Warning: Illegal string offset 'src' in /web/htdocs/www.notix.it/home/wp-content/plugins/jetpack/functions.opengraph.php on line 293

DAILY MAGAZINE

Author

Direx - page 2

Direx has 200 articles published.

Lotta alle mafie ed alla corruzione nella Pubblica Amministrazione, arrivano gli agenti “spia” e “patrimonialisti”

in Breaking news by
Gabrielli

Dopo aver superato i corsi ufficiali, tenuti alla Scuola di Polizia di Caserta, sono già operativi i primi trenta agenti sotto copertura. Roma, Milano, Napoli e Palermo le sedi individuate. Il prefetto Franco Gabrielli, capo della Polizia, ha spiegato come i citati agenti rappresentino “una proiezione mirata al contrasto del crimine organizzato nella sua natura attuale: multiforme, ancora militarizzato ma sotto mentite spoglie e, soprattutto, specializzato negli affari illeciti, nazionali ed internazionali”. 

Entrando più nello specifico, il ruolo degli “agenti spia” è quello di sondare eventuali attività mafiose, come ad esempio la corruzione all’interno degli uffici della pubblica amministrazione.

L’altra novità riguarda gli “agenti patrimonialisti”. Chi sono? Agenti, come sottolinea il numero uno della Direzione Anticrimine Centrale, Francesco Messina, in grado di “leggere i bilanci, conoscere il diritto societario, saper verificare conferimenti infruttiferi o controllare polizze fideiussorie sospette”. Ad oggi sono 180 i poliziotti patrimonialisti già formati, anche se nei prossimi anni ne arriveranno altri perché questo, ha aggiunto Messina, è “un investimento oramai imprescindibile per la caratura professionale dei nostri agenti”. 

L’obiettivo principale è quello di colpire i patrimoni mafiosi, puntando sulla convergenza tra i poteri dei questori e le attività di indagine giudiziaria. Mentre in passato le due procedure erano fra loro indipendenti, adesso la prima è quasi in simbiosi con la seconda. In altre parole, gli scambi informativi tra Servizio centrale operativo (Sco) e Servizio centrale anticrimine (Sca) sono continui in nome di un lavoro di squadra.

Lecco, i carabinieri del Noe sequestrano 582 balle di rifiuti: erano destinate alla Bulgaria

in Breaking news by
Rifiuti: Noe Milano ne sequestra 815 tonnellate in 17 vagoni

La bolla di accompagnamento parlava di “rifiuti recuperabili”. Ma nel carico intercettato, al contrario, c’erano materiali industriali, plastica, gomma e tetrapack, già trattati in appositi impianti e senza più frazioni riciclabili. Per questo i carabinieri del Noe di Milano hanno sequestrato un’intera spedizione costituita da un carico di 582 balle di rifiuti, riposte su 17 carri ferroviari, nello scalo di Lecco per un peso complessivo di 815 tonnellate, il cui valore si aggira attorno ai 130 mila euro. Il carico era in procinto di essere inviato in uno stabilimento di recupero in Bulgaria.

Corte Costituzionale, è Marta Cartabia il nuovo presidente: rimarrà in carica fino a settembre 2020

in Breaking news by
Marta Cartabia

Marta Cartabia eletta all’unanimità presidente della Corte Costituzionale: 14 voti a favore e sua la scheda bianca.

Un mandato, quello della Cartabia, di appena 9 mesi: scadrà, infatti, il 13 settembre del 2020, visto che è stata nominata alla Consulta il 13 settembre del 2011 da Giorgio Napolitano e l’ufficio di giudice costituzionale non può durare più di nove anni.

Per la prima volta una donna arriva al vertice della Consulta. Approdata alla Corte nel 2011, su nomina dell’allora capo dello Stato Napolitano, dal 2014 vicepresidente, Cartabia è docente universitario di Diritto Costituzionale e ha un profilo internazionale per studi e pubblicazioni.

Originaria della provincia di Milano, ha 56 anni ed è tra i più giovani presidenti che la Consulta abbia avuto.

Caserta, principio d’incendio in locale-guardaroba della Reggia: indagini dei carabinieri

in Breaking news by
Principio d'incendio in guardaroba Reggia Caserta

Un incendio di piccole dimensioni si è sviluppato un uno locale usato come guardaroba al piano terra della Reggia vanvitelliana di Caserta. Sul posto i vigili del fuoco che hanno prontamente spento le fiamme.

Il locale – fanno sapere dalla Direzione del monumento borbonico – è dato in gestione a Civita, associazione temporanea di imprese che gestisce la biglietteria della Reggia”.

Adesso indagine in corso da parte dei carabinieri per verificare le origini dell’incendio.

