il successivo appalto, secondo la Procura, sarebbe stato pilotato e sarebbe finito all’imprenditore Nicchiniello, arrestato, vero anello di congiunzione tra le due vicende. Oltre alla notifica delle misure cautelari e degli avvisi di garanzia, diverse le perquisizioni scattate alle prime luci dell’alba di oggi. La Procura di Napoli Nord aveva chiesto la misura cautelare anche per il sindaco Esposito, ma il gip Antonella Terzi non l’ha concessa.