ancelottidela

Napoli, Carlo Ancelotti si presenta a stampa e tifosi: il punto sul mercato con De Laurentiis

in Campania/News/Sport by

“La Juve ha già vinto? No, certamente Cristiano Ronaldo è tra i più forti al mondo, forse il più forte, e tra 10 anni si dirà in quell’anno è arrivato Ronaldo e tornato Ancelotti in Italia  (ride ndr). Ma la verità è che l’arrivo di Cristiano in serie A dà grandi benefici alla Juve e grandissime motivazioni a sfidarla a tutte noi”. Lo dice Carlo Ancelotti, neoallenatore del Napoli nella prima conferenza dal ritiro di Dimaro. Tanti sorrisi e complicità con il presidente De Laurentiis, la voglia di arrivare lontano e dare alla sua rosa un profilo internazionale, proseguendo con l’ottimo lavoro svolto da Maurizio Sarri nel precedente triennio. “Il Napoli – aggiunge – è una sfida per me e l’obiettivo è sempre quello, rendere competitiva la squadra in tutte le competizioni più a lungo possibile. Se siamo dentro le tre competizioni a marzo aprile e già importante, poi si vedrà cosa succede. Io ho stima e affetto per Benzema, David Luiz, Vidal, Di Maria, ho un rapporto fantastico con loro ma in altre esperienze, adesso non ho sentito nessuno, Cristiano Ronaldo compreso, soltanto Giuntoli e De Laurentiis. Quando arrivo in un club si parla insieme e si cercano soluzioni migliori, non ho mai imposto giocatori a nessuno, ogni società ha sue caratteristiche, obiettivi e possibilità. Valuteremo la nostra rosa, attaccanti compresi, per ora cerchiamo solo un terzino destro”. Poi, parola a De Laurentiis sicuramente meno diplomatico: “La vicenda Sarri è in dirittura d’arrivo – svela- , dipende da lui. Vediamo nelle prossime ore. I miei avvocati hanno stilato delle condizioni e le hanno sottoposte ai suoi avvocati, chi vivrà vedrà. Jorginho? Andrà al Chelsea, come da sua preferenza anche se l’accordo con il City era chiuso. I 91 punti dello scorso campionato hanno fatto bene solo ad una persona, ora non lasciamo nulla al caso e ce la vogliamo giocare su tutti i fronti”.