scheda-elettorale-2-2

Il 4 marzo si avvicina: l’unica certezza è la scheda elettorale ma attenti alle novità

in News by

La nuova legge elettorale è complessa ma votare sarà semplicissimo. Prima di tutto, il 4 marzo si riceveranno due schede, una per la Camera e l’altra per il Senato. In entrambe ci sarà un nome di un candidato che sovrasta uno spazio occupato da più simboli di partito (le coalizioni di centrodestra e di centrosinistra) oppure da un simbolo solo. Per esprimere il proprio voto si può fare la croce sul nome del candidato preferito oppure su quella di un partito, non su entrambe. In questo caso il voto andrà sia al candidato che al partito o ai partiti a lui collegati. Quindi è possibile mettere una croce o solo sul nome del candidato per la quota maggioritaria oppure sul nominativo e simbolo assieme. La nuova legge elettorale è proporzionale, quindi a lato di ogni partito ci sarà un elenco di nomi che saranno eletti se il partito supererà il 3% a livello nazionale, a partire dal primo nome. Se quindi, si vota il simbolo di un partito, automaticamente si vota per il listino collegato. Non si può effettuare il voto disgiunto, ossia non si può votare un candidato di una coalizione o di un partito e un partito non collegato. In questo caso il voto sarà nullo. Tutto chiaro? Attenti!