Conte

Coronavirus, decreto discutibile del premier Conte in materia di sport: sì alle gare, ma a porte chiuse

in Breaking news by

Un decreto discutibile, quello adottato in queste ore dal presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, in materia di sport, recante “misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”. Da un lato, nel decreto, vi è la solita litania delle precauzioni da adottare (lavare bene le mani, far mantenere la distanza tra atleti/e negli spogliatoi di almeno un metro e così via). Dall’altro, però, si stabilisce che le gare – relativamente alle competizioni sportive di ogni ordine e discipline – possono essere tranquillamente svolte a porte chiuse. Ma ci si rende conto che vengono usati due pesi e due misure, di fronte a questa emergenza che attanaglia l’Italia? Non è un controsenso tenere le scuole chiuse e poi far scendere in campo (in palazzetti, piscine ed altri impianti sportivi) atleti e atlete, seppur a porte chiuse? Forse il presidente Conte dimentica – o fa finta di dimenticare – che ci sono squadre che devono affrontare dei viaggi prima di poter scendere in campo? E se qualcuno, durante la trasferta e l’attraversamento della zona cosiddetta “rossa”, dovesse contagiarsi, che cosa succederebbe? Ma il presidente Conte ha veramente a cuore la salute di atleti e atlete, delle bambine (che garantiscono il servizio campo e pulizia) e di tutto il mondo dello sport? Ah saperlo