dema1

De Magistris si sfoga sui social e chiama in causa Gentiloni. Qual è la verità? Ah saperlo…

in Breaking news/News by

“Gentiloni è stato leale ma Napoli e la sua gente devono sapere che scientificamente c’è chi ha operato per utilizzare il debito storico, illegittimo e ingiusto, per annientare la città, farci andare in dissesto e fermare la rivoluzione napoletana”. Lo scrive sui social in un lungo post il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, spiegando la situazione tra Governo e Comune sul debito Cr8 risalente agli anni post terremoto dell’80. Sul dissesto del Comune, De Magistris spiega: “Ho le prove e quindi non taccio. ‘Io sò, avrebbe detto Pasolini. Non hanno raggiunto l’obiettivo perché non abbiamo mai smesso di difenderci e combattere per la città ed il suo popolo. L‘eliminazione del pignoramento evita il crollo sociale ed economico della città, ma non basta: la Corte dei Conti, infatti, infligge al Comune di Napoli una sfilza di pesantissime sanzioni, a decorrere dal 2019, tra cui quella di pagare un uguale importo per il debito non pagato. Quindi dovremmo dare allo Stato circa 150 milioni di euro per i debiti che lo Stato non ha pagato in tempo. Siamo i danneggiati e le vittime ma paghiamo come se fossimo i colpevoli. La più feroce delle ingiustizie”.  Sulla scia, il prossimo 14 aprile in piazza Municipio si terrà una manifestazione indetta proprio dal Comune: i manifestanti saranno accolti dallo striscione “No al debito ingiusto, Napoli libera” affisso su Palazzo San Giacomo. Dove sta la verità? Ah saperlo…