Estorsione con metodi mafiosi, arrestata ex consigliera regionale del Lazio: fece ricorso a clan per recupero crediti

in Breaking news by

Su disposizione del gip di Roma è finita in manette Gina Cetrone, ex consigliere regionale del Lazio in quota Pdl e attualmente coordinatrice regionale del partito “Cambiamo! con Toti”. Con lei sono finite in carcere altre quattro persone: Armando, Gianluca e Samuele Di Silvio e Umberto Pagliaroli. Ad eseguire i provvedimenti restrittivi gli uomini della Squadra Mobile di Latina. Le accuse, a vario titolo, sono di estorsione, atti di illecita concorrenza e violenza privata, aggravati dal metodo mafioso. Le indagini sono state coordinate dalla Dda di Roma e si basano anche sul contributo dei collaboratori di giustizia Renato Pugliese e Riccardo Agostino. I fatti risalgono alla primavera del 2016.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti Gina Cetrone e il marito Pagliaroli nell’aprile del 2016, chiesero – secondo quanto si legge nell’ordinanza – “l’intervento di Samuele e Gianluca Di Silvio e Agostino Riccardo per la riscossione del credito” vantato nei confronti di un imprenditore dopo avere incassato l’autorizzazione di Armando Di Silvio detto Lallà, capo dell’associazione di stampo mafioso”.