28 o sindac

Napoli: presunto dossier nei confronti di De Magistris. Il sindaco: “Quando cacciammo Romeo dal comune sapevamo che non sarebbe stata un’operazione indolore”…

in N-Style by

Ci sarebbe un’attività di dossieraggio nei confronti del sindaco di Napoli Luigi de Magistris. “Non mi sorprende e auspico che la magistratura vada fino in fondo” ha ammesso il primo cittadino che ha aggiunto: “E’ esattamente dal 1997 quando cominciai prima facendo il magistrato e ora il sindaco a trovarmi il sistema contro. Non mi meraviglia e ho sempre detto che loro si difendono con le calunnie, le diffamazioni, i dossier, con le propagande a volte mediatiche, politiche e fanno molto male perche’ sono molto pericolosi e tendono a distruggerti sul piano morale, umano e istituzionale. Ma noi opponiamo sempre il cambiamento la voglia di non mollare e vuol dire che stiamo andando dalla parte giusta perche’ se cercano di fermarci costruendo operazioni di dossieraggio vuol dire che abbiamo colto nel segno. Quando cacciammo Romeo dal Comune di Napoli sapevamo che sarebbe stata un’operazione non indolore. Se fosse vero quello che vedo sui giornali che un antagonista politico avrebbe ordinato un dossier contro di me ogni commento e’ superfluo. Evidentemente non riescono neanche a costruire una dialettica politica democratica, devono operare solo con la cattiveria e la calunnia”. Queste le parole del sindaco di Napoli Luigi De Magistris commentando l’inchiesta su un dossier contro di lui che sarebbe stato organizzato da un dirigente del Comune di Napoli e che secondo ipotesi investigative – di cui riferisce la Repubblica – sarebbe stato commissionato dall’ex sindaco di Napoli Antonio Bassolino con il contributo, sempre secondo fonti di stampa, di dirigenti della Romeo Gestione. “Io dissi sin dal primo giorno – ha detto De Magistris – alzando l’asticella sulla vicenda Romeo, perche’ il centrosinistra di Bassolino e Iervolino avevano consegnato a una persona l’intero patrimonio immobiliare della nostra città”.