Daspo e avvisi di garanzia per decine di ultrà granata, operazione della Digos di Torino

in Breaking news by

Gli agenti della Digos stanno notificando, da questa mattina, il Daspo a 75 ultrà granata appartenenti agli “Hooligans Torino”.

In particolare, a 71 ultrà sono stati notificati anche avvisi di garanzia per diversi reati, tra i quali: violenza privata aggravata, rissa, violenza e lesioni nei confronti di incaricato di pubblico servizio.

Sono invece oltre 500 le sanzioni amministrative applicate per violazione del regolamento dello stadio, per un importo superiore agli 80mila euro.

Le indagini hanno portato alla luce anche lo scontro in corso da anni tra gli “Hooligans Torino” ed i gruppi storici della Maratona, la curva da sempre occupata dai tifosi granata. Gli ultrà sono accusati anche di travisamento, porto di strumenti atti ad offendere, accensione e lancio di fumogeni. Oltre ai Daspo, i poliziotti hanno notificato un provvedimento di sospensione della licenza a 3 locali pubblici che erano frequentati abitualmente dai membri degli “Hooligans Torino”.

Fondo Salva-Stati, la maggioranza trova l’accordo: Camere sempre coinvolte

in Breaking news by

Con una risoluzione, 8 pagine in tutto, la maggioranza trova un accordo sul Mes, il fondo Salva-Stati. Nel testo della risoluzione si rimarca anche l’impegno ad “assicurare la coerenza della posizione del Governo con gli indirizzi definiti dalle Camere ed il pieno coinvolgimento del Parlamento in tutti i passaggi del negoziato sul futuro dell’unione economica e monetaria e sulla conclusione della riforma del Mes”. In particolare, si prevede “il pieno coinvolgimento del Parlamento in un’eventuale richiesta di attivazione del Meccanismo europeo di stabilità con una procedura chiara di coordinamento e di approvazione”.

Investe bimbo di 2 anni e fugge, incastrata dalle telecamere: 22enne ai domiciliari

in Breaking news by

È finita agli arresti domiciliari la ragazza di 22 anni che con la sua auto ha travolto un bambino di due anni e la madre che spingeva il passeggino in un incidente avvenuto a Coccaglio, nel Bresciano. Le forze dell’ordine sono arrivati a lei grazie ai video delle telecamere installate in strada. La giovane è accusata di lesioni stradali gravi e omesso soccorso.

La giovane non è stata ancora interrogata ed è probabile che racconti la sua versione dei fatti davanti al gip in occasione della convalida dell’arresto, scattato la scorsa notte.

Il bimbo era nel passeggino ed è stato sbalzato. Le sue condizioni restano gravissime.

Vertice con i sindacati, il premier Conte: “Al Sud rilancio degli investimenti”

in Breaking news by
Conte e sindacati buona

Prima dell’avvio del tavolo con i sindacati, sul tema degli investimenti pubblici e del Sud, rispondendo alle domande dei giornalisti, il premier Giuseppe Conte ha dichiarato: “Il Governo è determinato a riportare l’Italia sulla strada del rilancio degli investimenti: è un tema a cui attribuiamo la massima priorità e urgenza”. L’incontro con le forze sindacali nasce come “primo step di un progetto comune per il lavoro, lo sviluppo e l’innovazione nel nostro Paese” ha aggiunto Conte. Che ha così concluso: “Fondamentale cercare di far marciare tutti nella stessa direzione. Il confronto sul piano degli investimenti pubblici è aperto”.

Stamina, è morto Davide Vannoni: coinvolto in diversi procedimenti giudiziari per trattamento con staminali

in Breaking news by

Si è spento, all’età di 53 anni, Davide Vannoni, padre della controversa terapia Stamina. Malato da tempo, era ricoverato in ospedale. Il ‘guru’ di Stamina, metodo che prevedeva l’utilizzo di cellule staminali per trattare patologie neurodegenerative, era stato coinvolto in diversi procedimenti giudiziari.

Sequestro di 28 Milioni di euro a imprenditore campano, titolare di società di Charter con sede a San Marino

in Breaking news by
San Marino

Un sequestro anomalo. La Procura – succursale Italiana – ha disposto un sequestro preventivo di beni, per 28 milioni di euro, nei confronti di una società di charter, con sede a San Marino, riconducibile ad un imprenditore campano. Al centro delle indagini una sponsorizzazione per 2mln di euro che la società estera avrebbe fatto nei confronti di una società italiana. Operazione più che legittima: non si capisce il perché di una decisione di questa portata che paralizza, di fatto, aziende che contano decine di dipendenti e diverse società collegate che fanno capo alla capofila di San Marino. Si spera nella velocità dei tempi della giustizia, in modo da archiviare questa bufala giudiziaria e mettere le aziende in condizione di pagare, in Italia, gli impegni e gli stipendi ai dipendenti.

1 2 3 4 20
Go to Top