DAILY MAGAZINE

Category archive

Breaking news - page 44

Coronavirus, sale il numero di casi positivi: contagiati anche prefetto e questore di Bergamo. Bene hanno fatto le atlete della Volalto a rinunciare alla trasferta

in Breaking news by
tende coronavirus

Coronavirus, sale il numero di casi positivi nel Bresciano: rispetto a ieri, si registrano 74 nuovi casi di contagio, per un totale di 247 pazienti. Diciotto il numero dei decessi, tra città e provincia, dall’inizio dell’emergenza ad oggi. Circa la metà dei contagiati presenta sintomi lievi e viene curata direttamente a domicilio. Un altro 40% è ricoverato nei vari ospedali di città e provincia, soprattutto a Civile e Poliambulanza, mentre il 10% è grave e necessita del ricovero in terapia intensiva.

La situazione va evolvendosi di ora in ora e i dati, nel momento stesso in cui sono diffusi, sono già in parte superati, ma la fotografia resta ugualmente utile per dare un’idea del fenomeno e della sua concentrazione geografica.

Tra i casi positivi anche quelli del prefetto e del questore, rispettivamente Elisabetta Margiacchi e Maurizio Auriemma.

Una situazione da non sottovalutare affatto, come spiegato anche dagli esperti, che ha spinto le atlete della Volalto 2.0 Caserta, squadra di Volley Femminile che milita in A1, a rinunciare alla trasferta a Brescia proprio per evitare possibili casi di nuovi contagi.

Volalto, l’infettivologo Coppola: “Comprensibile la preoccupazione delle atlete”

in Breaking news by
coppola volalto

Cominciamo con il dire che è più che comprensibile la preoccupazione delle atlete. Ciò premesso, la scienza ci dice che io ho un contatto stretto in due casi: o quando stringo la mano, oppure quando rimango per più di 15 minuti nel raggio di un metro dall’altra persona. E’ assai improbabile che, in campo, un’atleta rimanga distante 15 minuti da un’altra atleta”. Lo ha dichiarato il professor Nicola Coppola, Ordinario di Malattie Infettive all’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”

Volalto, il parroco Don Valentino Picazio dalla parte delle atlete

in Breaking news by
don Valentino

Come mai si fanno variazioni tra le diverse discipline sportive, quando tutta Italia è attraversata dal coronavirus? Anche il Capo dello Stato, Mattarella, ha detto di essere attenti e prendere misure rigide. Anche se questo causerà difficoltà alla popolazione. In questo momento mi sembra opportuno che non si giochino queste partite. Sono vicinissimo alla squadra della Volalto. La salute pubblica viene prima degli interessi sportivi, economici e pubblicitari”. Lo ha dichiarato Don Valentino Picazio, parroco delle comunita di Casola e Pozzovetere

Volley femminile, l’onorevole Rostan: “Quello delle giocatrici della Volalto è un gesto di responsabilità. Spostare i campionati di un paio di settimane non credo infici alcuna regolarità degli stessi”

in Breaking news by
Volalto Rostan

A fronte delle misure di prevenzione adottate dal Consiglio dei Ministri perché secondo Lei si è deciso di far disputare lo stesso il campionato di Volley Femminile, A1, anche se a porte chiuse nelle zone rosse? Non è un controsenso?

In un momento di estrema difficoltà come questo, con scenari mutevoli che cambiano di ora in ora, riterrei indispensabile usare la massima prudenza per la tutela della salute di tutti i cittadini, atleti compresi. La riduzione dei contatti per contenere al massimo le possibilità di contagio è un l’unica misura efficace per sconfiggere il coronavirus. In quest’ottica io ritengo che sarebbe stato meglio sospendere tutte le manifestazioni sportive in attesa del passaggio del “picco” di contagi. Ne avrebbe guadagnato in primis la salute degli sportivi e in secondo luogo lo spettacolo che lo sport ci offre con gli spalti gremiti. Giocare a porte chiuse significa perdere la bellezza, il messaggio positivo e le emozioni che il volley sa regalarci”.

Le atlete devono sostenere delle trasferte, a bordo di aerei o treni, anche alla volta delle zone cosiddette “rosse”, dove si registrano focolai di coronavirus. Non si corrono rischi, secondo Lei?

