fognecapua

Capua: le acque reflue finiscono nel fiume Volturno, i Carabinieri sequestrano dieci impianti

in Campania News/Primo Piano by

Le acque reflue provenienti dalla rete fognaria del Comune di Capua finivano direttamente nel fiume Volturno aumentandone il livello di inquinamento invece di andare al depuratore. Lo ha accertato un’indagine dei Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, che qualche giorno fa ha sequestrato d’urgenza dieci impianti di sollevamento delle acque reflue fognarie e meteoriche del Comune, indagando per i reati di disastro ambientale, sversamento liquidi nocivi ed immissione in acque superficiali di rifiuti incontrollati, due funzionari dell’ufficio tecnico comunale, il responsabile della ditta cui erano stati affidati i lavori di manutenzione degli impianti e gli ex sindaci, con l’ultimo primo cittadino dimessosi qualche mese fa. Sono stati i carabinieri della Compagnia di Capua guidati da Francesco Mandia a realizzare gli accertamenti, insieme al consulente tecnico nominato dalla Procura, e ad apporre i sigilli all’impianto; contestualmente hanno sequestrato, sia presso il Comune di Capua che presso gli uffici del depuratore consortile di Marcianise numerosi documenti relativi alla progettazione e all’affidamento dei lavori di manutenzione degli impianti.