Milano, picchiava e maltrattava moglie e figli: finisce in manette operaio cinese

in Breaking news by

E’ finito in manette con l’accusa di maltrattamenti e lesioni nei confronti della moglie e dei figli di 12, 7 e 2 anni costretti a subire continue vessazioni nell’appartamento di famiglia di Milano.

A far scattare le indagini, che hanno portato all’arresto del padre-padrone (un operaio tessile 65enne, di nazionalità cinese), la segnalazione arrivata la scorsa settimana dalla preside dell’istituto frequentato dalla 12enne, che negli ultimi tempi era apparsa particolarmente introversa.

La ragazzina, che portava addosso i segni delle percosse del padre, ha accettato di raccontare l’incubo quotidiano vissuto a casa durante audizioni protette, fornendo elementi che hanno portato all’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Le liti in quella famiglia erano note alle forze dell’ordine che, in più occasioni, erano intervenute a seguito delle chiamate dei vicini spaventati dalle urla.