Le misure di prevenzione da adottare sono chiare. A partire dal rispetto delle distanze di sicurezza tra persone e dal suggerimento di evitare, se non assolutamente indispensabile, gli spostamenti con treni, aerei, bus e ogni mezzo che renda difficoltoso il rispetto di tale distanza. Cosa peraltro che risulta difficile osservare anche in campo, specie sotto rete o negli spogliatoi. Non credo ci siano rischi imminenti ma se l’idea di base è quella di limitare i contatti se non indispensabili, proseguirei nel rispetto di questa tesi. Spostare i campionati di un paio di settimane non credo infici alcuna regolarità degli stessi”.

Le atlete, che dormiranno anche in alberghi posizionati nelle cosiddette zone “rosse”, pur in assenza di sintomi evidenti, al loro rientro dovrebbero essere poi sottoposte al test, secondo normativa, affollando ancor di più le strutture ospedaliere e aumentando il rischio di contagio?

Recarsi nelle zone rosse del contagio andrebbe evitato sempre. Almeno fino a quando non riusciamo ad avere un quadro più preciso su tempi e modi di diffusione del virus. Perciò ribadisco che, in questo caso, sarebbe stato meglio rinviare in attesa del picco epidemico.

Hanno fatto bene le atlete ed il Club della Volalto ad indirizzare una lettera alla Lega nella quale chiedono di rinviare le gare nella zona rossa per rischio elevato di contagio?

Il Presidente Sergio Mattarella ha giustamente fatto un appello alla nazione invitando tutti alla responsabilità in questo momento così difficile per il Paese. Credo che la nota sottoscritta dalle giocatrici del team casertano sia un atto che va in questa direzione. Non è con l’ansia e la paura che sconfiggeremo il coronavirus ma con la responsabilità”.

“Commenti negativi sulla foto…”, le precisazioni della Imoco Volley Srl

in Breaking news by
conegliano

Dallo studio legale Moretti e Bortoluzzi riceviamo e pubblichiamo:

Oggetto: articolo “Commenti negativi sulla foto del Conegliano. La verità è che atlete e staff hanno paura ma le società impongono di proseguire” pubblicato il 5 marzo 2020 nel sito internet Notix.it.

Scrivo la presente in nome e per conto della Imoco Volley S.r.l. Società Sportiva Dilettantistica, con sede in San Vendemiano, via Longhena, numero 1.

Mi riferisco all’articolo pubblicato oggi sul sito Notix.it – Quotidiano Nazionale Online, avente ad oggetto “Commenti negativi sulla foto del Conegliano. La verità è che atlete e staff hanno paura ma le società impongono di proseguire” e riferibile genericamente alla Redazione del medesimo sito, non riportando la firma di alcun giornalista.

In tale articolo, il cui titolo già muove pesantissime accuse alla società da me rappresentata, la Vostra redazione ha pubblicato una foto della squadra femminile Imoco Volley e dello staff tecnico, scattata ieri all’esito della partita di Champions League tenutasi a Stoccarda, e che ritrae giocatrici e staff intenti a riparare con la mano la bocca.

Con tale posa, l’intenzione della squadra e dello staff era quella di rassicurare il pubblico, circa la necessità di adottare quelle misure di prevenzione per evitare la diffusione del contagio da coronavirus che tutti noi in questo periodo siamo chiamati ad adottare. Il tutto, però, anche cercando di smorzare gli allarmismi e le preoccupazioni che, in questi giorni, purtroppo, accompagnano il vivere quotidiano di larga parte della nostra popolazione.

Né la squadra né lo staff tecnico hanno mai inteso palesare con tale scatto le asserite paure o i presunti costringimenti di cui invece l’estensore dell’articolo è andato parlando. E in tal senso è stata da più parti correttamente commentata ed interpretata la citata immagine.

Di contro, la Vostra redazione, strumentalizzando l’immagine rappresentata nello scatto di cui sopra, ha invece operato una unilaterale quanto arbitraria interpretazione della stessa, sollevando inaccettabili insinuazioni e pesantissime accuse che ledono gravemente e pesantemente il prestigio e l’immagine della società da me rappresentata.

L’aver affermato che le atlete sono “vittime di un sistema vergognoso” e che “le società obbligano le atlete” a giocare “senza alcuna tutela”, così come l’aver insinuato che “dietro” la squadra ci sarebbero “società di gioco con 1200 dipendenti” che attualmente risulterebbero “in crisi” e che rischierebbero il “default” se la squadra si ferma, sono affermazioni che non corrispondono al vero, né al reale sentire della squadra, e che gettano gravissimo discredito sulla mia Cliente.

