carlomarino

 Caserta: il Comune celebra il “Giorno della Memoria”, 27 gennaio, con tre eventi di grande rilevanza

in Campania/Campania News by

Il 27 gennaio giorno della memoria, la ricorrenza in cui si commemorano le vittime dell’Olocausto, con tre eventi di grande rilevanza, organizzati dall’assessorato alla Cultura. Si comincerà domani sera, mercoledì 25 gennaio, alle ore 20,30, quando al Teatro Comunale “Parravano” di via Mazzini andrà in scena la rappresentazione “Vincitori e Vinti”, il processo al negazionismo. L’opera, scritta da Patrizio Ranieri Ciu con il grande penalista scomparso Alfonso Martucci, sarà interpretata dai giovani artisti della “Compagnia della Città” e si avvarrà della partecipazione straordinaria, nel ruolo del Giudice, del sindaco di Caserta, Carlo Marino. Nel giorno della memoria, venerdì 27 gennaio, Caserta ricorderà il dramma dell’Olocausto con l’apertura di una mostra tematica presso il Mac3, il Museo d’arte contemporanea del Comune sito in Via Mazzini, nel Complesso di Sant’Agostino. Alle 11,30 sarà inaugurata una mostra in cui saranno esposti i lavori di grafica degli allievi dell’I.S.I.S.S. “E. Mattei” di Caserta e i calligrammi degli allievi della V sez. E del Liceo Classico della Comunicazione dello storico liceo “P. Giannone”. Alla produzione artistica dei più giovani sarà affiancata una rassegna di opere di alcuni artisti casertani nonché i 20 pannelli del “Viaggio nella Memoria” che, attraverso immagini e testo, raccontano le atrocità dei campi di sterminio e del periodo nazista, l’orrore e la crudezza delle sevizie perpetuate nei confronti di ebrei, ma non solo: nomadi, omosessuali, testimoni di Geova e altri non erano degni di confondersi con la razza “pura”. I pannelli fotografici appartengono all’associazione “Melagrana onlus” che ha collaborato all’iniziativa promossa dell’assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, Daniela Borrelli, e dell’assessore all’Accoglienza e all’Immigrazione, Rita Martone. “Quest’anno – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – abbiamo deciso di dar vita a diverse manifestazioni che ricordino l’orrore più grande che sia mai avvenuto nella storia dell’uomo, che è l’Olocausto. È importante non dimenticare e focalizzare l’attenzione anche sulle tremende stragi che i nazisti hanno compiuto nei nostri territori, insanguinando le comunità e spargendo terrore. Nel mio caso, poi, ho deciso di testimoniare l’attenzione nei confronti di un tema così delicato attraverso la partecipazione ad una recita, nella quale onoro la memoria delle vittime e del grande avvocato Martucci, uno degli autori del testo”.