Con la presente, pertanto, ferme e riservate tutte le iniziative a tutela dei diritti ed interessi della mia Assistita, Vi invito e diffido a rimuovere immediatamente l’articolo di cui sopra, provvedendo anche alla pubblicazione di un articolo a rettifica avente medesimo, che chiaramente specifichi che quanto contenuto nell’articolo oggi pubblicato non è il frutto delle dichiarazioni delle atlete o dello staff ma esclusivamente una arbitraria interpretazione di un Vostro redattore non accompagnata da un’adeguata verifica dei fatti e da un diretto riscontro della reale posizione dei soggetti interessati.

Avvocato Paola Moretti

Volley Femminile, l’appello dell’onorevole Paolo Russo (FI): “Fermiamo tutto per i prossimi 15 giorni, ne riparleremo quando avremo le idee più chiare. Avere un’atleta contagiata di coronavirus credo non giova all’immagine dello sport”

in Breaking news by
volley

Scuole e Atenei chiusi, sospesi i viaggi d’istruzione o le iniziative di gemellaggio, limitazioni per gli accessi alle strutture sanitarie ed ospedaliere, sospesi meeting, congressi, riunioni, eventi sociali ed altre manifestazioni di qualsiasi natura che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Queste sono solo alcune delle misure adottate nel Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri recante “misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica”. A fronte dell’adozione di queste misure, onorevole Russo (Paolo, ndr, esponente di Forza Italia), perché secondo Lei si è deciso di far disputare lo stesso il campionato di Volley Femminile, A1, anche se a porte chiuse? Non è un controsenso?

Assolutamente sì, è un controsenso. Per quanto concerne le attività sportive sarebbe stato utile ridurre al minimo i rischi che corrono anche gli atleti. Avrei piuttosto utilizzato un criterio più restrittivo. Per essere più espliciti: il principio di prudenza e di precauzione che è stato adottato per le scuole (chiusura fino al 15 marzo, ndr) lo avrei utilizzato come metro anche per le attività sportive. E’ a tutti evidente che, giocando a porte chiuse, si perde un pezzo di spettacolarità e quale migliore occasione per rinviare il tutto a quando le condizioni consentiranno a tutti di essere più sereni”.

Le atlete devono sostenere delle trasferte, a bordo di aerei o treni, anche alla volta delle zone cosiddette “rosse”, dove si registrano focolai di coronavirus. Non si corrono rischi, secondo Lei? Glielo chiedo anche nella sua qualità di medico

Sul piano del principio, i rischi sono relativamente bassi. Ma mi domando: perché correrli? A maggior ragione se si tiene conto di un dato: ovvero che i vettori (aerei e treni, ndr) rappresentano un naturale focolaio di spandimento di virus. La verità è che siamo di fronte ad una prudenza straordinaria sul fronte delle scuole e ad un lassismo e ad un’assenza di prudenza nei confronti degli atleti, specialmente nel settore del volley femminile. Credo che non giovi a nessuno, nemmeno all’immagine dello sport, avere un atleta contagiato di coronavirus”.

Pur giocando a porte chiuse, come si fa a garantire la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, allorquando le atlete in campo devono fare muro? E poi anche negli spogliatoi le atlete hanno contatto tra di loro, come si fa a garantire la loro sicurezza?

Se viene suggerito a palestre e piscine di fermare le attività, proprio in ragione dei contatti, mi domando: perché non adottare lo stesso metro di misura per tutte le discipline sportive? In campo, sul taraflex, il contatto c’è: c’è nei muri, c’è nelle schiacciate. Ho la sensazione che si voglia correre – e far correre – un rischio inutile”

Le atlete, che dormiranno anche in alberghi posizionati nelle cosiddette zone “rosse”, pur in assenza di sintomi evidenti, al loro rientro dovrebbero essere poi sottoposte al test, secondo normativa, affollando ancor di più le strutture ospedaliere e aumentando il rischio di contagio

Stiamo provando a mettere in campo norme che rendano la vita sociale frenata ma, al tempo stesso, semplice. Mi pare, questa, un’inutile complicazione. Noto un accanimento nel pretendere che si giochi. E mi domando: ma a vantaggio di chi?, o di che cosa? Se chiudiamo le scuole che sono un servizio essenziale, con evidenti disagi alle famiglie, e se poniamo in essere una serie di sforzi orientati ad evitare il minimo rischio, perché non viene rinviata un’attività rinviabile”.

Perché non fermare il campionato e attendere che il picco epidemico sia superato?

Una domanda, la Sua, che ha in sé la risposta. Io suggerirei prudenza. Molta prudenza, la stessa prudenza che è stata adottata in altri settori. Suggerirei anche a questo campionato di utilizzare i prossimi 15 giorni come una sorta di riflessione. Verifichiamo cosa accade e poi avremo tutti le idee più chiare sul da farsi. Inutile esporre atleti, atlete e staff tecnici a rischi”.

Coronavirus non ferma concorsi in Campania, De Luca: “Nessun panico ma estremo rigore”

in Breaking news by
Coronavirus non ferma concorso Regione Campania

Sono in atto due concorsi che erano partiti prima dell’esplosione dell’emergenza: un concorso che riguarda il piano del lavoro della Regione per 10 mila giovani da occupare in 250 comuni e che si concluderà credo nella giornata di oggi e un secondo concorso per 650 assunzioni nei centri per l’impiego. Abbiamo adottato tutte le misure necessarie: abbiamo distanziato i banchi, abbiamo collocato distributori di disinfettante. Quel minimo di attenzione e di prudenza. A maggior ragione stiamo mandando avanti i concorsi che riguardano l’aera sanitaria. La nostra linea: Nessun panico ma estremo rigore e attenzione”. Così Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania.

Coronavirus, pm di Foggia avvia indagine: dopo le dichiarazioni del governatore della Puglia

in Breaking news by

La Procura di Foggia ha aperto un’inchiesta conoscitiva in merito ai fatti accaduti a San Marco in Lamis, nel Foggiano, dove è deceduto un 75enne risultato positivo al coronavirus dopo i funerali che si sono svolti alla presenza di centinaia di persone. L’emergenza riguarda l’area tra San Marco in Lamis e San Nicandro Garganico, per la quale ieri il governatore Michele Emiliano ha detto di temere che possa scoppiare un focolaio, come accaduto in Lombardia nella zona di Codogno, e per questo motivo ha chiesto al governo Conte di far scattare la “zona rossa” per limitare i contagi. “Si tratta di una sorta di pre-inchiesta – spiega il procuratore Ludovico Vaccaro – che al momento non ha ipotesi di reato né indagati. È una inchiesta per accertare i fatti ed è di natura conoscitiva”. Il procuratore fa riferimento alle affermazioni di Emiliano che ieri ha parlato di “errore catastrofico” da parte di “un medico legale” che avrebbe rilasciato la salma per i funerali prima di conoscere l’esito del tampone.

Per il bene dell’Italia Conte farebbe bene a dimettersi. Scuole chiuse ma, intanto, nel settore dello sport non blocca i campionati minori

in Breaking news by
conte coronavirus

Ma ci rendiamo conto della politica dei controsensi del presidente Conte? Da un lato si chiudono le scuole, ed è giusto che sia così, dall’altro si consente – anche ai più piccoli – di giocare nelle palestre delle scuole, purché a porte chiuse. Avranno capito che dalla serie B a scendere, per quanto concerne i campionati minori, va bloccato tutto? Possibile che nessuno si preoccupi del fatto che le squadre di A1, nell’ambito del campionato del volley femminile, nel prossimo weekend – ed in quelli a seguire – dovranno raggiungere anche i palazzetti delle cosiddette “zone rosse”, viaggiando a bordo di treni e aerei? Al rientro dalle gare in trasferta nelle zone dove si registrano focolai del coronavirus, le società dovranno necessariamente far sottoporre le proprie atlete al tampone. Ma Conte realmente non ha preso in considerazione il problema o tiene forzature? Per il bene dell’Italia Conte farebbe bene a dimettersi!

Allerta Coronavirus, scuole e atenei chiusi fino al 15 marzo: si decide sullo stop alle partite

in Breaking news by

Il Governo ha deciso per la chiusura di tutte le scuole e gli atenei fino a metà marzo per gli effetti del coronavirus. E’ quanto emerso dalla riunione tra il premier Giuseppe Conte e i ministri a Palazzo Chigi. Giovedì in cdm deficit e dl economia; si decide sullo stop alle partite.

1 42 43 44 45 46 95
Go to Top